Euro 2016: alla scoperta della Spagna di Vicente Del Bosque

La Spagna campione in carica vuole difendere il titolo per la seconda volta consecutiva. Nel Gruppo D la Roja dovrà vedersela con Turchia, Repubblica Ceca, Croazia.

David Silva, 30 anni.

85 condivisioni 4 commenti

di

Share

La Spagna va a caccia del quarto titolo europeo della sua storia. Nel lontano 1964 il primo trofeo alzato dalle Furie Rosse fu proprio un europeo, deciso in finale contro l'URSS da un gol di Marcelino Martínez, storico goleador del Real Zaragoza. Un digiuno lungo più di quarant'anni è stato poi interrotto da tre clamorosi successi recenti, che hanno posto la Spagna tra le più importanti nazionali al mondo.

Nel 2008, sotto la guida del compianto Luis Aragonés, è arrivato il secondo titolo in bacheca con il trionfo ai campionati europei di Austria-Svizzera, dove la Roja ha battuto in finale la Germania grazie alla rete di Fernando Torres. Due anni dopo gli iberici si sono imposti in Sud Africa, alzando al cielo la prima Coppa del Mondo della loro storia. Nel 2012 hanno poi difeso il titolo continentale surclassando l'Italia di Prandelli, mentre nel 2014 è arrivato un flop davvero amaro ai Mondiali in Brasile, una delusione che Vicente Del Bosque spera di cancellare definitivamente.

Il trionfo della Spagna ad Euro 2012.

Come arriva in Francia

La Spagna si è qualificata per Euro 2016 come prima potenza del Girone C, vincendo nove partite su dieci e perdendone soltanto una. L'obiettivo è stato raggiunto con facilità dalla formazione di Del Bosque, che già nella partita inaugurale ha schiantato la Macedonia con un netto 5-1. Nel match successivo invece è arrivata la prima débâcle in otto anni di qualificazioni, un 2-1 contro la Slovacchia di Hamsik che ha interrotto una serie di 36 partite consecutive senza sconfitte.

La Roja si è rialzata immediatamente rifilando un poker al modesto Lussemburgo, da lì non si è più fermata: sette vittorie di fila, tredici gol realizzati e nessuno subito. Dopo Slovacchia, Lussemburgo e Macedonia, sono finite sotto al carro armato rosso anche Ucraina e Bielorussia. In questa fase preliminare ha brillato la stella di Paco Alcácer, che con cinque gol è stato il miglior marcatore della Spagna. Alla fine però il ventiduenne del Valencia non è stato inserito nella lista dei 23 di Del Bosque, così come Isco, Diego Costa e Fernando Torres. In Francia la Roja, sorteggiata nel Gruppo D, dovrà vedersela con Turchia, Repubblica Ceca e Croazia.

Paco Alcácer, 22 anni.

L'undici titolare

Il modulo più utilizzato finora dal ct di Salamanca è lo stesso che ha caratterizzato gli ultimi successi internazionali della sua Spagna: il 4-3-3. Tra i pali è inevitabile prendere in considerazione Iker Casillas, storico capitano della nazionale e recordman attuale con 165 presenze (di cui più di cento da capitano), ma la stagione strepitosa di David De Gea con lo United fa pensare ad un possibile ballottaggio fra i due. 

Al centro della difesa ci sarà la coppia Sergio Ramos-Piqué, coadiuvata a destra da Juanfran, che vorrà riscattarsi dopo aver sbagliato il rigore decisivo in finale di Champions League con il suo Atlético, e da Jordi Alba a sinistra. La retroguardia di Del Bosque è ben collaudata e non subirà particolari cambiamenti.

Sergio Ramos e Gerard Piqué.

Il centrocampo avrà come protagonisti Sergi Busquets e Andrés Iniesta, già compagni di squadra nel Barcellona, mentre Fabregas e Koke andranno a giocarsi un posto da titolare. In sordina rimangono Thiago Alcantara e Bruno Soriano, pronti a fare da staffetta durante la competizione. Il tridente offensivo sembra essere già annunciato, sarà composto da Morata, Nolito e Silva. Un attacco abbastanza inedito ma dal potenziale molto elevato, che lascia fuori Pedro Rodríguez e Aritz Aduriz. A partita in corso Del Bosque potrà giocarsi la carta Lucas Vázquez. 

Álvaro Morata, 23 anni.

Il veterano, la stella, la scommessa

Il veterano della nazionale spagnola è un portiere che ha segnato la storia calcistica europea degli ultimi decenni: Iker Casillas. Tre Champions League, due Europei, una Coppa Del Mondo e molti altri titoli in bacheca. Il numero uno della Roja è semplicemente una leggenda, senatore assoluto di questa nazionale. Nonostante una stagione non particolarmente brillante al Porto, Del Bosque ha deciso di convocarlo. E come dargli torto.

Individuare un'unica stella nella selezione spagnola è davvero complicato. Il talento di questa nazionale è elevatissimo, una squadra composta quasi per intero da campioni assoluti. Tra gli straordinari elementi che andranno a rappresentare la Spagna all'Europeo c'è però qualcuno che è davvero di un'altra categoria. Stiamo parlando di Andrés Iniesta. L'Illusionista è uno di quei giocatori che nascono una volta ogni cinquant'anni, un talento fuori dal comune che si colloca senza ombra di dubbio tra i più forti calciatori di tutti i tempi. Decisivo già nel Mondiale del 2010, è un l'uomo che da un momento all'altro può cambiare le sorti di un incontro.

La scommessa della Roja è invece un giocatore che si è già affacciato con prepotenza sullo scenario internazionale: Álvaro Morata. 23 anni, già due finali di Champions League disputate e, strano a dirsi, al primo torneo ufficiale con la nazionale maggiore. Questo sarà l'anno dell'esordio per il Moratazo, che potrà davvero esplodere definitivamente.

I 23 convocati della Spagna

Portieri: David de Gea (Manchester United), Iker Casillas (Porto), Sergio Rico (Siviglia)

Difensori: Sergio Ramos (Real Madrid), Gerard Piqué (Barcellona), Jordi Alba (Barcellona), Marc Bartra (Barcellona), Cesar Azpilicueta (Chelsea), Mikel San José (Athletic Bilbao), Torres Juanfran (Atletico Madrid), Hector Bellerin (Arsenal)

Centrocampisti: Bruno Soriano (Villarreal), Sergio Busquets (Barcellona), Resurreccion Koke (Atletico Madrid), Thiago Alcantara (Bayern Monaco), Andres Iniesta (Barcellona), David Silva (Manchester City), Cesc Fabregas (Chelsea)

Attaccanti: Rodriguez Pedro (Chelsea), Alvaro Morata, (Juventus), Manuel Nolito (Celta), Aritz Aduriz (Athletic Bilbao), Lucas Vazquez (Real Madrid)

Il calendario della Spagna

1^ giornata: Spagna-Rep Ceca, 13 giugno 2016, ore 15:00 (Stadium de Toulouse, Tolosa)

2^ giornata: Spagna-Turchia, 17 giugno, ore 21:00 (Stade de Nice, Nizza)

3^ giornata: Croazia-Spagna, 21 giugno, ore 21:00 (Stade de Bordeaux, Bordeaux)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.