Morata: "La Juve è casa mia, la Spagna e l'Europeo sono la mia vita"

Alla vigilia di Italia-Spagna, l'attaccante juventino parla del suo presente in Italia, dell'Europeo che sogna di vincere con la nazionale, e del suo futuro.

Parla Morata! "Alla juve ho imparato tanto e sto bene, la Spagna e l'Europeo sono la mia vita"

87 condivisioni 2 commenti

di

Share

Stasera al Friuli c’è Italia-Spagna, amichevole di lusso si sarebbe detto un tempo, ma resta il fascino di una sfida tra due delle migliori scuole calcistiche europee. C’è un calciatore che ha frequentato l’asilo e le elementari in Spagna, le superiori in Italia, e adesso si guarda intorno per capire quale Ateneo scegliere. La storia della carriera di Alvaro Morata, nazionale spagnolo e juventino, è un po' questa: la sua doppia realtà viene fuori tutta nell'intervista concessa a Marca alla vigilia del match con la Roja.

La stagione attuale e l'eliminazione in Champions

Come cambia tutto in una sola settimana...

Nella vita tutto può cambiare ancor più nel mondo del calcio. Con la palla o senza, tutto cambia molto velocemente.

Per esempio domenica ha segnato due gol!

Quest'anno ho dovuto lavorare e correre come mai prima. A volte faccio il lavoro più difensivo quando sono in attacco. È stato un po’ strano per me. A volte non sono stato bene, altre ho lavorato più per la squadra. Ora però sono in forma, proprio come nel finale della scorsa stagione.

Si parla molto dei pochi gol realizzati da Morata (11), ma sono gli stessi del 2015 in questo stesso periodo

Fare gol in Italia è sempre difficile. L'anno scorso ho fatto abbastanza bene in Champions League. Le cifre non sono molto importanti, ma ho giocato un buon calcio. Sto imparando molto, ogni partita imparo a conoscere meglio le fasi di gara. 

Che cosa è l'Italia per un attaccante?

È il paese migliore per imparare. Non ero abituato a fare quasi 14 chilometri a partita, sono cifre da centrocampista o difensore. Mi sono adattato e impegnato per migliorare e imparare.

Avete ancora il pensiero a Monaco di Baviera?

Ogni volta che ci penso mi rovino la mia giornata. Mi sento arrabbiato, abbiamo dimostrato che siamo riusciti a giocare lì come nessun altro, come avevamo fatto anche nella finale di Champions League. Ciò che rimane è che siamo andati a casa.

Pensa che Allegri abbia sbagliato qualcosa?

No, niente, avrei continuato a giocare ma in quella fase, contro quella squadra … È stata una partita alla quale mi ero adattato molto bene, ma ci sono decisioni che gli allenatori si devono assumere.

Va bene, ma con Morata in campo 3-0 per la Juve, senza di lui 6-1 per il Bayern!

Questa è aneddotica. Quello che è certo è che la squadra ha fatto una grande partita a Monaco, abbiamo pensato che avremmo potuto vincere, siamo stati alla pari con il Bayern. È stata una tragedia per noi. Da 0-2 a 4-2 sembra incredibile.

Morata contro il Bayern

La nazionale spagnola e il sogno dell'Europeo

Cosa significa per te l’Europeo?

La nazionale è la mia vita. Andare all’Europeo è vita.

E non andare?

Esattamente l’opposto della vita.

Ci sarà anche Aduriz in nazionale, sorpreso?

È normale! Ha fatto un sacco di gol. Lui è un grande giocatore, che si è guadagnato il diritto di di essere qui. Speriamo che segni molto e contribuisca a farci vincere il Campionato Europeo.

E Diego Costa?

Posso solo dire buone parole su di lui. Abbiamo condiviso solo una chiamata in nazionale ma consigliava tutti, siamo andati a cena insieme ... non lo conoscevo molto ma ho scoperto un bravo ragazzo, un grande compagno con un buon rapporto con tutti. Lo ammiro come giocatore e mi piace giocare con lui, uno dei migliori attaccanti del mondo.

Oggi c’è l'Italia. Ci saranno molti compagni della Juve?

Alcuni, altri sono infortunati. Quasi tutta la difesa è composta da giocatori della Juve. Se dovessimo vincere mi puniranno…

Assente Chiellini ma ci saranno Barzagli e Bonucci.

Che non ci sia Chiellini è una gioia per me. Riposa per la Juve e mi evita qualche calcione [Ride]. Bonucci e Barzagli sono due dei migliori difensori al mondo. Il più grande merito della Juve negli ultimi due anni è che nessuno riusciva a superarli per il modo in cui difendono. Con questo gurppo dietro si gioca molto più tranquilli. E se sono in tre poi è quasi impossibile.

E Buffon?

Tutto quello che abbiamo detto vale anche per il portiere. Per tutto quello che ha fatto e sta facendo. Mi è stato molto vicino quando sono arrivato.

Che pensa dell'Italia?

Il solito. Una squadra che difende molto bene, che è quasi perfetta tatticamente, è molto complicato farle gol e, soprattutto, ha giocatori super-competitivi.

Alvaro Morata con la Roja

Quale futuro? La Premier, la Bundesliga o il ritorno a Madrid

Si vede nella Juve la prossima stagione?

Non lo so. Io sto bene lì, ma staremo a vedere.

Si aspettava la concorrenza con Mandzukic e che Dybala fosse così forte?

Sì. In un gruppo che è il più forte d'Italia e uno dei più forti in Europa ci deve essere concorrenza. Mi aspettavo e mi sarebbe piaciuto giocare di più, ma ci sono state circostanze che lo hanno impedito.

Influisce che Mandzukic o Dybala siano interamente di proprietà di Juve su chi gioca di più o di meno?

Non ne ho idea. Lo sapranno i dirigenti e l’allenatore. So solo che ogni volta che ho messo la maglia della Juve volevo essere proprio lì e scommetto che ci sarò ancora.

Inghilterra, Germania ...

Sono paesi in cui il mio gioco può adattarsi meglio, ma sto bene in Italia, la Juventus è un grande club e mi sento a casa.

Non la affascina la Premier?

Mi piace molto per le sue caratteristiche di gioco e perché è più attraente per un attaccante. Meno tatticismi che in Italia.

Pensa di tornare a Madrid?

È stato un anno molto strano per me. Alla fine quello che devo fare è rimanere concentrati sul mio gioco, ma ovviamente penso a cosa accadrà in futuro e che esiste una possibilità di tornare, è vero!

Butragueno ha detto che lei fa parte dalla famiglia di Madrid.

È molto affettuoso. Quando a dirlo è una leggenda di Madrid... è la storia del calcio spagnolo. Si occupa dei giovani come se fossero la sua famiglia e lo apprezzo molto per questo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.