Premier League, Aston Villa-Tottenham: il baratro e la gloria

Con l'FA Cup sul palcoscenico, la domenica di Premier propone una sola partita. I Villans inseguono un'insperata salvezza, il Tottenham la capolista Leicester.

Esultanza del Tottenham

61 condivisioni 3 commenti

di

Share

Il calendario di Premier è decimato dall'FA Cup, e così domenica gli occhi degli appassionati sono tutti puntati su Aston Villa e Tottenham. Al Villa Park il fischio d'inizio è fissato per le ore 17, sulla carta è un match dall'esito scontato. I Villans sono desolatamente ultimi a quota 16 punti, gli Spurs inseguono il Leicester capolista distante 5 lunghezze. All'andata finì 3-1 per il Tottenham, sulle tribune del White Hart Lane sedeva Rémi Garde, appena chiamato per sostituire l'esonerato Tim Sherwood.

Qui Aston Villa

Zero punti, 15 gol subiti e 2 fatti nelle ultime quattro partite di Premier. L'Aston Villa non vince dal 6 febbraio scorso, dal 2-0 rifilato al Norwich. Di giornata in giornata la salvezza assume sempre più le sembianze di un miracolo, eppure Rémi Garde sembra crederci nonostante i 9 punti che li separano dal Sunderland quartultimo. Per caricare i suoi il manager francese ha preso in prestito lo slogan coniato da Barack Obama durante la campagna elettorale per le presidenziali americane.

'Yes we can'. Possiamo ancora salvarci. Prendiamo ad esempio il Leicester dell'annata passata che proprio a questo punto della stagione iniziò a vincere e riuscì a salvarsi. Sono consapevole che nelle ultime partite abbiamo messo in mostra prestazioni deludenti, ma nel calcio non si sa mai cosa può succedere.

L'Aston Villa dovrebbe scendere in campo con la stessa formazione che una settimana fa è stata travolta 4-0 dal Manchester City, fatta eccezione per l'innesto di Sinclair al posto di Clark. Affollatissima l'infermeria, ai box ci sono ancora Grealish, Kozak, Sanchez, Amavi e Traoré.

Qui Tottenham

La netta sconfitta contro il Borussia Dortmund in Europa League ha inevitabilmente minato le convinzioni del Tottenham, già reduce da due passi falsi in Premier League. Ma l'Aston Villa sembra l'avversario ideale per riprendere la corsa e continuare a sognare il titolo. È dello stesso avviso Mauricio Pochettino, che giovedì contro i tedeschi ha festeggiato nel peggiore dei modi le 100 panchine alla guida degli Spurs

Non sono affatto preoccupato - ha esordito in conferenza stampa l'argentino, nominato miglior manager della Premier League del mese di febbraio -. Dobbiamo saper affrontare questi momento difficili. Abbiamo sempre fatto ottime prestazioni, solo nelle ultime partite siamo calati di rendimento. I giocatori sono molto tristi, ma dobbiamo saper cogliere gli aspetti positivi di certi momenti.

Out Vertonghen e N'Jie (entrambi per problemi al ginocchio), Pochettino può però riabbracciare Rose e Dier. Tra i titolari si rivedranno ovviamente Lamela, Alli e Kane, esclusi dall'undici iniziale contro il Dortmund. Il messaggio è chiaro, il Tottenham è andato all-in sulla Premier League. 

Le probabili formazioni di Aston Villa-Tottenham

Aston Villa (4-3-3) - Guzan; Hutton, Richards, Lescott, Cissokho; Veretout, Gueye, Westwood; Sinclair, Agbonlahor, Ayew. All.: Rémi Garde.

Tottenham (4-2-3-1) - Lloris; Walker, Alderweireld, Wimmer, Davies; Dier, Mason; Lamela, Alli, Eriksen; Kane. All.: Mauricio Pochettino.

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.