IAAF World Challenge a Zagabria: Kuchina e Shubenkov stelle al Memorial Hanzekovic di Zagabria

Penultimo appuntamento del World Challenge iAAF a Zagabria in onda su Fox Sports, oggi alle ore 18.30

0 condivisioni 0 commenti

Share

Grande alto femminile con la campionessa mondiale Maria Kuchina e la beniamina di casa Ana Simic


Shubenkov nei 110 ostacoli che ricordano l’ex ostacolista Boris Hanzekovic

Asafa Powell insegue il novantatreesimo tempo sotto i 10 secondi sui 100 metri


Diciassette medagliati degli ultimi Campionati Mondiali di Pechino saranno in gara al Memorial Boris Hanzekovic di Zagabria, penultimo meeting del circuito IAAF World Challenge, che andrà in onda oggi in diretta su Fox Sports HD dalle 18.30


Il salto in alto femminile richiamerà l’attenzione del pubblico croato che accorrerà allo Sportpark Mladost per assistere alla sfida tra la campionessa del mondo di Pechino Mariya Kuchina e la croata Ana Simic, medaglia di bronzo agli Europei di Zurigo 2014. Purtroppo non sarà invece in pedana la fuoriclasse di casa Blanka Vlasic che ha deciso di concludere in anticipo la stagione dopo la medaglia d’argento ai Mondiali di Pechino per non correre rischi dopo i tanti infortuni che hanno condizionato le ultime stagioni. Vlasic, che a Zagabria superò per la prima volta in carriera i 2 metri nel 2003 e raggiunse la seconda migliore prestazione di sempre con 2.08m nel 2009, sarà presente come ospite d’onore. Kuchina ha vinto a 22 anni il primo titolo mondiale iridato assoluto dopo una brillante carriera giovanile nella quale ha rivaleggiato con l’italiana Alessia Trost in tutte le più grandi rassegne internazionali under 18, juniores e under 23. Dopo aver vinto l’oro europeo indoor a Praga al termine di un memorabile duello con la Trost deciso allo spareggio, Kuchina ha vinto l’oro iridato a Pechino con 2.01m battendo Blanka Vlasic e Anna Chicherova a pari misura ma con un numero minore di errori. 


Un’altra gara di grande tradizione inserita ogni anno nel programma del meeting di Zagabria sarà quella dei 110 ostacoli che ricorda la figura di Boris Hanzekovic, ostacolista croato del periodo tra le due guerre mondiali. Stella degli ostacoli sarà il campione mondiale di Pechino Sergey Shubenkov, che dopo il trionfo in terra cinese in un formidabile 12”98, ha ribadito la sua superiorità vincendo anche al Weltklasse di Zurigo in 13”14. Il ragazzo siberiano, figlio d’arte di Natalija Shubenkova, quarta classificata nell’eptathlon alle Olimpiadi di Seul 1988. avrà come avversari principali il primatista francese Pascal Martinot Lagarde, campione europeo indoor sui 60 ostacoli a Praga 2015 e quarto ai Mondiali di Berlino, e lo statunitense Jason Richardson, campione mondiale a Daegu 2011.
Molto interessanti anche i 100 ostacoli femminili che avranno come protagoniste principali la medaglia di bronzo di Pechino e campionessa europea indoor Alina Talay della Bielorussia, la statunitense Sherika Nelvis, la più veloce al mondo nel 2015 con 12”34, e la britannica Tiffany Porter, campionessa europea a Zurigo e quinta classificata ai Mondiali di Pechino. 


Stella dei 100 metri maschili sarà Asafa Powell che nei 100 metri inseguirà il novantatreesimo tempo della sua carriera sotto i 10 secondi dopo il settimo posto individuale e il successo con la staffetta 4x100 giamaicana ai Mondiali di Pechino. Il trentaduenne giamaicano affronterà lo statunitense Mike Rodgers, quinto a Pechino e tante volte sotto i 10 secondi in questa stagione. 


Nei 400 metri femminili i fari saranno puntati sulla giamaicana Novlene Williams Mills, che ha vinto la medaglia d’oro iridata nella staffetta 4x400 a Pechino superando nell’ultima frazione la statunitense Francena McCorory grazie ad una quarta frazione cronometrata in 49”14.
Il pubblico croato applaudirà la beniamina locale Sandra Perkovic, che proverà a tornare alla vittoria dopo il secondo posto ai Mondiali di Pechino nel lancio del disco alle spalle della cubana Caballero. la discobola croata ritroverà in pedana la tedesca Nadine Muller, che ha vinto la medaglia di bronzo nella capitale cinese.
Grandi gare si preannunciano anche nel giavellotto maschile con il tedesco Thomas Rohler, quarto ai Mondiali di Pechino e il campione olimpico Keshorn Walcott, che ha superato la barriera dei 90 metri a Losanna ma è stato eliminato in qualificazione ai Mondiali a causa anche di qualche problema fisico, e nel getto del peso maschile con il giamaicano O’Dayne Richards, sorprendente medaglia di bronzo a Pechino, il due volte campione mondiale indoor Ryan Whiting, il neozelandese Tom Walsch, terzo ai Mondiali Indoor di Sopot 2014 e quarto ai Mondiali di Pechino, e il due volte campione olimpico Tomas Majewski


di Diego Sampaolo

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.