Calci di punizione: il talento di Messi, i segreti di Maradona

Se Leo Messi è diventato uno specialista nei calci di punizione, gran parte del merito va anche a Diego Armando Maradona. La macchina del tempo ci porta al febbraio del 2009.

Messi e Maradona parlano in mezzo al campo

558 condivisioni 46 commenti

Share

[di Stefano Borghi]

La leggenda, ma è più che altro storia, vuole chein un rigidissimo giorno del febbraio 2009 Maradona chiamò Messi in mezzo al campo: stavano preparando un'amichevole tra Francia e Argentina. Il ct e il numero 10, e Diego disse a Leo:

Vieni, adesso ti insegno come si tirano le punizioni.

Da lì, Messi ha messo il suo talento a disposizione di questo fondamentale, per il quale la componente di capacità necessaria è altissima, però è ancora più importante il livello di applicazione e di pratica costante.

Calci di punizione: il talento di Messi, i segreti di Maradona

Anni dopo, Messi ha sviluppato una tecnica che lo mette al top anche in questo settore. Tre cose fanno i calci di punizione di Messi: gli occhi, che prima di tutto registrano la situazione con tre punti di riferimento. Il pallone da guardare una volta, la porta da studiare e il portiere da considerare, anche se quello è il riferimento meno importante. Poi il piede destro, lo usa per fare il primo passo - corto - che serve per creare le distanze giuste, e poi lo riusa per l'ultimo passo, quello che definisce la coordinazione e l'equilibrio. 

Infine soprattutto il sinistro, che ha la funzione di fare il primo passo lungo, quello che dà lo slancio e di conseguenza l'inerzia, e poi colpisce in un punto precisissimo tra il collo e l'interno. Accompagnando infine il movimento, perché come gli disse el Diez nel gelo di Marsiglia:

Non togliere subito il piede, altrimenti lei non saprà quello che tu vuoi che faccia. 

Un modo molto diverso di calciare da quello di Cristiano Ronaldo, che secondo Valdano si è abbeverato alla fonte di Beckham per imparare l'arte del piazzato, ma che poi l'ha sviluppata diversamente prendendosi diverse critiche per una percentuale realizzativa bassissima sull'ultimo centinaio di tentativi, e soprattutto meno brillante rispetto ai compagni di squadra Bale e James. Modi differenti, riscontri diversi ma sempre la stessa storia: le due facce della Liga sono loro. Quella delicata e geniale conto quella furibonda e devastante.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.