Euro 2016, occhio alla Slovacchia: fate largo alla migliore seconda

La squadra di Hamsik è arrivata in Francia dopo essersi qualificata come seconda nel girone della Spagna, ma agli Europei il ct Kozak dovrà fare a meno dell'infortunato Vittek.

La Slovacchia di Kozak

52 condivisioni 4 commenti

di

Share

Chiamatela debuttante, se volete, ma non sottovalutatela. Questo il monito per le avversarie della Slovacchia nel Gruppo B. Hamsik e compagni sono arrivati in Francia come migliore seconda dei gironi di qualificazione a Euro 2016

Per la prima volta nella sua storia, quindi, la squadra del ct Kozak avrà la possibilità di disputare gli Europei. Dalla divisione della Cecoslovacchia non era mai riuscita nell'impresa di raggiungere la fase finale, eccezion fatta per i Mondiali in Sudafrica: dopo 23 anni d'attesa ci siamo, la Repre può finalmente dimostrare tutto il suo valore.

Come arriva agli Europei

Nella testa risuona ancora quella vittoria contro la Spagna: un 2-1 storico per una nazione che conta poco più di 5 milioni di abitanti. Il gol di Stoch rimane nella memoria di un popolo intero, il punto più alto raggiunto dalla nazionale slovacca. Capace di aggiudicarsi le prime cinque gare della fase di qualificazione e volare in testa al girone. Poi una flessione nelle successive tre partite, per poi tornare a sorridere nell'ultima partita contro il Lussemburgo. Incontenibile la gioia dei protagonisti, a cominciare da Hamsik:

Siamo molto felici di far parte del campionato europeo, è la nostra prima qualificazione ed è una novità. È una vittoria storica per il calcio slovacco.

Una giornata che i giocatori non dimenticheranno facilmente, anche considerando le parole del romanista Gyomber:

È una sensazione indescrivibile, sarebbe bello provare queste emozioni ogni due anni. Abbiamo stappato lo champagne, l'atmosfera nello spogliatoio era incredibile.

Alla fine delle dieci partite il bilancio della Slovacchia è di tutto rispetto: 7 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte. Niente male per una realtà così giovane.

L'undici titolare

Squadra moderna e che bada al sodo, il modulo preferito è il 4-2-3-1. Kozak può contare su una coppia di portieri abili in egual misura: Mucha e Kozacik, solo all'ultimo deciderà chi promuovere titolare. Difesa a quattro con Pekarik e Hubocan sugli esterni, coppia centrale formata da Skrtel e Durica. Davanti a loro due mediani a fare lavoro di rottura: il milanista Kucka e Hrosovsky del Viktoria Plzen. La qualità di questo gruppo risiede quasi totalmente nei suoi trequartisti e nella loro capacità di inserirsi: Hamsik è il giocatore di maggior talento e non ha bisogno di presentazioni, ai suoi lati agiranno Stoch e Weiss. Ballottaggio tra Duris e Nemec per sostituire il capocannoniere della Nazionale: Robert Vittek, infortunatosi nell'ultima parte di stagione.

Il veterano, la stella, la scommessa

Quasi due metri di affidabilità: Martin Skrtel è una delle colonne portanti della difesa e della Slovacchia tutta. Il tecnico non può fare a meno del centrale del Liverpool, cresciuto notevolmente nei tanti anni in Premier League. Adesso è maturo, gli errori di gioventù sono alle spalle. La squadra conta su di lui, non solo in fase difensiva. Martin ha anche il vizio del gol facile, sono cinque i centri messi a segno dal gigante di Handlova, anche se l'ultimo con la maglia della Nazionale risale a quasi sei anni fa.

Se il mestiere di difendere è stretta competenza di Skrtel, quello di creare gioco e occasioni pericolose è roba di Hamsik. Anche se il centrocampista del Napoli non disdegna le sortite offensive: è stato lui il capocannoniere della Nazionale nelle qualificazioni a Euro 2016. Un punto di riferimento per lo spogliatoio, soprattutto per chi, come Ondrej Duda, sogna di emularne le gesta. Il gioiellino del Legia Varsavia ha attirato su di sé gli occhi dei principali club internazionali: classico numero 10, ama giocare dietro le punte. Il dribbling e gli assist sono il suo punto forte. È un classe '94, sogna un Europeo da protagonista per fare il salto nel calcio che conta.

 

I 23 convocati della Slovacchia

Portieri: Matus Kozacik (Viktoria Plzen), Jan Mucha (Slovan Bratislava), Jan Novota (Rapid Vienna)

Difensori: Peter Pekarik (Hertha Berlin), Milan Skriniar (Sampdoria), Martin Skrtel (Liverpool), Norbert Gyomber (Roma), Jan Durica (Lokomotiv Moscow), Kornel Salata (Slovan Bratislava), Tomas Hubocan (Dynamo Moscow), Dusan Svento (Cologne)

Centrocampisti: Viktor Pecovsky (Zilina), Robert Mak (PAOK Thessaloniki), Juraj Kucka (AC Milan), Patrik Hrosovsky (Viktoria Plzen), Jan Gregus (Jablonec), Marek Hamsik (Napoli), Ondrej Duda (Legia Warsaw), Miroslav Stoch (Bursaspor), Vladimir Weiss (Al Gharafa)

Attaccanti: Michal Duris (Viktoria Plzen), Adam Nemec (Willem II), Stanislav Sestak (Ferencvaros)

Il calendario della Slovacchia

1^ giornata: Galles-Slovacchia, sabato 11 giugno, ore 18:00, Stade Bordeaux-Atlantique, Bordeaux.

2^ giornata: Russia-Slovacchia, giovedì 15 giugno, ore 15:00, Stade Pierre-Mauroy, Villeneuve d'Ascq.

3^ giornata: Slovacchia-Inghilterra, lunedì 20 giugno, ore 21:00, Stadio Geoffroy Guichard, Saint-Étienne.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.