Euro 2016, Löw: "Impressionato dall'Italia, ma non li temiamo"

La Germania non ci ha mai battuti né ai Mondiali, né agli Europei, ma il ct tedesco non ha paura: "L'Italia ha giocato una grande partita contro la Spagna, ma io resto sereno".

Löw

388 condivisioni 100 commenti

di

Share

Se Italia-Spagna è la partita infinita, anche Italia-Germania non scherza. Solo che contro i tedeschi siamo statisticamente e pericolosamente in vantaggio. Pericolosamente perché, lungi dal voler menar gramo, le statistiche sono fatte per essere smentite. Intanto, però, da 54 anni non sono state smentite: che la Germania fosse quella dell'Ovest o quella dell'Est, che giocasse con fior di campioni o meno, da Beckenbauer a Matthaeus, da Brehme a Gerd Müller, da noi le ha sempre prese, sia ai Mondiali che agli Europei, o al massimo ha strappato un pareggio.

Messico 1970: Italia-Germania 4-3

I precedenti

"Purtroppo nel calcio mica vince sempre il migliore, soprattutto se si gioca Italia-Germania" e "ancora Italia-Germania? Proprio la partita che non avrei mai voluto si giocasse". Sono solo alcuni dei primi tweet lanciati dai tifosi tedeschi allarmati dal ritorno della sfida eterna, le cui tappe hanno fatto la storia del calcio. Dal mitico 4-3 di Messico 1970 alla finale dei Mondiali 1982, quelli dell'urlo di Tardelli, fino alla semifinale del 2006, col gol di Fabio Grosso nei supplementari. L'ultima tappa è l'istantanea di Mario Balotelli in posa da Hulk, dopo aver segnato la doppietta che ci mandava in finale a Euro 2012 contro la Spagna.

Balotelli-Hulk dopo la doppietta contro la Germania a Euro 2012

Il pensiero di Löw

Il ct tedesco Joachim Löw non si fa condizionare dai precedenti, anzi ne fa tesoro ammettendo i propri errori di quattro anni fa, quando si preoccupò troppo della presenza di Pirlo e poi la partita la vinsero i suoi compagni di squadra. In un'intervista a Die Welt, Löw dimostra di aver capito che l'Italia è davvero una squadra:

Sono impressionato da come l'Italia ha giocato contro la Spagna, ma noi non dobbiamo aver paura. In passato loro hanno sempre vinto, ma noi adesso possiamo far cambiare questa tendenza, ne sono convinto.

La Germania arrivata a Euro 2016 è davvero una squadra molto forte, giovane - meno di 26 anni l'età media - ma già esperta, con 14 giocatori che hanno vinto l'ultimo Mondiale. Difficile individuare punti deboli in questa squadra, capace di vincere cambiando quattro formazioni diverse nel torneo.

In attacco, se non segna Thomas Müller, mandano in gol persino Mario Gomez, esiliato in Turchia. Anche la difesa impressiona: zero gol subiti finora, unica degli Europei, con in più la protezione di Manuel Neuer, il portiere che sa anche fare il libero.

Mario Gomez contro la Slovacchia

L'Italia, forse, può far leva sulla speranza che il ct della Mannschaft, se non è condizionato dai precedenti, lo sia dai pregiudizi, visto che quando l'intervistatore gli parla di der Catenaccio (sic) degli italiani, lui risponde:

Sì, l'Italia punta molto sulla fase difensiva e noi dovremo essere attenti a non concedere spazio in contropiede.

Antonio Conte non gradirà. O forse sì.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.