Euro 2016, alla scoperta dei 10 stadi: Parco dei Principi

Siamo a Parigi per la quinta tappa del tour tra i 10 stadi degli Europei di Francia: il Parco dei Principi ospiterà 5 partite, tra cui un ottavo di finale.

Euro 2016, Parco dei Principi

78 condivisioni 1 commento

di

Share

Da qualche anno conosciuta come la casa di Ibrahimovic, dal prossimo anno non lo sarà più. Il Parco dei Principi è uno degli stadi più affascinanti della Francia: vuoi per la collocazione (XVI arrondissement di Parigi), vuoi per l'ascesa del Psg del patron Al-Khelaifi. Per grandezza, però, non è di certo tra i primi, per questo non ricoprirà un ruolo di prima fascia nella prossima edizione degli Europei. Neanche 50mila posti, si dovrà accontentare di qualche partita della fase a gironi e di un ottavo di finale. Gli organizzatori di Euro 2016 possono permettersi di snobbare uno dei più antichi impianti francesi. Beati loro. 

Inaugurazione

Il Parco dei Principi, come lo vediamo oggi, è frutto del progetto dell'architetto Roger Taillibert. Inaugurato nel 1972, rappresenta la terza incarnazione dello stadio: i due precedenti risalgono al 1897 e al 1932, principalmente utilizzati come velodromi. C'è un particolare retroscena legato al primo Parc, quello di fine '800: aperto al pubblico il 18 luglio del 1897, fu chiuso dopo pochi giorni perché le autorità avevano paura che potesse crollare per il peso degli spettatori.

Inizialmente contava poco più di 3mila posti a sedere ed era usato solo per le corse. In seguito si decise di aprire al rugby e infine al calcio. La terza edizione dell'impianto, quella attuale, 48mila posti ma con l'acquisto del Paris Saint-Germain il 10 aprile 2006, la Colony Capital ha annunciato anche un piano di finanziamenti per migliorare ed espandere lo stadio, portandolo ad una capienza di 54mila spettatori.

Utilizzo

Così come per altri stadi, anche il Parco dei Principi ospita delle partite di rugby: è il caso dello Stade Francais, club parigino che disputa le partite casalinghe alternandosi tra Le Parc, l'adiacente stadio "Jean Bouin" e con lo Stade de France. Anche se la maggior parte degli incontri disputati sono quelli calcistici, essendo la casa del Paris Saint-Germain. In passato questo glorioso stadio è stato utilizzato per sfide prestigiose: dall'Europeo del 1984 vinto dalla Francia contro la Spagna alla finale di Coppa Uefa tutta italiana tra Lazio e Inter. Per non parlare degli atti conclusivi di tre edizioni della Coppa dei Campioni (Real Madrid-Stade Reims 1955-'56, Bayern Monaco-Leeds United 1974-'75, e Liverpool-Real Madrid 1980-'81).

In queste edizione degli Europei, invece, lo stadio parigino ospiterà solo cinque incontri: quattro di girone e un ottavo di finale. Quello tra la vincente del Gruppo C (con tutta probabilità sarà l'Inghilterra) e la terza del girone A, C o D. Uno stadio glorioso relegato - per una volta - al ruolo di comparsa.

La partita più bella

La più importante o la più spettacolare. Nel primo caso dovremmo dire la finale degli Europei, per restare in tema, di Francia 1984. Primo trofeo alzato al cielo dalla Nazionale Bleu, a discapito della travolgente Spagna. Un successo storico davanti a quasi 50mila spettatori. Tutto esaurito al Parco dei Principi, la nazione che ospita la competizione continentale è la stessa a portarsi a casa il trofeo, come succederà nel 1998 coi Mondiali.

Ma la conquista di un Europeo non può competere per fascino con la prima edizione della Coppa dei Campioni e con la sua finale, disputata appunto, al Parco dei Principi. Sedici partecipanti, in due arrivate fino in fondo: Real Madrid e Stade Reims. Campioni di Spagna contro quelli di Francia, come dire Di Stefano contro Kopa. Una partita dalle mille emozioni, con i biancorossi due volte in vantaggio e rimontati dai blancos: 4-3 il risultato finale. Dalla Coppa dei Campioni alla Champions League, solo il primo di undici successi, ma tra i più belli in assoluto.

Gli appuntamenti dell'Europeo

1^ giornata: Turchia-Croazia (Gruppo D), domenica 12 giugno, ore 15:00.

2^ giornata: Romania-Svizzera (Gruppo A), mercoledì 15 giugno, ore 18:00.

2^ giornata: Portogallo-Austria (Gruppo F), sabato 18 giugno, ore 21:00. 

3^ giornata: Irlanda del Nord-Germania (Gruppo C), martedì 21 giugno, ore 18:00.

Ottavi di finale: Prima gruppo B-Terza gruppo A/C/D, sabato 25 giugno, ore 21:00.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.