Verso Euro 2016, le 20 maglie più belle della storia

Le singolari trovate degli anni '80, la storica divisa della Cecoslovacchia e gli ultimi layout studiati dai grandi sponsor tecnici. Viaggio tra le maglie più belle degli Europei.

Le venti maglie più belle della storia degli Europei

182 condivisioni 14 commenti

di

Share

Euro 2016 è anche una questione di stile. Se la corsa al titolo ha già le sue gerarchie ben definite, la lotta per la divisa migliore del torneo è ancora tutta da combattere. Non basta il bel gioco per far colpo su miliardi di spettatori in tutto il mondo, così Marca ha stilato la lista delle 20 maglie più belle che siano mai state indossate durante gli Europei.

Scozia, Europei 1996

Poche gioie per la Nazionale guidata da Craig Brown, che nell'Europeo inglese viene eliminata per differenza reti. A passare il girone sono Inghilterra e Olanda, con gli oranje a quota 4 punti come gli scozzesi, ma con due gol fatti in più. La maglia indossata nelle tre sfide tra Londra e Birmingham è un cult degli anni '90.

Scozia Euro 1996
La Scozia agli Europei inglesi

Portogallo, Europei 2000

Una delle formazioni più forti nella storia lusitana. Nuno Gomes rischia di portare i suoi in finale dopo un cammino di sole vittorie, ma la Francia ribalta il risultato nei supplementari e si avvia verso la seconda vittoria del torneo. L'abbinamento dei colori e la vestibilità extra-large donano al Portogallo una maglia particolarmente ambita.

Nuno Gomes Portogallo
Nuno Gomes e la maglia del Portogallo nel 2000

Italia, Europei 2000

L'azzurro vivo della squadra di Zoff caratterizza Euro 2000 fino all'ultimo incontro. I miracoli di Toldo con l'Olanda valgono la finale, ma Wiltord e Trezeguet spengono il sogno alimentato da Delvecchio. In quanto a stile, però, la maglia dell'Italia non può dirsi seconda a nessuno.

Totti Italia
Francesco Totti ad Euro 2000

Cecoslovacchia, Europei 1960

Prima del mito di Panenka, la Cecoslovacchia di Masopust si fa rispettare sia ai Mondiali che agli Europei del decennio precedente. La semifinale persa contro i futuri campioni dell'URSS non scalfisce il rosso della divisa, autentico must have per i collezionisti.

Cecoslovacchia 1960
Le maglie della Cecoslovacchia durante il primo Europeo (marca.com)

Spagna, Europei 1964

Il primo successo internazionale della Nazionale spagnola arriva dopo l'epopea del Real Madrid. Dal bianco delle merengues, i trofei continentali passano alla storica maglia Roja di Suárez, protagonista nella competizione e Pallone d'Oro quattro anni prima. In finale, però, la divisa è blu.

Spagna 1964
La Spagna campione d'Europa nel 1964

Germania Ovest, Europei 1972-1976

Le due edizioni a cavallo del Mondiale 1974 portano alla Germania Ovest di Beckenbauer una vittoria ed un secondo posto dietro la Cecoslovacchia. La maglia bianca con ricami neri, affiancata alla seconda maglia verde, è uno dei pilastri del calcio internazionale degli anni '70.

Germania Ovest 1972
Il primo Europeo della Germania Ovest nel 1972

Belgio, Europei 1984

Reduce dalla finale di quattro anni prima, la talentuosa Nazionale guidata da Thys vive una fase di transizione che non le permette di superare il girone, finendo alle spalle di Francia e Danimarca. I rombi neri, gialli e rossi entrano però di diritto nella lista delle maglie d'antologia.

Belgio 1984
I rombi del Belgio nel 1984

Jugoslavia, Europei 1984

Inseriti nello stesso girone del Belgio, gli slavi non ottengono nemmeno un punto. Nelle tre partite disputate emerge la divisa targata Adidas, con le sottili righe trasversali bianche e rosse su campo blu. L'ingresso in lista è garantito.

Jugoslavia 1984
La Jugoslavia del 1984

Portogallo, Europei 1984

Seconda presenza per il Portogallo, che segue lo stesso layout della Jugoslavia ma con i colori della propria bandiera: campo rosso, righe trasversali bianche e verdi. Anche stavolta arriva un'eliminazione contro la Francia in semifinale, sempre nei tempi supplementari.

Portogallo 1984
Il Portogallo targato Adidas nel 1984

Germania Ovest, Europei 1988

Probabilmente tra le maglie più famose della storia, quella della Germania Ovest negli Europei di casa assume un fascino senza tempo. La scia tricolore su tutto il petto e la maglia verde a fantasie geometriche entrano nell'immaginario collettivo dell'epoca. In campo arriva l'eliminazione in semifinale per mano dell'Olanda campione.

