Rayo Vallecano-Eibar 1-1, succede tutto nel primo tempo

Le due squadre, reduci da diverse sconfitte consecutive, si accontentano di un punto ciascuna. Il Rayo va in vantaggio nei minuti iniziali, i baschi pareggiano al 36'.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Negli ultimi due turni di Liga, Rayo Vallecano ed Eibar avevano entrambi avuto la sventura di ospitare il Barcellona, uscendone in ugual misura con le ossa rotte: 1-5 il Rayo, 0-4 i baschi, sotto il tornado blaugrana. Ieri, a Vallecas, si affrontavano due formazioni che cercavano di uscire da un periodo negativo, di cui le bastonate catalane erano state solo la cartina di tornasole.

I consigli di Jemez ai suoi

Primo tempo

Il Rayo dimostra di credere di più nelle proprie possibilità e comincia col piglio giusto, tanto che al 7' è già in vantaggio con Ze Castro che svetta di testa su corner e insacca imparabilmente a fil di palo. Gli uomini di Jemez insistono e un minuto dopo spingono con Trashorras che, con un filtrante, serve Miku, ma Riesgo blocca. Ancora Miku, al 15', ma la sua conclusione da posizione ravvicinata finisce alta. Al 23', finalmente, anche l'Eibar si fa vivo, con un colpo di testa di Escalante di poco alto. Al 36' ancora baschi in avanti: Juncà, appena passata la metà campo, la mette in mezzo, la difesa è impreparata, non così Escalante che indisturbato incorna mandando la palla dove Yoel non può arrivare: 1-1.

Il tecnico dell'Eibar Mendilibar

Secondo tempo

Sono i baschi a cominciare forte: fra il 46' e il 47' ci provano due volte con Borja Baston e una con Inui, ma senza fortuna. Al 58' è la volta del Rayo: bella iniziativa di Embarba sulla destra, ma Miku, solo davanti a Riesgo, non concretizza. Al 71' è la volta di Miku, ma il suo tiro da fuori finisce alto di poco. C'è ancora tempo per un tentativo di Diego Llorente che, però, al quarto minuto di recupero, si fa bloccare a terra da Riesgo la conclusione ravvicinata di testa.

Il Rayo (27 punti) avrebbe avuto più bisogno dei tre punti per provare ad allontanarsi dalle zone basse della classifica, ma dopo due sconfitte consecutive, è già importante tornare a muovere la classifica. Per lo stesso motivo, quello di ieri è un punto d'oro per l'Eibar (37) che arrivava da quattro debacle in fila, la posizione in classifica è tranquilla, ma i risultati cominciavano a farsi preoccupanti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.