Euro 2016, Albania-Svizzera 0-1: gol di Schär e De Biasi KO

Il difensore elvetico decide il secondo match del Gruppo A con un colpo di testa su angolo di Shaqiri. Parte con una sconfitta l'Europeo dell'Albania di De Biasi.

Albania-Svizzera

117 condivisioni 1 commento 5 stelle

di

Share

La Francia scappa in testa, la Svizzera la raggiunge nel secondo match di Euro 2016. Si completa la prima giornata del Gruppo A, con la Nazionale di Petković che ottiene la vittoria sull'Albania. Bastano pochi minuti per decidere la sfida: al 5' segna Fabian Schär e la squadra di Gianni De Biasi esce sconfitta dalla partita d'esordio in una manifestazione internazionale.

Petković Vladimir
Petković festeggia il successo nel primo incontro della Svizzera

Primo tempo

I valori in campo spostano l'ago della bilancia dalla parte della Svizzera, ma l'Albania ci mette anche del suo nelle battute iniziali. Passano 5 minuti e Shaqiri batte un calcio d'angolo: sul pallone si avventa Berisha, che calcola male il tempo dell'uscita e Schär insacca a porta vuota. Il colpo di testa del difensore vale il vantaggio degli elvetici, si raffredda l'entusiasmo degli albanesi giunti al Félix Bollaert di Lens. Il gol segnato incoraggia l'attacco svizzero, soprattutto Seferović, che cerca subito il raddoppio con un tiro dal limite, ma il portiere avversario si riscatta. Sadiku prova a scuotere i suoi dopo l'inizio di partita tutt'altro che positivo, ma Sommer si fa trovare pronto.

De Biasi si sbraccia in panchina, ma viene tradito dai suoi uomini più esperti: Cana, già ammonito, scivola in marcatura su Seferović al limite dell'area e commette fallo di mano. Per Velasco è doppio giallo e l'Albania è costretta ad un'ora in inferiorità numerica. Džemaili ha subito l'occasione per chiudere i conti, ma colpisce il palo e mantiene in vita gli avversari. Il finale di primo tempo è un assalto alla porta albanese, Berisha si salva ancora su Seferović e il risultato rimane aperto per la ripresa.

Lorik Cana
Cana scivola, fallo di mano: per Velasco è doppio giallo

Secondo tempo

Le difficoltà della squadra di De Biasi, però, sono evidenti fin dai primi minuti della ripresa. Si rinnova il confronto tra Seferović e Berisha, con il portiere ancora protagonista su due conclusioni dell'attaccante nel giro di 10 minuti. Petković vuole sfruttare la velocità di Embolo e richiama in panchina Mehmedi: la scelta dà i primi frutti, con il tiro del nuovo entrato che sfiora la porta dell'Albania.

La tensione per le occasioni sprecate rischia di condizionare la tenuta mentale della Svizzera, Sadiku e Gashi provano a sfruttare le leggerezze della difesa: il primo spara sopra la traversa, il secondo chiama Sommer ad un miracolo che, di fatto, blinda il vantaggio siglato da Schär nel primo tempo. Gli albanesi non ne hanno più, Shaqiri ha la possibilità di chiudere i conti ma la stanchezza si fa sentire. Poco male per l'ex giocatore dell'Inter, che con i suoi compagni può festeggiare la vittoria nel match d'esordio ad Euro 2016.

Festa Svizzera
Festa Svizzera dopo i rischi degli ultimi minuti

Successo prezioso per la Nazionale di Petković, che aggancia Deschamps in testa al Gruppo A e mette in seria difficoltà quella di De Biasi. Il maggior tasso tecnico degli elvetici ha fatto la differenza ed è valso i primi tre punti del cammino europeo. Serve maggiore concretezza in vista delle prossime partite contro Romania e Francia, ma l'esordio positivo può garantire una crescita in termini di entusiasmo. L'Albania, invece, parte col piede sbagliato e conferma la necessità di lottare su ogni pallone per ottenere anche il minimo risultato: la prossima sfida è quella proibitiva con i padroni di casa, serve il primo miracolo.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.