La Griezmann-dance conquista gli Europei. Ma a cosa è ispirata?

Mani che mimano un cellulare e passi di danza: l'esultanza con cui l'attaccante della Francia festeggia ogni gol ha spopolato. Ma da chi ha tratto ispirazione?

Antoine Griezmann, capocannoniere degli Europei con sei reti

735 condivisioni 61 commenti

di - | aggiornato

Share

Mani che minano una coppia di cellulari, sguardo fisso nel vuoto e poker face, con tanto di passetti a tempo di musica. Ma da chi ha tratto ispirazione, il genietto dell'Atletico Madrid, per la sua esultanza? Senza lanciarsi in avventurose ricostruzioni, ci ha pensato lo stesso Griezmann a svelarlo:

È un balletto tratto dal video di Drake, Hotline Bling.

Si tratta quindi della mega-hit mondiale con cui il rapper canadese si è fatto conoscere in ogni centimetro quadrato del globo. E che gli ha fruttato qualcosa come nove dischi di platino e il primo posto nella classifica Usa. Insomma, un modello niente male a cui ispirarsi. E su cui riderci sopra, come ha dimostrato lo stesso Griezmann pubblicando sui propri profili social il video-parodia in cui la testa del giocatore transalpino campeggia al posto di quella di Drake.

D'altra parte, la scelta del "petit diable" francese non è una novità di questi Europei: è un'usanza che i tifosi colchoneros hanno imparato a conoscere già da molto tempo. È in queste settimane però che la Griez-dance è diventata virale, grazie alle quattro volte in cui l'ha mostrata in mondovisione. Ma come, non erano sei le reti messe a segno dall'attaccante francese. Sì, ma in due occasioni si è dimenticato di esultare alla solita maniera:

Contro l'Albania l'emozione è stata troppa e mi sono scordato, la stessa cosa è capitata quando ho segnato il secondo gol contro l'Irlanda.

Drake nel video della sua hit mondiale "Hotline Bling"

Se dovesse segnare al Portogallo, magari la rete decisiva per la vittoria degli Europei, il rischio di dimenticarsi di nuovo della sua "versione" di Hotline Bling sarebbe elevato. Ma il ct Deschamps e i tifosi transalpini, ne siamo certi, se ne farebbero volentieri una ragione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.