Euro 2016: Polonia di rigore, Xhaka abbandona la Svizzera sul più bello

La Polonia vola ai quarti di finale per la prima volta nella sua storia dopo aver battuto la Svizzera ai calci di rigore, decisivo l'errore dal dischetto di Xhaka.

Euro 2016: la Polonia esulta per lo storico traguardo

101 condivisioni 1 commento

di

Share

La Polonia è la prima delle squadre che vola ai quarti di Euro 2016. Sono serviti i calci di rigore a spezzare l'equilibrio durato più di 120'. L'errore di Xhaka è costato caro alla Svizzera che saluta l'Europeo tra luci e ombre. Nei tempi regolamentari Blaszczykowski aveva portato in vantaggio i suoi, solo una stupenda rovesciata di Shaqiri ha rimesso in gioco gli elvetici, che si sono illusi fino all'ultimo rigore.

Nonostante Milik

Passano 30 secondi e la squadra di Nawalka ha il pallone buono per andare avanti, ma Milik sbaglia l'ennesimo gol del suo Europeo. L'attaccante dell'Ajax inizia a essere in debito verso i compagni. La Polonia non si scoraggia e continua a manovrare in modo ordinato. Le occasioni migliori però capitano sui piedi degli elvetici: Dzemaili, due volte, e Schär peccano di precisione.

La Svizzera spreca più del dovuto e Blaszczykowski colpisce in contropiede: cross dalla sinistra di Grosiscki con il pallone che giunge sul secondo palo dove l'esterno della Fiorentina buca Sommer sotto le gambe. Un gol che rischia di essere decisivo, proprio come contro l'Ucraina. 

Fabianski vola, ma non basta

Nella ripresa l'equilibrio regna sovrano, almeno fino alla doppia occasione dei rossocrociati. La squadra di Petkovic sbatte prima sulle mani di Fabianski, poi sulla traversa: la punizione di Rodriguez è perfetta, ma il portiere dello Swansea vola sotto l'incrocio e salva un gol fatto. Ancor più clamorosa il montante colpito a colpo sicuro dal numero 9 elvetico.

Nel finale la Svizzera si butta in avanti alla ricerca del disperato pareggio e lo trova con un'incredibile rovesciata di Shaqiri: la coordinazione dell'ex attaccante dell'Inter è da manuale, il pallone tocca il palo ed entra in porta. Tutti in piedi per il più bel gol degli Europei, neanche il tacco di Ronaldo può reggere il confronto. È il punto che protrae la partita ai supplementari. Il risultato più giusto per quanto visto nei 90'.

Il gol fa il giro nel del mondo in pochi minuti. Sui social network i tennisti svizzeri, Federer e Wawrinka, esultano per la prodezza del connazionale. 

Supplementari e rigori

Nell'extra time la Svizzera crea due palle gol potenzialmente fatali, entrambe con il nuovo entrato Derdiyok. Ma Fabianski è di nuovo favoloso sul colpo di testa ravvicinato del ragazzo cresciuto a Basilea. I 30 minuti supplementari non bastano, si andrà ai rigori.

Svizzera abbandonata da Xhaka: il neoacquisto dell'Arsenal opta per la potenza, ma non prende la porta. Il rigore decisivo è quello di Krychowiak. Il centrocampista del Siviglia non conosce la paura, la botta a incrociare non lascia scampo a Sommer che ha intuito quasi tutti i tiri dal dischetto. Adesso la Polonia aspetta una tra Croazia e Portogallo, intanto la storia è riscritta. Stanotte sarà festa grande nelle vie di Varsavia e dintorni.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.