Euro 2016, l'Irlanda del Nord in Francia sulle orme del... Leicester

Primi nel girone di qualificazione, i nordirlandesi debuttano agli Europei. Per i bookmaker sono le vere matricole, ma il Leicester insegna che tutto è possibile.

L'Irlanda del Nord parteciperà per la prima volta agli Europei

1 commento

di - | aggiornato

Share

Non saranno Foxes colorate di blu, ma i panni di “Leicester delle Nazionali” all’Irlanda del Nord calzano a pennello. Basta dare un’occhiata alle quote dei bookmaker per la vittoria finale di Euro 2016: 250/1 per i più ottimisti fino al tetto massimo di 500/1. Come l’Albania, l’altra outsider assoluta del torneo continentale. Ma la comune provenienza anglosassone con i campioni d’Inghilterra rende la Green & White Army la realtà più simile alla creatura di Ranieri, tra le selezioni che si sfideranno in Francia. Dopo il primo posto nel girone di qualificazione, che ha regalato la prima partecipazione agli Europei per la piccola nazione del Regno Unito, la formazione del ct Michael O’Neill non ha affatto intenzione di recitare un ruolo da vittima sacrificale nel Gruppo C. E se il passaggio agli ottavi sarebbe già un’impresa, il sogno è eguagliare i quarti di finale raggiunti ai Mondiali del 1958. Un record rimasto intatto anche ai tempi di un certo George Best.

Il ct Michael O'Neill, 46 anni

I 23 convocati

Portieri: Roy Carroll (Notts County), Michael McGovern (Hamilton), Alan Mannus (St. Johnstone)

Difensori: Craig Cathcart (Watford), Jonny Evans (West Bromwich Albion), Gareth McAuley (West Bromwich Albion), Luke McCullough (Doncaster Rovers), Aaron Hughes (Melbourne City),  Lee Hodson (MK Dons), Chris Baird (Fulham), Patrick McNair (Manchester United), Conor McLaughlin (Fleetwood)

Centrocampisti: Steven Davis (Southampton), Oliver Norwood (Reading), Corry Evans (Blackburn Rovers), Jamie Ward (Nottingham Forest), Stuart Dallas (Leeds United), Niall McGinn (Aberdeen), Shane Ferguson (Millwall)

Attaccanti: Will Grigg (Wigan Athletic), Kyle Lafferty (Norwich City), Conor Washington (Queens Park Rangers), Josh Magennis (Kilmarnock).

Michael McGovern, numero uno dell'Irlanda del Nord

Come arriva agli Europei

L’Irlanda del Nord sbarcherà in Francia a bordo di una carrozza di prima classe. Sei vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta: questa la ricetta che ha permesso ai ragazzi di O’Neill di conquistare il primo posto nel Gruppo F. I biancoverdi hanno chiuso il girone di qualificazione a quota 21 punti, uno in più della Romania, unica formazione capace di vincere almeno uno dei due scontri diretti (2-0 in casa, 1-1 al ritorno). La certezza matematica del pass per Euro 2016 è arrivata lo scorso 8 ottobre, dopo il 3-1 rifilato alla Grecia. Proprio la débâcle totale degli ellenici (ultimi a 6 punti) è stata tra i fattori che hanno spianato la strada alla cavalcata trionfale dei nordirlandesi.

Motivo in più affinché le vesti di matricola vadano strette ai debuttanti al gran ballo degli Europei. Per evitare di salutare tutti dopo appena tre partite, l’Irlanda del Nord dovrà vedersela in particolare con Polonia e Ucraina (la Germania è la favorita assoluta per il primo posto). La formula che consente alle migliori quattro terze di accedere agli ottavi rende sicuramente l’impresa meno ciclopica.

La qualificazione matematica a Euro 2016 è arrivata lo scorso 8 ottobre, contro la Grecia

L’undici titolare

L’etichetta di Leicester delle Nazionali, con le dovute proporzioni, nasce soprattutto da una formazione che fa del collettivo, più che del singolo, il proprio punto di forza. L’Irlanda del Nord si preannuncia come una squadra ostica con cui fare i conti, già a partire dall’abito tattico che le sta cucendo addosso O’Neill. Se il girone di qualificazione ha visto il ct alternare 4-5-1, 4-1-4-1 e 4-3-3, le ultime tre amichevoli (contro Lettonia, Galles e Slovenia) hanno registrato il passaggio alla difesa a tre. L’assenza forzata del terzino sinistro Chris Brunt, capitano del West Bromwich Albion alle prese con la rottura del crociato, quasi costringe il ct alla nuova soluzione. Davanti a McGovern, sarà l’altro WBA Evans a guidare la retroguardia completata dal compagno di club McAuley e da Catchart del Watford. A centrocampo, McNair (talento del Manchester United) e Norwood si candidano ad affiancare capitan Davis del Southampton. Sull’out destro ballottaggio tra i due esterni bassi McLaughin e Michael Smith, mentre a sinistra Dallas è favorito su Shane Ferguson. In attacco la vecchia conoscenza del calcio italiano Kyle Lafferty (34 presenze e 11 gol col Palermo nel 2013/14) farà coppia con uno tra Conor Washington del QPR e il meno offensivo McGinn.

L'undici titolare nell'ultima amichevole contro la Slovenia

Il veterano, la stella, la scommessa

Festeggia i dieci anni in Nazionale Jonny Evans, colonna difensiva irrinunciabile per O’Neill. Il classe ’88 ha collezionato finora 44 presenze con la maglia del proprio Paese, gran parte delle quali ottenute durante la sua lunga esperienza al Manchester United. Sette stagioni e 201 presenze con i Red Devils, prima del passaggio a titolo definitivo della scorsa estate al West Brom: tra Premier League e FA Cup, sono 34 i gettoni per lui nell’ultima stagione.

Jonny Evans, ex Manchester United ora al West Brom

Il vero perno attorno a cui è costruita la formazione nordirlandese è però Steven Davis. Con 75 presenze nell’Esercito biancoverde, il centrocampista classe ’85 del Southampton è il capitano e portabandiera della spedizione europea. Alla quarta stagione con i Saints - dopo le esperienze con Aston Villa, Fulham e Rangers - Davis è sceso in campo tra campionato e coppe 41 volte, realizzando anche 5 gol e 1 assist.

Steven Davis, capitano e colonna della Nazionale

Dieci anni in meno rispetto a Davis, la vera scommessa su cui puntare per l’Irlanda del Nord è Patrick “Paddy” McNair. A 21 anni, il giovane difensore è tra i prospetti più interessanti dell’Academy del Manchester United. Quest’anno ha collezionato 8 presenze in Premier League e l’esordio in Europa League. Il suo valore di mercato si aggira già attorno ai 4-5 milioni di euro. Come anticipato, però, O’Neill ha dimostrato di apprezzarlo anche come centrocampista arretrato capace di coadiuvare la difesa in fase di non possesso.

Paddy McNair, giovane talento del Manchester United

Il calendario

1^ giornata: Polonia-Irlanda del Nord, domenica 12 giugno, ore 18:00, Allianz Riviera, Nizza

2^ giornata: Ucraina-Irlanda del Nord, giovedì 16 giugno, ore 18:00, Parc OL, Lione

3^ giornata: Irlanda del Nord-Germania, martedì 21 giugno, ore 18:00, Parc des Princes, Parigi

Vota anche tu!

Euro 2016, l'Irlanda del Nord riuscirà a passare il proprio girone?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.