La Nazionale celebra il Mondiale del '38 con un tweet... di Meazza

Se nel 1938 ci fosse stato Twitter, come avrebbero festeggiato gli Azzurri la vittoria del loro secondo Mondiale? Ecco la trovata dell'account della Nazionale.

Il ct Vittorio Pozzo alza al cielo la Coppa Rimet vinta nel 1938 in Francia

125 condivisioni 18 commenti

di

Share

Tra le date storiche nella storia della Nazionale italiana, c'è sicuramente il 19 giugno 1938. Allo Stade Olympique Yves-du.-Manoir di Colombes, alle porte di Parigi, l'Italia conquistava quel giorno il suo secondo Campionato Mondiale consecutivo. In quella serata di 78 anni fa, gli Azzurri del ct Vittorio Pozzo batterono 4-2 l'Ungheria: le due reti di Gino Colaussi e la doppietta di Silvio Piola consentirono alla Nazionale di bissare, in terra francese, il successo ottenuto quattro anni prima nei Mondiali casalinghi.

Di quel trionfo ci sono rimasti video d'epoca, foto ingiallite in bianco e nero e la cronaca dei quotidiani. Niente a che vedere con la mole di materiale mediatico di cui godiamo al giorno d'oggi. Ma se fossero già esistiti i social network, come avrebbero festeggiato i giocatori? È la curiosa domanda a cui ha risposto Vivo Azzurro, l'account della Nazionale italiana. In che modo? Attraverso un "tweet" del capitano Giuseppe Meazza: "L'abbiamo vinta ancora!!! CAMPIONI DEL MONDO!", è la frase che El Pepin - come recita il profilo Twitter creato a nome di una delle leggende immortali del calcio italiano - avrebbe scelto per celebrare la conquista della seconda Coppa Rimet di fila.

Una trovata davvero originale, che ha subito riscosso grande successo tra gli utenti del popolare social network. Tanto da meritarsi i complimenti della Fifa, che tramite il proprio account ufficiale ha sottolineato con tre emoticon d'applausi l'iniziativa, nata per celebrare l'anniversario di quella vittoria.

Dopo aver eliminato agli ottavi di finale la Norvegia (allora si iniziava direttamente dalla fase a eliminazione diretta), i padroni di casa della Francia nei quarti e il Brasile in semifinale, gli Azzurri ebbero quindi la meglio sulla selezione magiara del ct Schaffer e di capitan Sarosi. Schierato secondo il tradizionale "metodo" tanto caro a Pozzo, a Colombes scese in campo quest'undici titolare:

Olivieri; Foni, Rava; Serantoni, Andreolo, Locatelli; Biavati, Meazza, Piola, Ferrari, Colaussi.

Fu proprio quest'ultimo a sbloccare la partita dopo 6 minuti, prima del pareggio all'8' di Titkos. I campioni del mondo in carica chiusero poi il primo tempo sul 3-1, grazie alla rete di Piola (16') e al secondo sigillo personale di Colaussi dopo 35 minuti. Inutile il gol del definitivo 4-2 siglato al 70' da Sarosi: la Coppa Rimet fu sollevata al cielo da Pozzo e dai suoi giocatori. Senza celebrazioni sui social, però. Almeno fino al 19 giugno 2016.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.