La Premier League 2016/2017: ecco tutte le squadre

Dopo la fine dei playoff di Championship, la Premier League 2016/2017 si è andata a definire. Middlesbrough, Burnley e Hull City sono le neopromosse.

Ranieri con la coppa

171 condivisioni 6 commenti

di - | aggiornato

Share

Sulla sorprendente Premier League 2015/2016 ormai si è detto tutto. La favola Leicester, la rincorsa del Tottenham, il flop delle due di Manchester e il passaggio a vuoto del Chelsea. Ma la prossima? Con la finale dei playoff di Championship che ha visto l'Hull City trionfare a Wembley contro lo Sheffield Wednesday, il campionato inglese ha finalmente tutte e 20 le sue squadre. Prima dei Tigers, le due formazioni capaci di salire direttamente in Premier erano state Burnley (al ritorno in prima serie dopo un solo anno) e Middlesbrough, tornato nella massima divisione dopo ben sette anni di purgatorio. Si inizierà il 13 agosto 2016, mentre il 21 maggio 2017 è in programma l'ultima giornata.

Vota anche tu!

E' ancora presto, ma secondo voi riuscirà il Leicester a mantenersi ad alti livelli?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Arsenal

Allenatore: Arsène Wenger, confermato.

Dopo l'ennesimo flop, Wenger sembra essere definitivamente al giro finale. O mette in bacheca un trofeo importante oppure sarà addio. L'arrivo di Xhaka garantisce qualità, ma non esperienza. Servirà un mercato al top o, più semplicemente, tanta voglia di vincere.

Arsène Wenger

Bournemouth

Allenatore: Eddie Howe, confermato.

Una delle sorprese della scorsa stagione proverà a ripetersi mantenendo la categoria per il secondo anno di fila. Non sarà facile, ma se metterà in campo lo spirito visto nelle 38 partite della passata stagione allora la strada si prospetta in discesa.

Eddie Howe, 38 anni

Burnley

Allenatore: Sean Dyche, confermato.

I vincitori della Championship tornano, dopo solo un anno di purgatorio, a calcare i prati della Premier. L'obiettivo degli uomini di Dyche, neanche a dirlo, è rimanere nella massima serie. 

Sean Dyche, 44 anni

Chelsea

Allenatore: Antonio Conte, nuovo.

Dopo l'annata peggiore dell'era Abramovich, in casa Chelsea sarà rivoluzione totale. A guidarla sarà Antonio Conte, già annunciato da qualche settimana e carico per la prima esperienza all'estero. Prima di tutto l'attuale ct dell'Italia dovrà ridare energia a giocatori scarichi e scontenti, un po' come ha fatto con la Juve nel 2011/2012.

Antonio Conte, 46 anni

Crystal Palace

Alan Pardew, confermato.

Stagione iniziata bene, continuata male e conclusasi ad un passo dal sogno FA Cup. Alla truppa di Pardew, nella prossima stagione, servirà soprattutto costanza di rendimento.

Alan Pardew, 54 anni

Everton

Allenatore: da decidere.

Il più grosso punto di domanda del campionato. Dopo l'esonero di Roberto Martinez, le chiavi dello spogliatoio sono state affidate a David Unsworth, ma difficilmente l'ex difensore rimarrà alla guida della squadra. La cosa certa è l'addio di Lukaku, come annunciato dallo stesso attaccante belga qualche giorno fa. Come base di partenza peggio non si potrebbe per i Toffees.

David Unsworth, 42 anni

Hull City

Allenatore: Steve Bruce, confermato.

La vittoria per 1-0 nella splendida cornice di Wembley sullo Sheffield Wednesday ha permesso alla squadra di Steve Bruce di ritornare nella massima serie dopo solo una stagione. L'obiettivo salvezza sarà un dovere.

Steve Bruce, 55 anni

Leicester City

Allenatore: Claudio Ranieri, confermato.

Il Leicester di Ranieri affronterà il campionato da campione in carica, davanti a sé avrà un percorso molto difficile. Ripetersi appare quasi impossibile, considerando anche l'impegno in Champions League. Ma quando ci sono di mezzo le Foxes, mai dire mai. 

Claudio Ranieri, 64 anni

Liverpool

Allenatore: Jurgen Klopp, confermato.

Che delusione, quella finale di Europa League con il Siviglia. Per un primo tempo dominato, una seconda frazione giocata malissimo che ha dato la terza vittoria consecutiva agli spagnoli. I Reds sono attesi da un altro anno senza Champions League e un rivoluzione, l'ennesima, da attuare. Attenzione a Klopp, poché se costruirà la squadra che ha in testa potrebbe fare grandi cose.

