Da Alderweireld a Dzsudzsák: gli impronunciabili di Euro 2016 

La guida dei nomi più difficili da pronunciare degli Europei squadra per squadra: tra gli 'impossibili', per gli inglesi, ci sono gli italiani El Shaarawy e Insigne.

Toby Alderweireld, Igor Akinfeev, Stephan El Shaarawy, Balázs Dzsudzsák

192 condivisioni 15 commenti

di

Share

Dall'Islanda alla Russia, passando per Ungheria e Polonia. È lungo e pieno di pericoli il viaggio alla scoperta delle pronunce dei nomi dei calciatori di Euro 2016. Tra i più complicati quelli dell'est Europa, senza dubbio, ma anche quelli che potrebbero essere più vicini alla nostra cultura si trasformano velocemente in false friend. Con l'aiuto del sito ufficiale della UEFA abbiamo ricostruito, squadra per squadra, il modo corretto di pronunciare i cognomi dei protagonisti dell'Europeo di Francia.

GRUPPO A

Morgan Schneiderlin (Francia)

Ha fatto impazzire i tifosi del Manchester United. Il contemporaneo arrivo con Bastian Schweinsteiger ha mandato tilt i più abili tele e radiocronisti inglesi, una mediana di 'sc' e 'r' buttate a casaccio. Per loro fortuna in questo Europeo l'ex Southampton non è tra le prime scelte di Deschamps, che gli preferisce i vari Kanté, Pogba e Cabaye e chi più ne ha più ne metta. Pronuncia esatta: 'Morgan Scnaidarlen'.

Fabian Schär (Svizzera)

Non fermatevi all'apparenza: quello che sembra un nome facile da pronunciare potrebbe nascondere delle insidie. La lingua svizzera è un mix di francese, tedesco e italiano. Nel caso di Schär è la dieresi (i due puntini sopra la 'a') a cambiare le carte in tavola. Pronuncia esatta: 'Fabian Scer'.

Elseid Hysaj (Albania)

Lo abbiamo imparato a conoscere dai tempi dell'Empoli, quando il suo nome ancora veniva pronunciato letteralmente. Ma la 'y' in albanese si pronuncia 'iu', cambiando di poco il modo di leggerlo. Pronuncia esatta: 'Elseid Iusai'.

Andrei Prepeliță (Romania)

 

Sulla maglia nessun segno di pronuncia. Male male. Infatti in romeno la 'ţ' è più simile ad una 'ts' inglese e di conseguenza cambia sostanzialmente il modo di leggere il nome del calciatore del Ludogorets. Per gli italiani l'assonanza con una nota marca di sottaceti è impressionante e un buon modo per sviare le difficoltà di una lingua straniera. Pronuncia esatta: 'Andrei Prepeliza'.

GRUPPO B

Adam Lallana (Inghilterra)

Universalmente il nome del calciatore del Liverpool e della nazionale inglese viene pronunciato letteralmente. Ma viste le chiare origini spagnole, la doppia 'l' dovrebbe essere letta come una 'i', vedi Casillas, Villa ecc... Pronuncia corretta: 'Adam Lallana'.

Igor Akinfeev (Russia)

Tra i tanti nomi difficili da pronunciare dei calciatori russi, abbiamo scelto il primo. Quello del portiere della Nazionale, un'istituzione del calcio dalle parti di Mosca. Ma come si legge? Anche il nomi proprio è diverso da come viene scritto, colpa delle vocali. Pronuncia esatta: 'Igor Achinfeief'.

Patrik Hrošovsky (Slovacchia)

Se pensate di cavarvela con una 'h' muta vi sbagliate di grosso. In slovacco, così come per il ceco, una 'š' è una 'sh'. Pronuncia esatta: 'Patrik Rosovschi'. 

David Vaughan (Galles)

Per un qualsiasi britannico la pronuncia di questo nome potrebbe sembrare scontata. Ma in quanti di voi saprebbero leggerlo senza incappare in figuracce? Per evitarlo, ecco la soluzione a portata di mano. Pronuncia esatta: 'David Voun'.

GRUPPO C

Bastian Schweinsteiger (Germania)

Difficile da pronunciare per tutti i non tedeschi. Ma non si può commettere il delitto di non conoscere alla perfezione il nome di uno dei protagonisti della Nazionale campione del mondo nel 2014. Pronuncia esatta: 'Bastian Sciuainstaigher'.

Artur Jedrzejczyk (Polonia) 

Nella nazionale polacca sono più rari da trovare i nomi facili da pronunciare rispetto a quelli difficili. E tra questi, il terzino del Krasnodar è sicuramente tra i più complessi. Impossibile da leggere senza l'aiuto concreto di un madrelingua. Pronuncia esatta: 'Artur Yendraicic'.

