World Challenge a Madrid: Trost seconda con 1.93 alle spalle della Beitia

Buon secondo posto di Alessia Trost con il personale stagionale di 1.93m alle spalle di Ruth Beitia. In ambito internazionale brillano Yulimar Rojas con 15.02 nel salto triplo e Nery Brenes con 44”60 nei 400m

9 condivisioni 0 commenti

di

Share

Alessia Trost ha migliorato di un centimetro il record stagionale con 1.93m, che le ha permesso di classificarsi seconda al meeting di atletica IAAF World Challenge di Madrid alle spalle dell’amica-rivale spagnola Ruth Beitia a pari misura ma con un numero maggiore di errori. Sia la spagnola che l’italiana hanno superato la quota di 1.93m alla seconda prova. La friulana ha valicato l’asticella a 1.78m e a 1.83m alla prima prova prima di superare quota 1.87m al secondo tentativo. A 1.90m l’azzurra ha dovuto ricorrere a tutte le tre prove mentre la campionessa europea ha centrato questa misura al primo colpo. Entrambe hanno provato senza successo tre tentativi a 1.95m. L’ucraina Oksana Okuneva si è classificata terza con 1.90m,

Trost si è migliorata di un centimetro rispetto alla migliore misura stagionale all’aperto di 1.92m stabilita a Eugene, anche se a livello indoor ha fatto meglio superando 1.95m lo scorso Febbraio proprio a Madrid. Beitia ha eguagliato invece la miglior misura stagionale outdoor realizzata settimana scorsa sotto la pioggia a Stoccolma. Queste le parole della Beitia al termine della gara

Dopo aver disputato due gare sotto la pioggia sono contenta di aver gareggiato con il sole. Non sono riuscita a superare 1.95m ma ho lavorato duramente e sono fiduciosa di poter fare meglio nelle prossime gare. Kamila Lichwinko ha saltato 1.99m e altre atlete hanno superato 1.97 e penso che il livello della specialità crescerà nelle prossime settimane. Gareggerò a Murcia il 26 Giugno prima dei Campionati Europei di Amsterdam

Salto triplo femminile

Il meeting di Madrid è stato illuminato in ambito internazionale dallo strepitoso 15.02m realizzato dalla ventenne venezuelana Yulimar Rojas all’ultimo tentativo. La campionessa mondiale indoor di Portland 2016, allieva del cinque volte campione del mondo del salto in lungo Ivan Pedroso, ha superato la magica barriera dei 15 metri per la prima volta in carriera dopo averla avvicinata ad inizio stagione in Diamond League a Doha con 14.92m ventoso. In questa stagione solo Caterine Ibarguen ha fatto meglio arrivando a 15.04m. Nella sua serie la sudamericana ha ottenuto anche un secondo miglior salto da 14.78m. Rojas è diventata la ventiquattresima atleta della storia in grado di superare la barriera dei 15 metri ma mai nessuna prima aveva raggiunto un simile risultato a 20 anni. Rojas si allena a Guadalajara a circa 50 km dalla capitale spagnola.

100m maschili

Grande sorpresa sul rettilineo della pista blu del Centro Municipal Deportivo de Mortalez dove l’iraniano Hassan Taftian si è imposto stabilendo il record personale con 10”04 precedendo di due centesimi di secondo lo spagnolo Bruno Hortelano. L’iberico ha migliorato il record nazionale due volte nel giro della stessa serata correndo in 10”08 in batteria e in 10”06 in finale davanti al pubblico di casa. Hortelano, che ha completato gli studi alla Cornell University negli Stati Uniti, ha migliorato il record personale di ben 19 centesimi di secondi.

E’ una stagione molto importante. Ho lavorato duramente per raggiungere queste prestazioni. Mi sto avvicinando all’obiettivo di scendere sotto i 10 secondi ma l’obiettivo è correre i 200 agli Europei di Amsterdam

400m maschili

Grande prestazione cronometrica del campione mondiale indoor 2012 Nery Brenes di Costarica che ha migliorato il record nazionale di cinque centesimi di secondo fermando il cronometro in un eccellente 44”60. 

Sono molto affaticato. Mi alleno a Barcellona dove fa caldo. Qui a Madrid fa ancora più caldo. La mia prossima gara sarà a Montecarlo ma l’obiettivo è entrare in finale alle Olimpiadi”, ha detto Brenes.

Buona gara anche per lo sloveno Luka Janezic che ha migliorato il record nazionale con 45”22.

100m femminili

La nigeriana Blessing Okagbare si è imposta in un buon 11”09 precedendo di quattro centesimi di secondo l’equadoregna Angela Tenorio.

800m maschili

Il bosniaco d’Italia Amel Tuka, medaglia di bronzo ai Mondiali di Pechino 2015, ha avuto la meglio per appena un centesimo di secondo sull’argento mondiale indoor Antoine Gakeme in 1’45”23 in un arrivo al photo-finish. Per entrambi si tratta del record stagionale, Tuka ha bissato il successo dello scorso anno quando scese per la prima volta al di sotto della barriera dell’1’44” con 1’43”84. Terzo posto per Mohamed Aman in 1’45”62.

110 ostacoli

Lo spagnolo di origini cubane Orlando Ortega ha regalato un successo al pubblico di casa vincendo in un buon 13”17, a soli cinque centesimi di secondo dal recente record nazionale stabilito a Doha.

400m ostacoli

L’ex campione NCAA Jeshua Anderson si è aggiudicato la gara di apertura del meeting in 48”96 per due centesimi di secondo sul sorprendente filippino Eric Cray

400m femminili

La canadese Carline Muir si è imposta stabilendo il record personale con 51”05. Muir si è fatta conoscere anche in Italia per aver vinto al Memorial Graziano Della Valle di Pavia lo scorso Maggio. La portoghese Carla Azevedo ha migliorato di un secondo esatto il record nazionale che risaliva a 17 anni fa fermando il cronometro in 51”63.

Salto in lungo maschile

Il campione europeo under 23 Fabian Heinle ha superato la barriera degli 8 metri con 8.01m precedendo di un centimetro l’argento mondiale 2013 Ignisious Gaisah.

800m femminili

La cubana Rosemary Almanza ha conquistato il successo in 2’00”82 precedendo l’ucraina Nataliya Lupu (2’00”36) e la giovane islandese Anita Hinriksdottir (2’00”86).

Lancio del giavellotto femminile

Successo cinese della quinta classificata dei Mondiali di Pechino Li Lingwei con il personale stagionale di 61.96m.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.