Jürgen Klopp, 48 anni

Manchester City

Allenatore: Josep Guardiola, nuovo.

Il City ha sempre avuto l'obbligo di vincere, con l'arrivo di uno dei migliori allenatori del mondo il ritornello si fa quasi ossessivo. Anche in questo caso, la rivoluzione sarà pressoché totale. Buon lavoro, Pep.

Josep Guardiola, 45 anni

Manchester United

Allenatore: José Mourinho, nuovo.

Che derby, quello di Manchester. Pep contro Mou, come ai vecchi tempi. Il portoghese, fresco di firma fino al 2019 (con opzione per il 2020), ha promesso di riportare i Red Devils ai fasti di un tempo, l'ennesima sfida lo attende. 

José Mourinho, 53 anni

Middlesbrough

Allenatore: Aitor Karanka, confermato. 

Una cavalcata meravigliosa ha riportato il "Boro" nella massima serie, lì dove mancava dal lontano 2009. Messi alle spalle i problemi finanziari degli ultimi anni, l'ex squadra di Maccarone vuole tornare a stupire in Premier. 

Aitor Karanka, 42 anni

Southampton

Allenatore: Ronald Koeman, confermato.

Che stagione straordinaria, quella dei Saints. Dopo una partenza stentata, l'arrivo al sesto posto ha regalato un'inattesa qualificazione in Europa League. La base di partenza è già ottima, ora sta a Koeman migliorare il proprio lavoro. 

Ronald Koeman, 53 anni

Stoke City

Allenatore: Mark Hughes, confermato.

Stagione positiva, per gli uomini di Hughes, ma si poteva forse fare meglio. Con la rosa a disposizione, una qualificazione europea sarebbe stata possibile. Sarà per l'anno prossimo? Difficile, vista la concorrenza in aumento, ma lo Stoke è pronto come sempre a dar fastidio a tutte le big.

Mark Hughes, 52 anni

Sunderland

Allenatore: Sam Allardyce, confermato.

Allardyce ce l'ha fatta anche stavolta. Nonostante sia stato a rischio retrocessione fino alla fine, il Sunderland ha conquistato la salvezza mantenendo intatto il record del proprio allenatore. Big Sam, infatti, non è mai retrocesso in carriera. 

Sam Allardyce, 61 anni

Swansea City

Allenatore: Francesco Guidolin, confermato.

Guidolin sì, Guidolin no. Alla fine ha vinto il sì, perché il lavoro dell'ex allenatore dell'Udinese è stato ottimo e ha permesso allo Swansea di agguantare la salvezza con due giornate d'anticipo. C'è curiosità di vederlo all'opera fin da inizio stagione.

Francesco Guidolin, 60 anni

Tottenham

Allenatore: Mauricio Pochettino, confermato.

E' stato in corsa per il titolo fino alla fine con una squadra che incantava e vinceva. Il manager del Tottenham, Mauricio Pochettino, ha gettato le basi per un grande futuro, la stagione che verrà dovrà essere quella della consacrazione.

Mauricio Pochettino, 44 anni

Watford

Allenatore: Walter Mazzarri, nuovo.

Per la squadra di proprietà dei Pozzo, dopo un avvio decisamente buono, c'è stato un calo fisiologico che ha portato all'esonero di Quique Sanchez Flores a fine stagione. Al suo posto un altro debuttante italiano, quel Walter Mazzarri messo nel dimenticatoio dopo l'esonero dall'Inter nel novembre 2013. Good luck, Walter!

Walter Mazzarri, 54 anni

West Bromwich Albion

Allenatore: Tony Pulis, confermato.

E' stato un campionato tranquillo, quello del WBA. Senza affanni né timori di retrocessione. L'auspicio di Pulis è che i suoi ragazzi mantengano lo stesso spirito battagliero che ha portato tante soddisfazione nell'annata appena trascorsa.

Tony Pulis, 58 anni

West Ham

Allenatore: Slaven Bilic, confermato.

Nella nuova cornice dell'Olympic Stadium di Londra, la squadra di Bilic dovrà mantenere l'ottimo livello di gioco ammirato nella passata stagione. E pensare che senza qualche distrazione di troppo, gli Hammers avrebbero potuto giocare la Champions League.

Slaven Bilić, 47 anni

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.