Copa America: delude il Brasile, il Perù batte Haiti. Costa Rica-Paraguay 0-0

Si chiude la prima giornata del Gruppo A e del Gruppo B: dallo storico gol di Guerrero alla papera senza conseguenze di Alisson, la Copa America stenta a decollare.

Copa America: gol storico di Guerrero contro Haiti

130 condivisioni 7 commenti

di

Share

Non si può certo dire che sia stata una partenza col botto quella della Copa America. Nella prima giornata del Gruppo A e del Gruppo B sono stati realizzati appena tre gol in quattro gare, meno di uno a partita. Sintomo di equilibrio, ma anche di scarsa capacità di avere la meglio sulle difese avversarie.

A deludere maggiormente è stato il Brasile, che contro il più che dignitoso Ecuador non è riuscito ad andare oltre allo 0-0. Stesso risultato del match tra Costa Rica e Paraguay, inseriti nel Gruppo A, con Colombia e Stati Uniti. Al Perù invece è bastato lo storico gol di Guerrero per avere la meglio su Haiti. Di seguito il racconto di quello che è successo nella notte della Copa America Centenario.

Costa Rica-Paraguay 0-0

Seconda partita del Gruppo A, quella che chiude la prima giornata del girone. Il Citrus Bowl di Orlando è rimasto deluso dalla penuria di emozioni elargite da Costa Rica e Paraguay. Primo tempo molto tattico, dove le squadre si sono limitate a studiarsi vicendevolmente, senza mai affondare il colpo.

Nella ripresa qualcosa di più s'è visto, sicuramente più propositiva la Albirroja rispetto al Ticos. L'unico sussulto arriva al 90', con l'espulsione del costaricense Waston, troppo tardi per regalare opportunità decisive al Paraguay. Un punto a testa andava bene ad entrambe: la rivale da battere si chiama Stati Uniti, con la speranza di limitare la superiorità tecnica della Colombia.

Haiti-Perù 0-1

Il match ha dato il via al Gruppo B, anche se l'esordio non è stato dei migliori. Il tasso tecnico della gara ha lasciato abbastanza a desiderare, non proprio per palati fini. Anche se, a onor del vero, Haiti e Perù hanno provato in tutti i modi a superarsi.

E nel secondo tempo ci sono anche riusciti. O meglio, ci è riuscito il Perù al 61' che con il colpo di testa di Guerrero ha sbloccato il match. Si tratta di un gol storico: grazie a questa rete, infatti, l'attaccante del Flamengo è diventato il miglior marcatore della nazionale blanquirroja con 27 goal, superando Teofilo Cubillas. E come se non bastasse la zuccata del capocannoniere delle ultime due edizioni della Copa America è valsa al Perù la vittoria finale e il primo posto nel girone.

Brasile-Ecuador 0-0

All'esordio nella Copa America Centenario, sicuramente ci si aspettava di più dalla squadra di Dunga. Nonostante il risultato finale, è stata una sfida divertente e anche con qualche colpo di scena. Troppo poco però per i brasiliani assiepati sulle tribune del Rose Bowl di Pasadena. E le tante assenze non possono rappresentare un alibi.

Parlavamo di colpi di scena: il più clamoroso ha come protagonista il prossimo portiere della Roma, Alisson Becker. Al 67' lancio lungo per Bolanos che, defilato sulla sinistra, mette al centro un innocuo cross dalla linea di fondo. Ma il numero 1 del Brasile manca la presa e si lascia scappare la sfera di mano, deviandola in rete. Sarebbe il vantaggio dell'Ecuador, ma il guardalinee ferma tutto perché, secondo lui, il pallone era uscito. Alla fine il risultato di 0-0 va stretto al Tri(color) che, almeno, un mezzo gol lo aveva segnato. A voi le immagini.

Nel post-partita sono esplose le polemiche, con i sostenitori dell'Ecuador infuriati per la decisione della terna arbitrale di annullare il gol. Dunga, dal canto suo, ha provato a difendere il portiere e la causa verdeoro:

Ho parlato con alcuni giocatori, Alisson compreso, e mi hanno detto che la palla era uscita, sia per lui che per i difensori.

Il dubbio resta. L'unica nota lieta della serata è la prestazione de vero leader di Dani Alves che, con la fascia di capitano al braccio, ha provato a scuotere i suoi nei momenti di impasse. I tifosi della Juventus già si sfregano le mani.

Prossimi appuntamenti

GRUPPO C:

Giamaica-Venezuela, domenica 5 giugno, ore 23:00, stadio Soldier Field, Chicago (Illinois).

Messico-Uruguay, lunedì 6 giutno, ore 02:00, University of Phoenix Stadium, Glendale (Arizona).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.