"Mi servono 5.000 firme per chiamare mia figlia Vardy"

Un tifoso del Leicester ha ottenuto dalla partner il permesso di poter dare il nome di Vardy alla loro figlia, attesa per giugno. Ma a una condizione: deve raccogliere 5.000 firme.

Vardy

1k condivisioni 86 commenti

di - | aggiornato

Share

Il tifo, si sa, non ha confini né barriere, spesso nemmeno quella della vergogna. Di sicuro non è sfiorato dall'imbarazzo Ashley Marriott, il tifoso del Leicester che ha ottenuto dalla compagna Rebecca il permesso di chiamare la figlia, che nascerà a giugno, col nome dal bomber della sua squadra del cuore: sì, proprio Vardy. La povera Rebecca ha acconsentito, pare dopo lunghe trattative, ma ha posto una condizione: Ashley deve raccogliere 5.000 firme a sostegno della propria idea. Il ragazzo non ci ha pensato due volte e si è subito affidato a change.org

Ragazzi devo mettere insieme 5.000 firme di tifosi del Leicester per poter chiamare mia figlia Vardy. Personalmente credo che sia una cifra più che abbordabile, anzi penso di poter superare tranquillamente le 10.000. Io e mia figlia ve ne saremo grati per sempre

Qualcuno pare abbia avanzato dubbi sulla gratitudine della figlia, ma Ashley, detto Ash the bash, che si può tradurre in italiano con colpo forte o botta - un riferimento a qualche trauma passato? - va avanti come un caterpillar e sembra sia già arrivato a oltre 2.000 sostenitori.

La petizione di Ashley Marriott

Rebecca, quindi, trema. Il suo Ash non rappresenta certo il primo caso di eccessi di questo tipo. Per rimanere in tempi abbastanza recenti, si ricorda il caso di un signore brasiliano che nel 2006, nei giorni della finale dei Mondiali vinti dagli Azzurri, aveva testimoniato il suo endorsement ai francesi chiamando il figlio appena nato, Zidane Barthez Henry Eric (in omaggio a Cantona), aggiungendo, in un empito di scrupolo patriottico, anche Felipe, in onore di Scolari.

È di qualche mese fa, poi, lo shock di una donna australiana che ha scoperto che quel curioso nome, Lanesra, che il marito accanito tifoso dei Gunners aveva tanto voluto per la loro figlia, altro non era che il nome al contrario della sua squadra del cuore.

Cosa aggiungere? Tanti auguri, piccola Vardy. Con un padre così ne avrai davvero bisogno.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.