Simeone dopo la Real Sociedad: "Dobbiamo pensare solo a noi stessi"

L’Atléitco Madrid è l’unica antagonista del Barcellona, la vittoria con la Real Sociedad dà fiducia ai colchoneros ma Simeone non vuol sentir parlare di calcoli: l’Atlético deve fare la corsa soltanto su se stesso.

L'allenatore dell'Atlético Madrid, Diego Simeone

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

L’Atlético Madrid è l’unica squadra che può ancora sperare di scippare il titolo della Liga al Barcellona. L’impresa è ardua ma le ultime due vittorie in campionato con Real Madrid e Real Sociedad sono un segnale più che positivo e un’iniezione di fiducia per i ragazzi di Simeone. Il tecnico argentino è soddisfatto di quanto fatto vedere dalla sua squadra nell’ultimo periodo, come sottolineato in conferenza stampa dopo la vittoria per 3 a 0 con la Real Sociedad:

Sono stati dieci giorni abbastanza duri ma è andata bene, soprattutto considerando lo sforzo che abbiamo fatto, giocando ogni due giorni e mezzo e recuperando bene tra una partita e l’altra. La partita di oggi si è messa subito in discesa. Abbiamo giocato bene, soprattutto dalla metà campo in su. Il 2 a 0 ci ha permesso di giocare in scioltezza il resto della partita.

Al di là dello spettacolo in campo, Simeone si è dimostrato più interessato all’aspetto concreto del calcio dove conta una sola cosa: la vittoria. Un pensiero che ha ribadito anche in conferenza stampa. Inevitabile la domanda sul Barcellona che non sbaglia un colpo. Simeone preferisce non guardare a chi gli sta davanti, molto meglio fare la corsa su se stessi:

Cerchiamo di superarci… lo sappiamo, è molto difficile che il Barcellona possa perdere le partite. Dobbiamo pensare solo a noi stessi.

Simeone sembra aver voluto ignorare il brutto intervento di Augusto Fernandez sulla caviglia di Capilla:

Ha giocato bene. Quando abbiamo pensato a lui, cercavamo un calciatore con queste caratteristiche. Interpreta molto bene il gioco, con intensità e si è adattato rapidamente alla squadra.

A rendere più deprecabile il bruttissimo intervento di Augusto Fernandez, il fatto che la partita fosse finita: il triplice fischio dell’arbitro è arrivato un paio di secondi dopo la dura entrata dell’argentino. Capilla ha subito una torsione traumatica alla caviglia sinistra che ha causato la rottura del legamento collaterale esterno, un’avulsione ossea e una contusione del legamento collaterale interno.

Dalle notizie circolate nelle prime ore dopo l’infortunio, si parlava di stagione finita per Capilla, ma lo staff medico della Real Sociedad non ha voluto parlare di tempi di recupero, limitandosi a dire che il calciatore ha iniziato la fisioterapia e che il suo ritorno in campo dipenderà da come il calciatore risponderà alle cure.

Subito dopo la fine della partita, Augusto Fernandez si è recato nello spogliatoio del Real Sociedad per scusarsi con l’avversario.

Simeone ha anche fatto cenno al prossimo impegno di campionato, l’Atlético è atteso dal Valencia, match ritenuto molto impegnativo dall’allenatore argentino.

Per il tecnico della Real Sociedad, Eusebio la sconfitta è figlia dell’errore commesso in occasione del primo gol dell’Atlético, arrivato nei minuti iniziali e che ha rovinato tutti i piani:

Siamo andati subito in svantaggio, abbiamo commesso un errore che ci ha penalizzato molto. Il piano era di controllare l’Atlético ma il gol ci ha tagliato le gambe. Nel secondo tempo avremmo voluto aumentare il ritmo ma abbiamo subito la seconda rete.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.