Cuore Leicester: 'tappeto rosso' per un bimbo di nove anni

Il piccolo Charlie solo qualche giorno fa ha perso la madre: la società si è attivata subito e ha organizzato un tour speciale dello stadio tutto per lui.

Charlie e Jamie Vardy

936 condivisioni 24 commenti

di - | aggiornato

Share

Il calcio ha la potenza di farti innamorare in due modi: con un gesto tecnico - vedere per credere il gol di Jamie Vardy contro il Liverpool - o con un gesto d’amore. In Inghilterra il Leicester riesce a incantare in campo e fuori, e così ha permesso a un bambino di nove anni che solo due giorni fa ha perso la madre per una brutta malattia, di fare un tour con tutti gli onori nello stadio e negli spogliatoi.

Questa è la meravigliosa storia di Charlie Keyworth, che ha vissuto giorni terribili quando la mamma Sandra lo ha lasciato. Tutto ha inizio con l'idea di zio Rob, che su Facebook si è messo in contatto con il Leicester per cercare di organizzare una visita al King Power Stadium e far felice suo nipote.
Sono stato molto contento quando ho avuto una risposta dal responsabile marketing della società, che mi diceva che avrebbe organizzato qualcosa per il futuro.
C’è di più: Charlie è il pronipote di Ken Keyworth, attaccante storico del Leicester degli anni ’60, capocannoniere della squadra per tre anni consecutivi, finalista per due volte in FA Cup e vincitore di una Coppa di Lega nel 1964.
La società ha accontentato il bambino, dedicandogli tutte le attenzioni e mostrandogli anche qualche cimelio del suo grande prozio: una giornata particolare che difficilmente potrà dimenticare. Il signor Rob ancora non ci crede:
In pratica senza preavviso il Leicester ha srotolato un tappeto rosso per un bambino di nove anni che ha perso sua madre. In società non conoscevo nessuno, mi sono alzato e su Facebook ho visto una dozzina di foto di Charlie in giro per lo stadio.
La felicità c’è anche nelle parole di Mike, il papà:
Mio figlio voleva andare solo nello store e comprare una tazza e un anello. Alla fine ha avuto un sacco di cose in più e per un po’ la sua testa ha pensato ad altro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.