Quando il RB Lipsia disse no a Jamie Vardy: "Per noi era vecchio"

Il ds e tecnico del club tedesco, Ralf Rangnick, rivela a Sport Bild di aver rifiutato due anni fa l'attaccante del Leicester: "Il suo agente me lo propose in aereo".

380 condivisioni 10 commenti

di

Share

Mangiarsi le mani per il rimpianto: a Lipsia conoscono bene questa sensazione. Merito, anzi colpa di quel "no" a Jamie Vardy. A pronunciare quel rifiuto due anni fa fu Ralf Rangnick, direttore sportivo e allenatore del RB Lipsia, formazione che milita in Zweite Bundesliga e che si appresta a essere promossa nella massima serie tedesca. Lo stesso Rangnick - in un'intervista a Sport Bild - ha rivelato solo ora questo curioso retroscena, che lo riporta indietro all'estate del 2014. E che lo lega all'uomo simbolo del Leicester capolista in Premier League:

Volevamo a tutti costi acquistare Joe Gomez (difensore classe '97 all'epoca in forza al Charlton, ndr), che in seguito avrebbe scelto il Liverpool. Mi ricordo che eravamo sul volo di ritorno da Londra a Lipsia con il suo agente.

Il riferimento è a John Morris, che per la Key Sports Management cura gli interessi sia di Vardy che del giovane Gomez. Rangnick prosegue allora nel suo racconto:

Sull'aereo, l'agente mi disse che era un vero peccato che io fossi così radicale nel voler acquistare solamente giocatori sotto i 24 anni di età, perché aveva qualcuno perfetto per me da propormi.

È quel qualcuno era proprio Vardy, 22 reti nelle 34 partite di Premier disputate quest'anno. Il ds e tecnico del RB Lipsia rievoca allora le parole che Morris gli pronunciò nel prospettargli il profilo dell'attaccante classe '87:

Mi garantì che, grazie a me, sarebbe potuto diventare un giocatore da Nazionale, ma anche che aveva già 27 anni e aveva trascorso un breve periodo agli arresti per una piccola rissa.

Nel 2007, quando ancora giocava nello Stocksbridge, Vardy fu infatti condannato per violenza privata, dopo aver partecipato a una rissa in un pub, e costretto a rispettare un coprifuoco monitorato con una cavigliera elettronica. La stessa punta di Sheffield ha raccontato di essere intervenuto per difendere un amico che era stato preso in giro per il suo apparecchio acustico. In ogni caso, la risposta di Rangnick a John Morris fu perentoria: 

Ha 27 anni, non se ne fa nulla.

A distanza di due anni, quel rifiuto assume un significato davvero inaspettato. Con buona pace della carta d'identità e della filosofia tutta votata ai giovani di Rangnick, dire no oggi a Jamie Vardy sarebbe davvero impossibile.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.