Inghilterra, il ct Hodgson: "Rashford? Sì, potrebbe venire agli Europei"

Il 18enne attaccante del Manchester United ha segnato un gol al debutto in Nazionale, il ct Roy Hodgson dichiara: "Può stare nei 23 convocati per l'Europeo".

Rashford

238 condivisioni 10 commenti

di - | aggiornato

Share

In gol all'esordio in Premier League, doppietta alla prima partita in Europa League, subito in rete - dopo 138 secondi - al debutto in Nazionale contro l'Australia. Se tre indizi fanno una prova, Marcus Rashford è un predestinato. Forse è presto per dire se è un fenomeno, ma uno così, in queste condizioni di forma, come fai a lasciarlo fuori dai convocati per gli Europei? Il ct dell'Inghilterra Roy Hodgson non è uno che si lascia prendere facilmente dall'entusiasmo, ma, pur con la sua flemma british, dichiara:

Ha fatto molto bene, non sono sorpreso di come ha giocato. Gli ho chiesto se si sentiva pronto a giocare a livello internazionale e la risposta l'ha data sul campo: un clamoroso sì.

La madre di Rashford gioisce in tribuna al gol del figlio

Effettivamente Rashford gioca con una sicurezza da veterano, non sembra certo un diciottenne che ha esordito tre mesi fa nel Manchester United, lanciato da Louis van Gaal in un delicatissimo match di Europa League. I Red Devils dovevano ribaltare il 2-1 subito all'andata dal Midtjylland, Wayne Rooney era infortunato e l'olandese decise di lanciare quel ragazzone che da un po' si allenava con la prima squadra. Marcus segnò una doppietta e aprì la strada per la qualificazione al turno successivo.

Rashford in azione ieri contro l'Australia

Da allora Rashford non si è più fermato: 7 reti e 2 assist fra Premier ed Europa League - in poco più di 1.000 minuti giocati - hanno richiamato naturalmente anche l'attenzione di mr Hodgson, alle prese con la compilazione della lista per Euro 2016:

Sono molto contento. Sì, lui ha dimostrato che può stare nei 23, ma non sono sorpreso. Non lo avrei inserito nei 26 se non lo avessi pensato.

Un mese fa, Hodgson appariva ovviamente più prudente:

Se chiamassi lui, dovrei lasciare fuori qualcuno che in questo momento ha più ragione di essere chiamato. 

L'espressione di Sturridge ieri sera

Ma oggi qualcuno che rischia di essere lasciato fuori a causa dell'exploit di Rashford c'è, ed è Daniel Sturridge. L'attaccante del Liverpool, martoriato dagli infortuni, ha giocato soltanto 58 minuti a livello internazionale dal settembre 2014. E l'espressione che mostrava ieri sera in panchina, dove s'era dovuto accomodare per l'ennesimo fastidio a un polpaccio, non prometteva nulla di buono.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.