Lo Sporting "acquista" Francisco, un piccolo tifoso di cinque anni

Commovente gesto del club di Lisbona, che acquista in via ufficiale un bambino, malato di cancro, esaudendo il grande sogno di giocare per la sua squadra del cuore.

La presentazione del nuovo "acquisto" dello Sporting: Francisco

1k condivisioni 9 commenti

di

Share

È stato presentato ufficialmente questo weekend, il nuovo "acquisto" dello Sporting Lisbona. Si tratta di un colpo di mercato molto particolare, un gesto commovente e solidale da parte del club lusitano nei confronti di Francisco, un bambino di 5 anni che sta combattendo la sua battaglia contro il cancro.

Lo sta facendo da vero leone, proprio come il simbolo della squadra di cui è un grandissimo tifoso, lo Sporting. E ora ha coronato il suo sogno visto che è stato acquistato a tutti gli effetti dalla sua squadra del cuore, della quale indosserà la maglia numero 12.

Vestito con il completo biancoverde si è presentato davanti ai giornalisti con il presidente Bruno de Carvalho. Dopo la stretta di mano di rito in favore dei fotografi, è arrivato il commento del patron della società di Lisbona: 

Siamo felici di assumere Francisco, che avrà il compito di dare il via alla nuova stagione sportiva. È la più grande sorpresa della serata, quella che tutti i tifosi aspettavano. Un rinforzo importante, che sicuramente dimostrerà quello che lo Sporting sarà in futuro. Il club ha alle sue spalle 110 anni di storia ed è grazie a persone come Francisco che ne farà altri 110 come minimo. 

Dopo la cerimonia Francisco è entrato in campo, dove ad aspettarlo c'erano la squadra e il mister Jorge Jesus. Ma soprattutto, ad accoglierlo c'erano i 30mila tifosi dello Sporting accorsi allo stadio José Alvalade, che gli hanno tributato una commovente standing ovation.

Poi, come promesso, ha dato il calcio d'inizio della nuova stagione. Un tocco simbolico, ma di enorme rilevanza. Già, perché con quel semplice calcio si è realizzato il sogno di un bambino, che ora avrà ancora più forza per affrontare la sua partita, quella più importante.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.