Everton-Norwich City 3-0: i Toffees salutano Howard con una vittoria

Dopo l'esonero di Martinez, l'Everton chiude la Premier League battendo i Canaries. Ultima per il portiere americano, che saluta Goodison Park dopo 10 stagioni.

89 condivisioni 2 commenti

di

Share

Tempo di saluti al Goodison Park. L'Everton chiude una deludente Premier League con la vittoria per 3-0 contro il già retrocesso Norwich City. I Toffees tagliano il traguardo del campionato all'11° posto, proprio come lo scorso anno. Il successo casalingo riporta quantomeno serenità in casa Everton, dopo l'esonero di Roberto Martinez. La sconfitta contro il Sunderland è costata cara al manager spagnolo, già pesantemente contestato dai tifosi nelle ultime settimane. Al suo posto, il duo ad interim formato da Joe Royle (già allenatore dei Toffees tra il '94 e il '97) e David Unsworth, tecnico dell'Under 21 dell'Everton. Il match contro i Canaries è anche l'ultima nel campionato inglese per Tim Howard, che saluta Liverpool dopo dieci stagioni.

Primo tempo

Parte forte l'Everton, subito pericoloso con Lukaku al primo giro d'orologio. I padroni di casa (in campo con il nuovo completo Home 2016/17) sembrano mentalmente sollevati, dopo la difficile settimana che ha portato all'addio di Martinez. Al 12' è ancora Lukaku a sfiorare il gol: sulla sua strada trova però un Ruddy superlativo nel respingere il doppio tentativo ravvicinato del centravanti belga. La prima vera occasione per il Norwich arriva al 19', con il colpo di testa di Jerome bloccato da Howard. Dal rilancio del portiere americano parte proprio l'azione che porta al gol dell'1-0 per l'Everton: manovra corale dei Toffees, conclusa da un gran tiro di prima intenzione da parte di James McCarthy. Per il centrocampista irlandese è il 2° gol in Premier League. Alla mezz'ora Mirallas va vicino al raddoppio, ma il suo tentativo termina di poco fuori. Per il 2-0 basta però attendere fino al 44': sul cross di Barry, Brady tira giù per il braccio Lukaku (che accentua nettamente la caduta) e l'arbitro Mason assegna il rigore. Dal dischetto Leighton Baines non sbaglia, secondo gol in campionato anche per il numero 3.

Secondo tempo

Al rientro dagli spogliatoi, l'Everton trova subito la rete del 3-0. L'azione comincia con un percussione centrale di Dowell, appoggio su McCarthy che allarga per Kenny: il classe '97 scarica al centro dell'area, dove Mirallas si fa trovare pronto per il suo 4° centro in Premier League. Partita virtualmente chiusa, i padroni di casa possono permettersi il lusso di abbassare i ritmi e di concedere applausi anche a Howard, bravo a neutralizzare il tentativo di Brady. Al 73' però è di nuovo l'Everton a rendersi pericoloso, con il neo-entrato Barkley che manca di poco lo specchio della porta da posizione ravvicinata. Il numero 20 si ripete dopo appena due minuti, ma stavolta è Ruddy a negargli la gioia del gol. Nell'ultima parte dell'incontro c'è spazio anche per un divertente siparietto: Baines scivola in maniera goffa, i tifosi lo applaudono e il terzino risponde divertito con un inchino. È l'ultimo fotogramma dal Goodison Park. La squadra saluta il proprio pubblico, in attesa di conoscere il manager che la guiderà nella prossima stagione: il candidato numero uno è l'ormai ex Ajax Frank de Boer.

La lettera di Tim Howard ai tifosi

L'ultima di campionato per l'Everton, come anticipato, è stata anche l'occasione per salutare Tim Howard. Dopo 414 presenze con la maglia dei Toffees, il portiere classe '79 ha deciso di tornare negli Usa per giocare con i Colorado Rapids. Prima del match, l'estremo difensore ha pubblicato su Twitter una commovente lettera per ringraziare il club e i tifosi, introdotta da questo messaggio:

Everton, sei diventato parte della mia anima. Sarai sempre nel mio cuore.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.