Euro 2016, Gruppo D: la Spagna dà spettacolo, i croati sprecano

La Croazia di Cacic si fa riprendere ingenuamente da una Repubblica Ceca combattiva. Per la Spagna è tutto facile a St. Etienne: 3-0 alla Turchia di FatihTerim.

Alvaro Morata, 23 anni

529 condivisioni 3 commenti

di

Share

Dominio rosso nel Gruppo C di Euro 2016. La Spagna vince anche la seconda gara dopo aver battuto la Repubblica Ceca e conquista vetta e qualificazione agli ottavi, complice il pareggio di un'ingenua Croazia. Anche la selezione di Cacic poteva andare a punteggio pieno e mantenere il passo della Roja, ma ha sbattuto contro i cechi di Vrba, gli ultimi a mollare. La Turchia è l'unica vera sconfitta di questa giornata, a secco di punti dopo due partite.

Repubblica Ceca-Croazia 2-2

Croazia sprecona a St. Etienne. La formazione di Cacic butta via un vantaggio di due reti facendosi rimontare nel finale e perdendo il treno che porta direttamente agli ottavi di finale. Tutto rimandato per i quadretti, mentre per la Repubblica Ceca le speranze di andare avanti sono ancora vive grazie a questo pareggio.

Nel primo tempo la qualità della Croazia ha fatto la differenza. Poche storie, in campo c'è solo la squadra con la maglia azzurra, sempre pericolosa sulle corsie esterne da cui arrivano spioventi molto invitanti per Mario Mandzukic, nemico numero uno nell'area ceca. La retroguardia di Vrba, composta da Kaderabek, Sivok, Hubnik e Limbersky, traballa, ma in porta Cech sbarra la strada ai tentativi avversari risultando decisivo specialmente su Rakitic da distanza ravvicinata. Poco dopo però l'estremo difensore dell'Arsenal deve arrendersi al mancino di Ivan Perisic, che dopo il suo classico doppio passo lascia partire un tiro micidiale e sigla il 14esimo gol personale con la maglia della Croazia.

Nella ripresa non cambia il copione, dopo circa un quarto d'ora di gioco la Croazia trova il gol del raddoppio con Rakitic. Il centrocampista del Barcellona, innescato da Brozovic dopo un errore clamoroso di Hubnik, scavalca Cech con un delizioso colpo sotto che fa impazzire i tifosi croati. Questi ultimi si sono poi resi protagonisti di un episodio davvero spiacevole, l'ennesimo di questa edizione degli Europei. La frangia più estrema della tifoseria bianco-rossa ha lanciato in campo dei fumogeni costringendo Clattenburg a sospendere momentaneamente il match per permettere l'intervento degli addetti.

Dopo questa bravata, ironia della sorte, la Croazia si spegne. Al 76' Rosicki pesca con l'esterno destro il nuovo entrato Skoda, che di testa la gira benissimo battendo Subasic e riaprendo i conti. La Repubblica Ceca riacquista fiducia, Brozovic fallisce l'occasione di chiudere il match e nel finale la Croazia completa il suicidio: Vida commette un fallo di mano ingenuo in area di rigore, regalando ai cechi l'opportunità di pareggiare. Dal dischetto va Necid, che con freddezza mette in rete la palla del 2-2.

 

Spagna-Turchia

Parte bene la Turchia, che occupa bene il campo e prova a spezzettare il monologo spagnolo. La resistenza turca inizia tuttavia a tremare già dopo dieci minuti. Babacan viene salvato dal palo, poi viene graziato da un Pique impreciso. La Turchia prova a reagire con qualche contropiede, troppo poco per la Spagna di Del Bosque che inizia ad ingabbiare gli avversari con un'ipnotizzante ragnatela di passaggi.

Al 28' Nolito va vicino al gol con un gran destro da fuori area, ed è lui stesso a servire Morata pochi minuti dopo per la rete del vantaggio. Il colpo di testa dello juventino inaugura lo show spagnolo. Segue le sue orme anche il suo compagno di reparto Nolito, che al 37' infila il raddoppio sfruttando l'assist goffo e involontario di Topal.

La girata di Nolito.

Sotto i riflettori già nella prima frazione, sale definitivamente in cattedra nella ripresa Don Andrés e la Spagna dà spettacolo. Passano solo due minuti e l'asso blaugrana mette una palla impressionante per Jordi Alba che, con grande altruismo, serve Morata. Per il numero 7 è facile mettere in porta il 3-0 che chiude definitivamente il match. Il Moratazo sfiora la tripletta poco dopo, ancora su assist di Iniesta, poi la Turchia mostra un piccolo segno di reazione con Burak Yilmaz, ma non basta per spostare gli equilibri, tutti a favore della Roja. 

La Spagna mantiene il pallino del gioco fino a fine gara, lasciando poco spazio ad una Turchia demoralizzata e già con la testa al prossimo match contro la Repubblica Ceca.

Il migliore in campo. Andrés Iniesta.

La prossima giornata

Repubblica Ceca-Turchia: martedì 21 giugno, ore 21.

Croazia-Spagna: martedì 21 giugno, ore 21.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.