David Beckham tifa Mou: "Spero torni presto in Premier League"

La stampa inglese parla di accordo raggiunto tra il Manchester United e José Mourinho, e il portoghese riceve una benedizione speciale da parte di David Beckham.

David Beckham, icona dello United

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Sono in pochi a dubitare che il futuro di José Mourinho si chiami Manchester United. La stampa inglese parla di accordo già raggiunto, quella portoghese racconta di come lo Special One abbia già trovato casa nella zona sud della città, e anche Bedy Moratti, a margine della visita milanese di Mourinho, ha confermato la prossima destinazione del tecnico del triplete. Ciliegina sulla torta, è arrivata anche la benedizione di una delle icone più rappresentative dei Red Devils, David Beckham, che ha parlato così ai microfoni di talkSPORT:

José via dal Chelsea, e chi l'avrebbe detto dopo la scorsa stagione? Questo non fa certo di lui un cattivo allenatore, anzi resta uno dei migliori in circolazione e spero che possa tornare in Premier League il prima possibile. Questa lega è diventata ciò che è diventata grazie ai grandi calciatori, alle grandi squadre, ai soldi, ai tifosi e anche grazie ai grandi allenatori. C'è bisogno di tecnici come lui

Lo Spice Boy, diplomaticamente, non cita esplicitamente il Manchester United, ma forse più per una questione di rispetto verso l'attuale tecnico dei Red Devils, Louis Van Gaal

Ho incontrato Van Gaal una volta e mi ha trattato straordinariamente bene. Lui è un tecnico esperto, stimato da tutti. A volte ci vuole tempo, non è semplice guidare il Manchester United. Dobbiamo guardare ai risultati, al gioco, dobbiamo ascoltare i tifosi, che sono le persone che davvero contano. E io ho sentito solo cose positive su di lui, come persona e come allenatore. Vediamo cosa succederà alla fine della stagione

Ferguson e MourinhoGetty
Ferguson e Mourinho, passato e futuro del Manchester United

Il Manchester United è a secco di titoli importanti dal 2013, cioè da quando è stata ammainata la bandiera di Sir Alex Ferguson, e benché lo stesso Beckham si aspettasse un periodo di transizione, ora anche per lui è arrivato il tempo di rimpolpare la bacheca:

Da tifoso dello United, ho sperato che si potesse evitare un calo di rendimento, ma credo anche che fosse inevitabile. Perdere un tecnico simile è sicuramente un problema, ma anche l'addio di giocatori come Keane, Scholes e Giggs lo è stato. Lo stesso vale per David Gill. Erano grandi personalità all'interno della squadra e del club. Abbiamo vinto così tanto negli ultimi 20 anni che un paio di stagioni di digiuno bastano a parlare di crisi, ma lo United è lo United. Puoi amarlo o odiarlo, ma resterà uno dei club più grandi al mondo, se non il più grande. E l'unico modo per mantenere questa reputazione è di continuare a vincere trofei

Ingaggiare José Mourinho - 22 titoli dal 2002 al 2015 - è sicuramente un buon inizio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.