Villarreal-Barcellona 2-2. Che partita al Madrigal! Barca rimontato

La squadra di Luis Enrique va avanti di due gol grazie a Rakitic e Neymar ma viene rimontata dai padroni di casa, autori di un'ottima prova.

957 condivisioni 35 commenti

Share

Per una striscia positiva che continua, ce n'è una che si ferma. E' il caso del Barcellona, che con il pareggio maturato in casa del Villarreal continua e allunga la serie di partite senza sconfitte consecutive (ora sono 39), ma ferma a 12 le vittorie in fila. Una striscia si chiude con un po' di rammarico, perché nonostante gli avversari abbiano giocato una partita fantastica mettendo in difficoltà i blaugrana come nessuno quest'anno, la squadra di Luis Enrique ha chiuso il primo tempo in vantaggio di ben due gol, senza riuscire a gestire il vantaggio nella ripresa. Benissimo, come detto, i giocatori di Marcelino, bravi a reagire al doppio svantaggio e agli episodi sfavorevoli.

Getty Images

La cronaca della partita

Partenza con i fuochi d'articio al Madrigal. Dopo 40 secondi, infatti, i padroni di casa hanno subito una grande chance con un'azione rocambolesca in area: Bakambu mette in mezzo il pallone che viene colpito di testa da Trigueros, Arda Turan da terra devia involontariamente e manda il pallone sul palo. Pressione del Villarreal che aumenta, tanto che la squadra di Marcelino va ancora vicino al gol con Bakambu, ma il suo tiro è murato da Claudio Bravo. Barcellona mai così in difficoltà quest'anno come nei primi minuti di questa gara. La squadra di Luis Enrique prova a scuotersi e al 10' si fa vedere per la prima volta dalle parti di Sergio Asenjo, con un piazzato di Rakitic che finisce a lato. Ritmi altissimi in campo, a dimostrazione dell'ottimo stato di forma di entrambe le squadre. Al 20' si sblocca il match: Messi mette in mezzo su calcio di punizione, un rimpallo tra Suarez e Asenjo finisce sui piedi di Rakitic che non sbaglia, portando avanti i suoi al primo vero tiro in porta. Da questo momento in poi sono i catalani a fare la partita, abbassando di conseguenza il ritmo. Blaugrana che al 40' raddoppiano in conseguenza ad un abbaglio del direttore di gara, che concede calcio di rigore per fallo di Asenjo in uscita su Neymar. In realtà il portiere spagnolo prende pienamente il pallone. Dopo le vibranti proteste dei padroni di casa, dal dischetto va proprio Neymar che con un cucchiaio spiazza il numero uno avversario. 0-2 che rende una polveriera il Madrigal.

La ripresa

Villarreal che prova a reagire nella ripresa, ma il possesso palla del Barca continua a tenere a bada la pressione dei padroni di casa. Al 54' Trigueros prova ad accorciare le distanze con un tiro pericoloso dal limite dell'area, mandandolo però alto di poco sopra la traversa. Passano tre minuti e il Villarreal trova il gol con Bakambu, bravo farsi trovare pronto sulla ribattuta dopo il tiro di Denis Suarez (arrivato al termine di un'azione personale sublime dell'ex di giornata). Per i successivi cinque minuti la squadra di Luis Enrique sparisce dal campo. Gli uomini di Marcelino, caricati dal gol, vanno ripetutamente vicini al pareggio con i tentativi di Samu Castillejo (para Claudio Bravo) e Soldado (colpo di testa fuori di un soffio). Dopo questa doppia occasione, una fiammata di Neymar rischia di ricacciare indietro i padroni di casa, ma Asenjo è super a dire di no al tiro a botta sicura del numero 11 brasiliano. Al 63' accade l'incredibile: dopo un cross da calcio d'angolo per il Villarreal tocca di testa Soldado, la palla sbatte su Mathieu (entrato al posto di Piquè sul 2-0) e finisce in porta, permettendo al sottomarino giallo di completare una clamorosa rimonta e mandando in estasi il Madrigal. Barcellona a dir poco scosso, ma che prende nuovamente in mano il mach alimentando la propria manovra offensiva. Al 70' Rakitic sfiora la doppietta con un colpo di testa, ma Sergio Asenjo è super a mandare in angolo e a negare la seconda gioia di giornata al croato. Ospiti che appaiono comunque in difficoltà e privi di idee, con la partita che rimane in equilibrio (come d'altronde lo è stata dal primo minuto, nonostante il doppio vantaggio maturato dai catalani nel primo tempo). Finale ricco di emozioni, ma senza che nessuna delle due formazioni riesca a trovare il guizzo giusto che possa valere il gol vittoria. 

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.