Il Leicester non molla mai, il Tottenham è lì: tutti i gol di giornata

Il primato del Leicester, l'inseguimento del Tottenham e il West Ham che sogna l'Europa. Ecco cosa ci insegna l'ultimo weekend di Premier League

366 condivisioni 6 commenti

di - | aggiornato

Share

1) Van Gaal in corsa per gli Oscar

Sarà che il suo Manchester United è in netta crescita, sarà che non è più noioso come una volta (13 gol fatti e 7 subiti nelle ultime 5 partite), ma un Van Gaal così attivo non lo si era mai visto. Solitamente, quando viene inquadrato, siede in panchina tra una discussione con Giggs e un appunto sul suo fedele quaderno. Ieri però, per mostrare una comica, secondo lui, simulazione di un giocatore dell'Arsenal, si è esibito in una caduta finta di fronte al quarto uomo, tra gli olè del pubblico. Che stia cercando di riconquistare fiducia?

2) Il Leicester non muore MAI

Il primato degli uomini di Ranieri ormai non fa più notizia, ma ancora una volta sorprende quanto la squadra non molli un centimetro di campo fino a quando l'arbitro non fischia la fine. Anche ieri, in una delle prestazioni più cupe di Vardy e compagni, il gol del definitivo 1-0 arriva all'89' quando tutto ormai sembrava scritto. Un gol pesantissimo, vista anche la sconfitta dell'Arsenal all'Old Trafford. E il sogno continua...

3) Il Boleyn Ground porta fortuna al West Ham

Sarà che sono gli ultimi mesi nello storico impianto dell'East End londinese, sarà che il ricordo che si vuole lasciare ai tifosi è quello di una fortezza inespugnabile, ma il West Ham, dopo aver perso le prime due partite di campionato in casa, in agosto, non ha mai più conosciuto sconfitta nel proprio stadio. Anche sabato, in un match non brillante ed entusiasmante contro il Sunderland, una vittoria che vale oro per la corsa all'Europa League. E mercoledì arriva il Tottenham che, al contrario, non perde in trasferta da sei mesi. 

4) Forster non è imbattibile

Era un po' l'impressione che aveva fatto a tutti il portiere inglese che, dal suo rientro tra i pali della difesa del Southampton, non aveva più subito gol. Precisamente dal 13 di gennaio. Quasi due mesi, con sei partite (e trequarti, visto il gol subito al 75'), che hanno visto imbattuta la difesa dei Saints. A interrompere la striscia positiva un cross di Fabregas che nessuno tocca e che si infila beffardamente in rete. 

5) Tony Pulis si conferma il "Never Relegated Manager"

La vittoria per 3-2 contro una diretta rivale come il Crystal Palace, ha definitivamente lanciato il WBA verso una salvezza lontana ormai solo 5 punti. La squadra di Tony Pulis, famoso oltremanica per essere uno dei pochi manager a non essere mai retrocesso, sebbene non abbia mai allenato una grande, grazie ai tre punti di ieri si è portata a quota 35, a 11 dalla zona rossa che vale la retrocessione e pochi passi dalla matematica salvezza. E Pulis può allungare di una stagione il suo record. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.