Ryan Giggs infinito: 25 anni fa l' esordio con il Manchester United

Era il 2 marzo '91, da lì in poi una carriera ricca di trofei e grandi esperienze. Sempre e solo con la stessa maglia addosso.

Un'immagine di Giggs

875 condivisioni 24 commenti

di

Share

Chi era Ryan Giggs? La domanda dei piccoli tifosi del Manchester United ai loro papà ritorna ogni settimana. Un’incognita continua per quelli nati dagli anni Duemila in poi, dunque troppo piccoli per essere a conoscenza delle imprese del calciatore più titolato d’Inghilterra. I padri tagliano corto, spiegano che il signore brizzolato accanto a Louis Van Gaal è semplicemente lui, Ryan. E che di cose belle con la maglia rossa ne ha fatte, a cominciare da quel 2 marzo 1991.

L’inizio

25 anni sono passati da quando Giggs debuttava con la maglia dello United. Si era scaldato bene, aveva tirato su i calzettoni, messo la maglia dentro e dato il cinque all’infortunato Denis Irwin, entrando così al suo posto sul campo dell’Old Trafford contro l’Everton. Da quel giorno quella casacca non l’ha tolta più: sono arrivate 963 presenze da professionista condite da 34 titoli in bacheca, tra cui tredici Premier League, due Champions League, una Coppa Intercontinentale, un Mondiale per club e una Supercoppa Europea. Alex Ferguson, nemmeno a dirlo, fulo scopritore di questo puro talento gallese. Il manager andò a trovarlo a casa nel giorno del suo 14esimo compleanno:
Lascia il City, vieni da noi. Nel giro di pochi anni diventerai un calciatore professionista.

Bandiera al vento

Il suo primo gol lo segna qualche mese dopo il debutto, il 4 maggio, contro il Manchester City. Destino beffato da chi ha avuto il coraggio di fare una scelta di vita, senza rimpianti. La sua carriera da calciatore è storia, ora è lì alle spalle di van Gaal con il compito di fare da ‘secondo’
Ryan la sua piccola occasione ce l’ha avuta alla guida dello United, quando Moyes fu esonerato nel 2014. Ha portato la squadra fino alla fine del campionato, poi è tornato in seconda linea lasciando il posto al manager ex Bayern Monaco. E Sir Alex, sponsorizza fortemente le qualità del suo ex talento:
Lui ha tutte le carte in regola per diventare un grande allenatore. Ho sentito dire in giro che dovrebbe andare in un altro club a fare esperienza, quando in realtà ne sta accumulando tanta già ora. Non credo proprio che lui abbia bisogno di andare da qualche parte.

Una carriera infinita e… divertente

Insomma, Giggs non è stato solo gol (168 con i Red Devils), assist e trofei. Ryan è una vera leggenda in quel di Manchester, 25 anni fatti di record: per esempio ha segnato ad esempio dopo appena 16’’ dal fischio d’inizio contro il Southampton. Poi si è divertito tra spot pubblicitari di ogni tipo, dalle scarpe da ginnastica ad una marca di succo di pomodoro giapponese.
Un campione a 360 gradi, ecco perché il piccolo tifoso del Manchester United dovrà insistere e continuare a chiedere al padre chi era Ryan Giggs. Oppure dovrà aprire Youtube e provare a digitare il suo nome: in casi come questi, ben venga rimanere incollati ore e ore allo schermo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.