John Terry soccorre una bambina ferita e per la stampa inglese diventa un eroe

Stando al racconto del "Sun", il mese scorso il capitano del Chelsea è intervenuto per aiutare una bimba di 9 anni, investita da un'auto nei pressi della sua villa nel Surrey

John Terry è stato definito un eroe dalla stampa

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Se finora John Terry era stato un eroe solo sul campo, perché in tanti anni di Chelsea ha visto e vissuto davvero di tutto, da adesso per la stampa lo è anche nella vita, per come ha prestato soccorso ad un bimba di 9 anni, investita da un'auto a poca distanza dalla sua villa nel Surrey. Stando alla ricostruzione dell'episodio che, a quanto scrive il "Sun"risalirebbe al mese scorso, il capitano dei Blues stava infatti rientrando dall'allenamento quando ha visto una Mini Cooper blu urtare una bambina sul ciglio della strada: nella caduta, la bimba si era procurata un vistoso taglio sulla testa, da cui usciva abbondantemente sangue, e piangeva dal dolore.

John è arrivato sul luogo dell'incidente pochi istanti dopo che era successo - hanno raccontato i testimoni - e si è subito precipitato verso la piccola, per accertarsi delle sue condizioni. L'ambulanza era già stata chiamata, ma lui ha voluto comunque telefonare alle persone che abitano nelle vicinanze, per accelerare le operazioni di soccorso. Ad un certo punto, poi, ha preso una coperta o una maglia dal retro dell'auto e l'ha messa addosso alla bimba, che piangeva a dirotto, probabilmente anche a causa dello spavento, ed è rimasto con lei fino a che non sono arrivati i paramedici, cercando di calmarla in tutti i modi.

A quanto si è appreso, la sfortunata ragazzina, che vive nella zona, è stata ricoverata all'ospedale di Tooting, South Londra, con una ferita al braccio e un taglio alla testa, ma si sarebbe già completamente ripresa dall'incidente. Sebbene il tabloid abbia provato a chiedere un commento a JT su quanto accaduto, il capitano ha preferito evitare di dare ulteriore risalto alla storia.

Ha fatto solo quello che qualunque altra persona avrebbe fatto in simili circostanze, ha minimizzato una fonte anonima.

Ma per i giornali basta e avanza per trasformarlo in eroe.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.