Inghilterra, Sterling a lavoro con lo psichiatra in vista di Euro 2016

L'attaccante del Manchester City vuole essere al top per i prossimi Europei, per questo ha chiesto aiuto allo psichiatra Steve Peters conosciuto ai tempi del Liverpool.

Sterling vuole Euro 2016 e chiede aiuto allo psichiatra

142 condivisioni 2 commenti

di - | aggiornato

Share

Raheem Sterling sta lavorando con lo psichiatra Steve Peters per riacquistare fiducia in vista di Euro 2016. Il giocatore inglese più pagato della storia (il Manchester City ha dovuto sborsare 68 milioni di euro per soffiarlo al Liverpool la scorsa estate) ha dichiarato di aver accolto con grande piacere la presenza di Peters nel ritiro della Nazionale, avendo lavorato con lui anche ai tempi del Liverpool.

Sterling in Nazionale
Sterling in azione con l'Inghilterra

Sterling ne sta già avvertendo i vantaggi. Nelle due vittorie per 2-1 contro Australia e Turchia, è apparso vivace e propositivo. Ecco quanto dichiarato da lui stesso:

Lavorare con il dottor Peters mi ha aiutato moltissimo. Confesso di aver raggiunto il ritiro della Nazionale pieno di dubbi. Avevo paura di non rendere al meglio durante l'Europeo, adesso tutte quelle incertezze sono svanite.

“Penso solo alla Nazionale”

Sterling ha aggiunto:

Peters è veramente bravo a lavorare sulla mentalità dei giovani. Da quando mi sono trasferito al City non ho più avuto modo di parlare con lui. Sfrutterò al meglio quest’occasione.

Peters è uno psichiatra di fama mondiale che ha già avuto modo di lavorare con la Nazionale di ciclismo inglese prima delle Olimpiadi del 2008 e del 2012. Molto apprezzato dal ct Hodgson, che lo ha voluto al suo fianco durante i Mondiali in Brasile, ha scritto The Chimp Paradox, un libro sulla mente umana e i suoi paradossi.

Sterling del Manchester City
Sterling con la maglia del City
 Il Manchester City lo aspetta

A Manchester, intanto, attendono con ansia il ritorno del loro gioiello. La società è convinta che il giocatore non abbia ancora espresso nulla del suo potenziale, con l’arrivo di Guardiola la speranza è che ci sia una netta inversione di tendenza. Sterling, però, adesso pensa soltanto a convincere Hodgson a inserirlo nella lista dei 23 convocati per Euro 2016. 

La concorrenza è veramente agguerrita. Ci sono tantissimi giocatori con grandi qualità, soprattutto nel mio ruolo. Nessuno può dare nulla per scontato. Dovrò dimostrare tutto il mio valore se voglio convincere il mister.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.