Tutti i gol di Premier: stop Arsenal e Tottenham, il Leicester sorride

Turno infrasettimanale che sorride ancora una volta agli uomini di Ranieri: perdono tutte le inseguitrici. Bagarre per la Champions League e la salvezza

153 condivisioni 0 commenti

di

Share

Per come si era messa, Claudio Ranieri non si può di certo lamentare. Il pareggio di martedì contro il WBA sembrava una catastrofe. Il Tottenham, vincendo contro il West Ham, avrebbe superato le Foxes in classifica. L'Arsenal, aveva la la possibilità di accorciare e il City poteva rimettersi in corsa. Nulla di tutto ciò. Dopo il pareggio del Leicester City, per le inseguitrici sono arrivate solo sconfitte.

1) Il Leicester può farcela anche senza Kanté

Alla vigilia del match contro il WBA, l'assenza del centrocampista francese sembrava una maledizione scesa dal cielo, proprio quando ci si appresta al rush finale. Il campo, però, ha detto altro. Le Foxes hanno dominato in lungo e in largo in tutti i reparti, correndo fino all'ultimo minuto, senza mollare un centimetro. E visti gli altri risultati, tutto sommato è andata bene. 

2) Anche Borini può dire la sua 

L'attaccante italiano, impiegato da Allardyce quasi sempre in corsa, ha dato per l'ennesima volta la dimostrazione di professionalità e carisma. Entra con il Sunderland in svantaggio, aggredisce tutti i palloni e alla fine da un suo tiro (cross?) nasce il pari dei suoi. Visti i valori in campo, Borini potrebbe avere sicuramente più spazio e aiutare i Black Cats a salvarsi.

3) Il West Ham è in corsa per la Champions

Gli Hammers di Slaven Bilic sono la vera outsider del campionato. Mentre tutti sono concentrati sulla corsa al titolo e sulle speranze del Manchester United di rientrare nell'Europa che conta, ecco che Payet e compagni, zitti zitti, tengono il passo dei top team e si piazzano al sesto posto, ad appena un punto dalle due squadre di Manchester. Quanto dimostrato in campo dal West Ham questa stagione fa pensare che a contendersi un posto per la prossima Champions League ci siano anche loro. 

4) Arsenal: the same old story

E rieccoci qui. Ogni anno siamo allo stesso punto. I Gunners di Arsene Wenger, quando sembra possano dire finalmente la loro e piazzare l'allungo decisivo, si afflosciano improvvisamente, sommando una serie di brutte prestazioni che li fa scivolare in classifica. La vittoria sul Leicester di due settimane fa sembrava averli finalmente rilanciati, ma questa squadra non sembra voler maturare mai. E ora la vetta dista sei punti.

5) Lo United c'è, eccome

La punizione di Mata all'82' del match contro il Watford ha improvvisamente rimesso in corsa i Red Devils per la prossima Champions League. Fino a quel momento, a dirla tutta, gli ospiti avrebbero meritato il vantaggio. Le occasione si sa, vanno sfruttate, e cosi hanno fatto Depay e compagni. I tre punti di ieri sera li proiettano sempre al quinto posto, ma a pari merito con i cugini dell'altra sponda di Manchester. Con 10 giornate alla fine, e un derby ancora da giocare, possiamo scommettere che ci sarà da divertirsi. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.