Germania Ovest 1988
La storica maglia della Germania Ovest nel 1988, qui contro l'Italia

Danimarca, Europei 1992

Nell'edizione alla quale non avrebbe dovuto partecipare, la Danimarca ottiene un clamoroso successo che ribalta le gerarchie della vigilia. La maglia dello sponsor tecnico Hummel, con il bianco che incontra il rosso nella parte superiore, diventa un portafortuna.

Danimarca 1992
L'impresa della Danimarca con la divisa Hummel

Olanda, Europei 1988

Altro oggetto di culto dagli anni '80 in poi, la maglia dell'Olanda campione d'Europa ricalca quella della Germania Ovest della stessa edizione, in versione da trasferta. L'arancione debole, misto al bianco e ai dettagli neri dello stemma, valgono un posto nella classifica di Marca.

Olanda 1988
La vittoria dell'Olanda, la maglia oranje è un cult

Francia, Europei 1984

Nell'Europeo di casa, con Michel Platini a trascinare la sua Nazionale, l'unico risultato ammesso è la vittoria finale. La Francia non tradisce le attese e porta a casa il primo titolo europeo della sua storia, indossando una maglia molto simile a quella che, 14 anni dopo, verrà scelta per il Mondiale.

Francia 1984
Primo Europeo per la Francia, le maglie del 1984

Inghilterra, Europei 1996

Umbro è tra i brand più apprezzati degli anni '90 e la squadra di Terry Venables lo sceglie per la maglia dell'Europeo di casa. Bianco e grigio si fondono nelle due maglie home e away, con dei dettagli blu e rossi a rendere più in vista il colletto. La sconfitta ai rigori nella semifinale contro la Germania fa svanire il sogno di una vittoria in patria, a 30 anni dal Mondiale del 1966.

Inghilterra Euro 1996
L'Inghilterra nella semifinale del 1996, persa contro la Germania

Olanda, Europei 1996

Anche l'Olanda esce di scena ai rigori, nei quarti contro la Francia, nonostante il blocco Ajax scelto da Hiddink. La maglia oranje targata Lotto, con un'esultanza di gruppo stilizzata sulla prima divisa, è una delle caratteristiche più diffuse del decennio. In quella da trasferta prevale la sfumatura tra arancione e bianco, ma le bandiere olandesi sulle maniche sono i dettagli più singolari.

Olanda 1996
L'Olanda del 1996

Scozia, Europei 1992

Anche la prima edizione degli anni '90 vede la Scozia eliminata al primo turno. L'unico successo, contro la provvisoria CSI, non garantisce il passaggio del girone: troppo forti l'Olanda campione in carica e la Germania futura finalista. La maglia Umbro con il blu scuro per le partite in casa e soprattutto quella bianca da trasferta, con la fantasia rossa e blu nella parte superiore, sono tra le più belle dell'edizione 1992.

Scozia Euro 1992
Le maglie della Scozia nell'Europeo del 1992

Grecia, Europei 2004

Come per la Danimarca, stile e risultati creano un mix di assoluto valore. La Grecia di Rehhagel fa saltare il banco all'Europeo giocato in Portogallo, battendo i padroni di casa nella finale di Lisbona. La divisa indossata da Charisteas e compagni ricalca il tipico layout Adidas degli anni duemila, con la rara particolarità della bandiera verticale.

Grecia 2004
L'incredibile cavalcata della Grecia nel 2004

Spagna, Europei 2008

Per la seconda vittoria spagnola in un Europeo, la Nazionale di Aragonés sceglie la classica Roja per il kit casalingo, mentre un innovativo color oro con dettagli blu per quello da trasferta. La vittoria in finale contro la Germania apre il periodo più vincente della Spagna, che porterà in dote due Europei ed un Mondiale nel giro di cinque estati.

Spagna 2008
La prima Spagna vincente, quella del 2008, con la maglia dorata

Francia, Europei 2012

Nell'Europeo concluso ai quarti di finale contro la Spagna, i francesi incontrano le prime difficoltà già nel girone, superato al secondo posto dopo una rischiosa sconfitta contro la Svezia. La maglia dei Bleus vede l'alternanza della tonalità sulle fasce orizzontali, mentre il bianco domina la seconda che presenta anche dettagli color argento.

Francia 2012
La Francia agli Europei del 2012

Svezia, Europei 2012

L'eliminazione incassata nello stesso girone della Francia rende l'Europeo della Svezia decisamente sottotono. Spicca la tipica maglia gialla, stavolta con delle sottili bande verticali blu, mentre la seconda inverte la predominanza dei colori: blu scuro e banda trasversale gialla.

Svezia 2012
Euro 2012, la Svezia con la banda trasversale gialla

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.