MSN, oltre loro c'è di più: ecco il nuovo Barcellona versione 2016/17

Messi, Suarez e Neymar, ma è vietato accontentarsi: Luis Enrique ridisegna il Barcellona. Il sogno è André Gomes, per l'attacco idea Nolito, in difesa arriva Umtiti.

Barcellona versione 2016/17

160 condivisioni 1 commento

di

Share

Tutta l’Europa è mercato. Gli acchiappa talenti puntano i loro radar in Francia, in attesa di nuove stelle da scoprire. Già, perché una volta tramontato Euro 2016 molti eroi nazionali si chiederanno: “in che squadra giocherò domani?”. E senza dubbio, c’è chi punterà in alto: magari sognando di finire al Barcellona.

Voglia di Champions League

Riconquistiamola. In Catalogna aleggia un solo imperativo categorico: vincere la Champions League. Normale se davanti puoi sciorinare la MSN, il tridente più forte dell’universo. Così, Luis Enrique, a ragion veduta, comincia a programmare la prossima stagione. Va bene, davanti ci sono Messi, Suarez e Neymar, ma puntellare l’attacco con qualche rinforzo sarebbe comunque buona cosa. Per questo, occhi dritti in Francia, e se è possibile in casa propria.

MSN, e poi?

A volte ritornano. E Nolito, al Barcellona, tornerebbe rigenerato. In casa Celta Vigo, nell’ultima stagione, Manuel Agudo Aduràn, in arte Nolito, ha impresso per dodici volte il suo timbro nella Liga. Un bottino sufficiente per convincere del Bosque a spalancargli le porte di Euro 2016: insomma, l’uomo perfetto per rilanciare la Spagna, a fianco di Morata. Ma serve di più, perché Nolito, per soddisfare i desiderata blaugrana, dovrà essere l’artefice di un grande Europeo. Tuttavia i suoi 18 milioni di clausola rescissoria, al netto dei prezzi da nababbi richiesti per gli altri top player, non sono affatto un cifra impossibile.

Nolito, bomber del Celta Vigo

Nostalgia canaglia. Sempre dalla Spagna c’è gente che va e gente che viene. Un altro pretoriano di del Bosque, infatti, è in predicato di fare l’ennesimo dietro-front, direzione Barcellona. Trattasi di un certo Pedro, la cui nostalgia dei colori blaugrana ne sta tormentando l’esistenza.

Spero di tornare lì, ma so che è difficile. Ho già parlato con Bartomeu durante la finale di Coppa del Re e mi ha confessato che in tanti vorrebbero un mio ritorno. La situazione è complicata ma io ho sempre detto di voler chiudere la carriera al Barcellona. 

Sì, parole e musica di Pedro, attaccante del Chelsea al servizio della Spagna per la kermesse francese. Ma Conte, futuro allenatore dei Blues, per adesso non ci pensa.

Per dare fiato alla MSN, però, uno dei nomi più caldi è quello del francese Kevin Gameiro. Quest’anno, al Siviglia, Kevin ha realizzato 29 gol complessivi facendo lievitare il prezzo del suo cartellino. Il club andaluso sarà disposto a cederlo, ma solo ad una condizione: chi vuole Gameiro, se lo segni, dovrà sborsare 40 milioni, il prezzo della sua clausola rescissoria.

Kevin Gameiro, attaccante del Siviglia

Secondo il Mundo Deportivo, quotidiano vicino agli affari blaugrana, gli altri due nomi per il futuro attacco del Barcellona sono il colchoneros Luciano Vietto, e il 27enne Lucas Perez, punta del Deportivo. Alla corsa per quest’ultimo, tra l’altro, si sono iscritte anche Inter e Napoli.

Gelosia Mascherano

Altro che Juventus, il Barcellona ripartirà da Javier Mascherano. ‘El Jefecito’ tesse la trama del suo imminente destino, e continuerà a diffondere il verbo del suo calcio di sostanza in terra spagnola. Secondo la stampa iberica, a breve, arriverà l’ufficialità del rinnovo del campione argentino, con buona pace di Marotta e Paratici.

Intanto, sempre per la linea mediana, è tornato alla base blaugrana Denis Suarez. Il Barcellona, infatti, ha fatto valere l’ormai nota recompra, versando nei caveau del Villarreal 3.5 milioni di euro.

Ma diciamo le cose come stanno, il vero sogno di Luis Enrique è un altro. E attenzione, non ditelo alla Juventus: i mecenati blaugrana, sotto traccia, faranno di tutto per portare alla corte di Luis Enrique un certo André Gomes, una delle stelle del Portogallo di Euro 2016.

Già, altro che Cristiano Ronaldo, è proprio André Gomes, talento della nazionale di Fernando Santos, l’oggetto del desiderio dei maggiori club europei. E visto l’approdo al fulmicotone di Miralem Pjanic in bianconero, la Vecchia Signora sembra mollare la pista Gomes, caldeggiata per mesi da Marotta e soci.

Il prezzo? Cifre modiche, intorno a 65 milioni. Chissà, conviene davvero blindare Mascherano? Per Gomes, però, il Barcellona dovrà accelerare la burocrazia, stante il deciso e provato interesse del nuovo Manchester United targato Mourinho.

Altro nome, altra lotta con Mourinho. Questa volta l’oggetto del contendere tra United e Barcellona è il polacco Gregorz Krychowiak, protagonista della partita della noia, quella tra Germania e Polonia. Il ragazzo, tuttavia, è stato uno degli artefici del miracolo Siviglia in Europa League. Il suo contratto col club andaluso scadrà nel 2019, al netto di una clausola di 34 milioni di euro.

Adios Dani

Capitolo difesa, e qui Luis Enrique potrebbe innervosirsi. Elaborato il lutto sportivo relativo alla perdita di Dani Alves, la casella del terzino destro, ora come ora, è occupata solo da Aleix Vidal e Sergi Roberto. Certo, nei giorni passati aleggiava l’ipotesi di Hector Bellarin, esterno destro di casa Arsenal, ma l’ipotesi pare tramontare.

Ma non è finita, perché la difesa blaugrana è stata falcidiata da una vera e propria diaspora. Oltre ad Alves, da Barcellona è scappato anche Marc Bartra, accasatosi al Borussia Dortmund per 8 milioni.

Al centro della difesa, invece, ad erigere la cinta muraria blaugrana, assieme a Pique, ci penserà il francese Samuel Umtiti, centrale ormai ex Lione, impegnato con la Francia ad Euro 2016. Il difensore, classe 1993, è stato investito da Luis Enrique come futuro compagno di Pique, dopo aver offerto al Lione 25 milioni di euro.

L'ultima idea, però, è quella relativa a Maurico Lemos, promessa del calcio uruguaiano. Appena riscattato dal Rubin Kazan, questo difensore si è messo in luce in terra spagnola, con la camiceta del Las Palmas. Non solo Barcellona, perché alla corsa per il talento classe 1995 si sono inserite anche Bologna e Sampdoria. E chissà cosa sceglierà Lemos: farsi le ossa in Italia o spiccare il volo al Barcellona?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.