Euro 2016, Italia-Irlanda 0-1: prima sconfitta per gli Azzurri

Una brutta Italia, contratta e imbottita di seconde linee, perde 1-0 contro un'Irlanda che ha voluto fortemente alla vittoria. La squadra di O'Neill qualificata fra le migliori terze.

Italia Irlanda

85 condivisioni 5 commenti

di

Share

L'Irlanda batte l'Italia 1-0 segnando un gol nei minuti finali, proprio nel periodo migliore degli Azzurri, e si qualifica come migliore terza del girone E, dietro all'Italia e al Belgio, che ha battuto con identico risultato la Svezia con una rete di Nainggolan. Prima sconfitta e primo gol subito dall'Italia a Euro 2016.

Italia contratta e intimorita

Rientrato l’allarme bomba di stamattina nel Media Compound, rimane l’allarme per il terreno di gioco, con Conte preoccupato per le condizioni non proprio ottimali del prato. Quello di stasera è il quarto match fra Italia e Irlanda negli ultimi cinque anni, con un bilancio in perfetta parità: una vittoria a testa e un pareggio.

Conte parte con Bonucci, Barzagli e Ogbonna in difesa, turno di riposo solo per Chiellini, mentre O’Neill rinuncia a sorpresa a O’Shea. L’Italia parte abbastanza alta e prova a rendersi subito pericolosa con una serie di corner consecutivi, ma la migliore occasione iniziale è irlandese con una conclusione dal limite di Hendrick che al 9’ minuto sfiora il palo, con Sirigu in volo. Al 21’ proprio Sirigu diventa protagonista volando a prendere una velenosa deviazione di Murphy, con la palla che si sarebbe insaccata sotto la traversa. L’Italia sembra contratta e quasi intimorita dall’aggressività degli avversari. Per vedere il primo tiro degli Azzurri bisogna attendere fino al 42’, quando Immobile raccoglie un rimpallo, si gira e lascia partire un destro che finisce fuori di pochissimo. Ma è un fuoco di paglia, perché un minuto dopo l’Irlanda è già nella nostra area, dove una spinta di Bernardeschi ai danni di Mc Clean fa gridare i verdi al rigore. Il primo tempo finisce 0-0.

La partita sale di intensità

Brady batte Sirigu e sigla l'1-0

Schieramenti immutati nel secondo tempo, ma l’Italia prova a mostrare un altro piglio, anche se manca un po’ di precisione nei passaggi, oltre alla regia di Thiago Motta. Lampo azzurro al 52’ con una voleè di Zaza su cross di De Sciglio, che sorvola la traversa di un soffio. Dopo dieci minuti appena discreti, però, l’Italia torna a soffrire, non riesce ad azzeccare due passaggi di seguito, Conte non gradisce e lo urla a chiunque passi dalle sue parti.

Il ct azzurro cambia un paio di uomini, l’ingresso di Insigne dà un po' di brio all’Italia e al 78’ porta alla migliore occasione azzurra della partita, un palo colpito proprio dall’attaccante napoletano a Randolph battuto. La partita sale di intensità: all’84’ prima Sirigu ipnotizza Hoolahan in seguito a un pasticcio difensivo di Bonucci, poi sul ribaltamento di fronte tocca a Randolph opporsi a El Sharaawy ma, sull’attacco successivo, l’Irlanda passa in vantaggio con Brady che piomba come un falco su un cross dalla tre-quarti e anticipa il portiere azzurro. Il risultato non cambia fino alla fine, cresce solo il numero dei diffidati azzurri: ora sono 10, compresa tutta la difesa titolare e i due portieri. Antonio Conte a fine match ha commentato:

È stata una partita molto dura, molto fisica. Peccato avere preso gol proprio quando stavamo giocando meglio, ma non ho nulla da rimproverare ai ragazzi.

Il programma degli ottavi di finale

Svizzera-Polonia: sabato 25, ore 15, Saint-Etienne;

Galles-Irlanda del Nord: sabato 25, ore 18, Parigi;

Croazia-Portogallo: sabato 25, ore 21, Lens;

Francia-Irlanda: domenica 26, ore 15, Lione;

 

Germania-Slovacchia: domenica 26, ore 18, Lilla;

 

Ungheria-Belgio: domenica 26, ore 21, Tolosa;

Italia-Spagna: lunedì 27, ore 18, Saint-Denis;

Inghilterra-Islanda: lunedì 27, ore 21, Nizza.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.