Guardiola pensa già al City, pronti 4 colpi: ma c'è l'incognita Europa

Il tecnico del Bayern Monaco dal primo luglio sbarcherà a Manchester è ha già una lista per gli acquisti pronta. Per i Citizens sarà Champions o Europa League?

Immagine di Pep Guardiola, Bayern Monaco

257 condivisioni 37 commenti

di

Share

Due piedi a Monaco, la testa già a Manchester. Pep Guardiola esaurisce così gli ultimi mesi da allenatore del Bayern: c’è ancora da fare, per carità, Robben e compagni sono in corsa per il titolo (primi con il Borussia Dortmund distante 5 punti) e in Champions League (ai quarti sfida al Benfica). Ovvio però che si pensa al futuro, perché una squadra come il Manchester City basa tutto sulla programmazione. E i risultati bisogna vederli subito.

La lista

L’ex allenatore del Barcellona - come riporta il Daily Mail - pare abbia già pronta la lista della spesa. Quattro giocatori che hanno un solo obiettivo, cioè quello di puntellare una squadra già competitiva. Il primo dell’elenco? Ilkay Gündogan, centrocampista del Borussia Dortmund. Poi due difensori bravi e di prospettiva come Aymeric Laporte dell’Athletic Bilabo e John Stones dell’Everton. Per ultimo, nel mirino ci è finito anche Toni Kroos del Real Madrid, che secondo voci di corridoio non sarebbe felicissimo di stare agli ordini di Zidane.

Giovani e non solo ma con un dubbio

Guardiola avrà a Manchester il compito anche di far crescere i ragazzi della Etihad Academy. Verrà promosso stabilmente in prima squadra l’attaccante nigeriano Kelechi Iheanacho, già 9 gol in questa stagione. E rientrerà il giovane belga Jason Denayer, ora in prestito al Galatasaray. Da valutare anche la posizione di Vincent Kompany: quest’anno la sua stagione è stata spesso falcidiata dagli infortuni, dovrebbe comunque rimanere e giocarsi un posto da titolare.
Di desideri di mercato poi ce ne sono altri: dai gioiellini Weigl del Dortmund a Chilwell del Leicester, passando ai big come Sergio Busquets, Paul Pogba e Alvaro Morata. Tanti nomi, la dirigenza dei Citizens vuole accontentare il maestro spagnolo.
Ma c'è il pericolo che quest'anno Pellegrini non riesca a portare la squadra in Champions League. Con l'Europa League allora il piano andrà rivisto, soprattutto perché alcuni top player storcerebbero il naso giocando una competizione 'minore'. Dal primo luglio il direttore sportivo Txiki Begiristain e il direttore generale Ferran Soriano lavoreranno a stretto contatto con il nuovo allenatore: allora sì che il nuovo Manchester City prenderà forma.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.