Milan attento, Ancelotti vuole portare Carlos Bacca al Bayern Monaco

In caso di addio a Lewandowski, il Bayern Monaco punterà dritto sul milanista, molto apprezzato dal tecnico di Reggiolo che già lo avrebbe voluto ai tempi del Real Madrid.

Carlos Bacca esulta dopo un gol per il Milan

235 condivisioni 87 commenti

di

Share

Carlos Bacca e Carlo Ancelotti, questione di feeling. I due avrebbero potevano incontrasi al Real Madrid, se Florentino Perez non avesse licenziato il tecnico della Decima, o addirittura al Milan, se Carletto non avesse graziosamente respinto l'offerta tutt'altro che irrifiutabile di Adriano Galliani. Ma il futuro a quanto pare riserverà ai due un'altra possibilità. Se il Bayern Monaco dovesse cedere alle dorate lusinghe della Casa Blanca per Robert Lewandowski, il centravanti rossonero sarebbe la prima scelta di Carlo Ancelotti. 

Secondo il Mundo Deportivo, sulle scrivanie di via Aldo Rossi sarebbe già arrivata un'offerta da 30 milioni di euro per il colombiano da parte del club bavarese: pochi per il Milan, che ne ha spesi altrettanti per prelevare il capocannoniere dell'Europa League dal Siviglia nell'estate 2015, e che ritiene (con qualche ragione) che la sua ottima stagione ne abbia incrementato il valore del cartellino. Adriano Galliani punta a ricavare almeno 40 milioni dalla cessione del miglior giocatore in rosa. 

Carlos Bacca al Bayern Monaco, perché sì

Ci sono tanti buoni motivi per desiderare uno come Carlos Bacca, a partire da quello più scontato: segna a raffica. I suoi numeri non sono paragonabili a quelli di Messi, Ronaldo o Ibrahimovic, ma nemmeno le condizioni delle squadre in cui ha giocato (Siviglia e soprattutto questo Milan) sono paragonabili. Pur non avendo la qualità dei mostri sacri, è facile immaginare che Bacca in un contesto come quello del Bayern Monaco, possa far lievitare ulteriormente il suo bottino di gol, avvicinandolo a quella dei fenomeni da 50 gol a stagione.

Anche il Milan avrebbe il suo tornaconto in questa manovra. Bacca compirà 30 anni il prossimo 8 settembre: non si parla di un ragazzino. Ed è difficile rifiutare 40 milioni per un giocatore di quell'età - tanto per fare un esempio, uno come Shevchenko fu ceduto alla stessa età e per cifre simili, anche se erano altri tempi. Inoltre, dando per scontata l'ennesima ristrutturazione, quel denaro potrebbe servire per regalare a Mihajlovic (o chi per lui), gli innesti giusti per migliorare la squadra in tutti i reparti. 

Bacca, doppietta in finale di Europa League con il SivigliaGetty
Carlos Bacca bacia la coppa dopo la doppietta in finale di Europa League

Carlos Bacca al Bayern Monaco, perché no

Per gli esteti del calcio, il passaggio da Lewandowski a Bacca non sarebbe facile da digerire. Se il polacco è la cosa più simile a Marco Van Basten che si sia vista negli ultimi vent'anni, per eleganza, classe, conformazione fisica e interpretazione del ruolo, il colombiano, tanto per restare in casa rossonera, somiglia a un Inzaghi felino. In altre parole: il suo fiuto del gol è indiscutibile, ma in tutte le fasi di gioco che non prevedano il tiro in porta il suo contributo è limitato. Con tutto il rispetto, Lewa è di un altro livello.

In più, come farà il club rossonero a spiegare ai propri tifosi che la prima mossa per ripartire dopo la terza stagione negativa di fila, è la cessione dell'unico giocatore di spessore internazionale presente in rosa? Il rischio serio è di assistere a un ulteriore crollo degli abbonamenti, passati dai 42mila del 2007 ai malinconici 19mila del 2015, e di ammirare per un altro anno un San Siro costantemente semivuoto. Senza considerare l'effetto sulla squadra: a meno di non trovarne un altro che ti capitalizza un pallone su due, il Milan 2016-17 sentirà tremendamente la mancanza di uno come Bacca. Chiunque finirà per sedersi in panchina.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.