Attenzione, parla Ronaldo! Le 10 frasi più polemiche del portoghese

Da quando veste la maglia del Rea Madrid, CR7 spesso si è lasciato scappare qualche parolina di troppo. Marca ha raccolto le dieci frasi del campione portoghese che una volta pronunciate hanno provocato un fiume di polemiche

Tutte le frasi dell'attaccante portoghese dalla forte vena polemica

202 condivisioni 44 commenti

di

Share

Il quotidiano spagnolo Marca ha pubblicato le dieci frasi più polemiche che il campione portoghese ha rilasciato alla stampa da quando è al Real Madrid.

1) "Vediamo se a noi il Barça ce ne fa otto"

20 novembre 2010: era la settimana che precedeva il Clasico di Spagna. Il Barcellona arrivava dalla roboante vittoria per 8-0 sull'Almeria e si affacciava alla partita con grande fiducia, sentiva odore di sorpasso (il Real conduceva la Liga con 32 punti, seguivano i catalani a 31). Ronaldo per nulla intimorito, alla domanda di un giornalista se questo risultato lo preoccupasse o meno rispose con aria piuttosto sicura. Fu punito: Messi e compagni vinsero per 5-0. Della serie: "era meglio se stavo zitto".

29 novembre 2010: Barcellona-Real Madrid 5-0

2) "Non mi piace giocare così, ma devo adattarmi"

Anche l'anno seguente, dopo la sconfitta contro il Barça nella semifinale di andata della Champions League (0-2 al Bernabeu), non le mandò a dire. La sua frecciatina quella volta era indirizzata verso Mourinho, reo secondo Ronaldo, di mettere in campo una squadra con un approccio troppo difensivo.

27 aprile 2011, semifinale di Champions League

3) "Sapevamo che sarebbe successo qualcosa"

 Il Real perse anche la semifinale di ritorno e non mancarono le polemiche arbitrali. Ad alimentarle chi se non Cristiano Ronaldo?

Sapevamo che se segnavamo un gol poteva cambiare tutto. Gol di Higuaìn, un gol regolare. Ma Mascherano ha messo in pratica le trappole del Barcellona. Quando giocava nel Liverpool non era così, ora sta sempre a terra. Ci hanno annullato una rete che poteva riaprire la partita. Sapevamo che sarebbe successo qualcosa.

Mascherano durante la semifinale di ritorno di Champions League del 2011

4) "Sono bello, ricco e un eccellente calciatore: sono invidiosi"

Ancora Champions League, ma questa volta di fronte ai Blancos c'è la Dinamo Zagabria. Il pubblico di casa non risparmia Cristiano, subissandolo di fischi durante tutta la partita. Quell'incontro terminò 0-1, gol di Di Maria.

Champions League 2011, Cristiano Ronaldo nella partita contro la Dinamo Zagabria

5) "Alla squadra do un 9, a me un 10" 

22 maggio 2012. Forte e un po' sbruffone. E' fatto così il 7 del Real e in un'intervista a Marca, dopo la vittoria della Liga, fa capire chi è il migliore in squadra - se ancora qualcuno non l'avesse capito.

Cristiano Ronaldo festeggia la vittoria nella Liga nel 2012

6) "Sono un po' triste, per questo non festeggio i gol"

Doppietta al Granada e 150 gol in 149 partite col Madrid. Ma nessuno ricordò quel match per lo score dell'attaccante. Fece discutere l'esultanza, o meglio la non esultanza. Cristiano Ronaldo non festeggiò facendo calare sui tifosi un atroce dubbio: che sia stanco del Real?

Cristiano Ronaldo segna e non festeggia contro il Granada

7) "Se dicessi tutto quello che penso, andrei in prigione "

Sulle orme di Cassano, verrebbe da dire. Ma il 'nostro' Fantantonio scambiò l'ordine dei termini, facendo comunque intendere il senso del discorso. Ronaldo invece è più attento, dimostra maggiore dimestichezza con la sintassi spagnola e tira fuori un'altra frase carica di veleno. Messi ha da poco vinto il premio come miglior giocatore del Mondiale brasiliano - 29 agosto 2014 - e probabilmente Cristiano non ha gradito.

Leo Messi con il premio di miglior giocatore dei Mondiali 2014

8) "Se avessi voluto darglielo davvero, non si sarebbe rialzato"

Domenica 17 gennaio, al Bernabeu va in scena Real Madrid - Sporting Gijon. Punteggio finale sonoro, 5-1 per i padroni di casa con tutta la BBC a segno (due Ronaldo e Benzema e uno Bale). Durante il secondo tempo Ronaldo perde la testa e dà un calcione al centrocampista Nacho Cases. L'arbitro lo grazia, nemmeno giallo per lui. Ai microfoni poi, con lo scopo di scagionarsi, si lascia andare a una dichiarazione non propriamente felice. 

Cristiano Ronaldo dà in calcio a Cases

9) "Pranzi, cene, baci e abbracci non contano niente"

Dichiarazione di pochi giorni fa, esattamente del 16 febbraio 2016. Messi, Neymar e Suarez sono grandi amici anche fuori dal campo? Per il tre volte Pallone d'Oro non c'è spazio per gli affetti.

Al Manchester ho vinto la Champions e non parlavo con Ferdinand, Giggs o Scholes. Baci e abbracci non contano nulla. Siamo dei professionisti

Il Manchester United vince la Champions League 2008

10) "Se tutti fossero al mio livello, saremmo primi"

Il Real ha perso il derby con l'Atletico Madrid del Cholo Simeone, ha deciso Griezmann. E a Ronaldo non è andata giù. Pesano i dodici punti di distacco dal Barcellona capolista, troppi da sopportare per uno come CR7. Ha poi corretto il tiro spiegando come intendesse dire che ci sono troppi infortunati in squadra. Ma ormai la bomba era stata lanciata.

Griezmann decide il derby di Madrid, Cristiano Ronaldo è sconsolato

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.