Yevhen Khacheridi (Ucraina)

Il Gruppo C è sicuramente quello che nasconde più trappole, tra Germania, Polonia e la stessa Ucraina. Ma noi stavolta siamo buoni e vi proponiamo una pronuncia facile facile, soprattutto per gli italiani. Stavolta sì che la 'h' è muta. Pronuncia esatta: 'Yehven Kaceridi'.

Conor McLaughlin (Irlanda del Nord)

Facile per tutti i britannici, anche se va sottolineato che McLaughlin in questo caso sono 'kh' piuttosto che 'ff'.Uno scioglilingua più che un cognome. Pronuncia esatta: 'Conor Micloclin'.

GRUPPO D

Cesar Azpilicueta Tanco (Spagna)

Con un po' di fatica e dicendolo lentamente, anche noi italiani riusciamo a non inciampare sulla prossimità della 'z' con la 'p'. Un esercizio terribile per i tifosi del Chelsea che hanno addirittura ideato un coro per il loro terzino dal titolo: "We'll just call you Dave". Ti chiameremo solo Dave, il nome più comune per eccellenza. Pronuncia esatta: 'Zesar Azpilicueta'.

Sime Vrsaljko (Croazia)

Esempio simile a quello fatto prima per Hysaj. Abbiamo sempre pensato di pronunciarlo bene, ma poi ci accorgiamo di non averci mai capito niente. Ecco un aiuto per i tifosi del Sassuolo, ma soprattutto per quelli dell'Atletico Madrid. Pronuncia esatta: 'Scime Versalco'.

Ladislav Krejci (Sparta Praga)

Ritorno degli ottavi di finale di Europa League: in campo ha fatto ammattire la difesa della Lazio, sugli spalti i giornalisti che non capivano come pronunciare correttamente il suo nome. Svelato l'arcano. Pronuncia esatta: 'Ladislav Kreici'. 

Sener Ozbayrakli (Turchia)

Adesso le cose si fanno più complesse. Il turco è lontano anni luce dalla lingua italiana: gli umlaut sono simili al tedesco, la 'ş' è come l'inglese 'sh' e una 'c' è più come una 'j'.Pronuncia esatta: 'Scener Erzbairacler'.

GRUPPO E

Marcus Berg (Svezia)

I giocatori svedesi che militano nei campionati esteri sono abituati a sentire i propri nomi mal pronunciati. Un esempio per tutti è dato dall'attaccante del Panathinaikos, che nella maggior parte dei cognomi è un suffisso: Mellberg, Ljungberg, ecc... Pronuncia esatta: 'Marcus Beri'.

Toby Alderweireld (Belgio)

E veniamo adesso all'impronunciabile per eccellenza: il suo nome non è facile né da leggere letteralmente e ancor più difficile da pronunciare. Non si può spiegare, serve solo tanto esercizio. Pronuncia esatta: 'Toby Alderuerold'.

Stephan El Shaarawy e Lorenzo Insigne (Italia)

Avviso per tutti i britannici: al dì là del nome esotico dell'attaccante della Roma, l'errore più comune è di pronunciare la 'ch' come in inglese, invece è più come una 'k'. Lorenzo Insigne è di livello difficile, per i linguisti si potrebbe dire che la 'gn' funziona come la 'ñ' spagnola.

Richard Keogh (Irlanda)

La maggior parte dei nomi è conosciuta nelle isole britanniche: è da notare che la 'gh' in 'Keogh' non è come la 'gh' in 'cough'. Pronuncia corretta: 'Riciard Chion'

GRUPPO F

Kolbeinn Sigthorsson (Islanda)

Qui il difficile sta nel non confondersi con gli altri islandesi, a cominciare dalla stella della Nazionale: Gylfi Sigurðsson e dal difensore Sigurjónsson. Ad una lettura veloce potrebbero sembrare tutti uguali, fortunatamente non è così. Pronuncia corretta: 'Kolbein Sigtorson'.

Julian Baumgartlinger (Austria)

Fortunatamente per i telecronisti è un mediano talmente compassato che si fa in tempo a pronunciare il suo nome per intero prima che riesca a passare il pallone. Se fosse stato un'ala veloce, avrebbe fatto venire il mal di mare a più di qualcuno. Pronuncia corretta: 'Julian Baumgartlingher'.

Vieirinha (Portogallo) 

Il portoghese, così come lo spagnolo e l'italiano si rivela molto ostico per i paesi anglofoni. Da qui la difficoltà nel pronunciare i nomi dei paesi iberici, soprattutto come quello dell'esterno del Wolfsburg. Pronuncia corretta: 'Vieirigna'.

Balázs Dzsudzsák (Ungheria)

E alla fine arriva lui. Ti fa venire il mal di testa sia con le sue finte che con la doppia Dzs nel suo cognome. C'è chi dice che basta pronunciarla 'sc', ma non è così semplice. Magari lo fosse. Pronuncia corretta: 'Bolaz Giusciak'.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.