Rashford, eroe di Manchester: gol da record nel segno di Best e Rooney

Un giovanissimo che segna solo doppiette, Marcus ha già battuto ed eguagliato i record delle due leggende dei Red Devils. E van Gaal si prende il giusto merito.

Un'immagine di Rashford

538 condivisioni 23 commenti

di - | aggiornato

Share

Avere 18 anni e tanti sogni nel cassetto. La storia di Marcus Rashford è di quelle che vanno raccontate nelle scuole calcio, per far capire che “sì, qualcuno ce la può fare”. Serve impegno, classe e perché no, un pizzico di fortuna. Una favola che non inizia con un “c’era una volta”, perché Marcus è il presente del Manchester United.

Esordio col botto

Europa League: Rooney infortunato, Martial dà forfait all’ultimo. Louis van Gaal si gira, guarda la panchina e dice con chiarezza:
Tocca a te.
Il ‘te’ è riferito a Rashford, un ragazzo del ’97 che è in prima squadra da Natale: qualche convocazione, l’allenamento con i grandi e niente più. Ora però in attacco c’è emergenza e bisogna ribaltare in casa il 2-1 subito dal Midtjylland e dare un senso a questa stagione. E dove si possono realizzare i sogni se non all’Old Trafford? Maglia numero 39, una doppietta in undici minuti che toglie le castagne dal fuoco al tecnico olandese e rilancia le ambizioni dei Red Devils in chiave Europa League. É sempre al posto giusto nel momento giusto, in pratica l’unica indicazione che deve avere un attaccante d’area come lui. Un esordio con gol che è già storia, perché il giovane inglese segnando a 18 anni e 117 giorni ha superato di qualche mese il record di George Best, che fino all’avvento di Marcus era il più giovane marcatore della storia del club nelle coppe europee. Insomma, sorpasso ai danni di una leggenda.

Ci ha preso gusto

Big match di Premier League, in casa lo United riceve un Arsenal arrembante a caccia del Leicester primo. Tocca ancora a Rushford: minuto 29, ecco il primo gol. Nemmeno il tempo di smaltire la sbornia della prima rete in campionato che mette dentro un altro pallone, di testa su cross perfetto di Lingard. Conti alla mano, senza calcolatrice: 2 presenze, 2 doppiette, 4 gol. Diventa così il terzo marcatore più giovane della storia del massimo campionato inglese, davanti a lui solo Federico Macheda e Danny Welbeck. Ma soprattutto ha segnato in Premier a 18 anni e 120 giorni, come Wayne Rooney. Che il destino sia con te.

Dicono di lui

Esplosivo, talentuoso, ma soprattutto è un grande lavoratore.
Nicky Butt, direttore dell’Academy United, elogia il ‘prodotto’ del suo settore giovanile. Nel settore scouting da tempo si fa il nome di Rashford, che ha mostrato di saperci fare eccome con l’Under 21 del club. Soprattutto si è messo in mostra nel panorama europeo della Youth League, dove ha fatto male sia al Psv Eindhoven che al Wolfsburg. E van Gaal gonfia il petto:
Per esperienza so che i giovani danno tutto all’esordio, mentre nella seconda partita l’atteggiamento è diverso. Marcus ha fatto sempre bene, quindi è un talento. Con il mio staff ci siamo parlati e abbiamo deciso di dare più spazio ai ragazzi.

Louis, occhio lungo

Van Gaal di talenti ne ha lanciati eccome nella sua lunga carriera: da Seedorf a Kluivert, passando per Van der Saar giusto per citarne alcuni from Amsterdam, dove con l’Ajax ha vinto una Champions League nel 1995. Poco dopo a Barcellona: Xavi, Iniesta, Puyol. Anche in Germania con il Bayern Monaco con i giovani ci ha saputo fare: nel lontano 2008 butta nella mischia un certo Thomas Müller, sicuramente oggi il miglior giocatore tedesco in circolazione. Poi Toni Kroos, Alaba e tanti altri.
Al Manchester United, Rashford è solo l’ultimo della lista, prima di lui è toccato al terzino Borthwick-Jackson e Donald Love. Da aggiungere il merito per la definitiva consacrazione di talenti cristallini come Depay e Martial. Marcus la punta di diamante di un progetto fin qui deludente, leggendo i risultati, ma sicuramente prolifico dal punto di vista dei giocatori. Louis un po’ gongola, una piccola rivincita contro tutto e tutti se l’è presa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.