IAAF Diamond League a Londra: Lavillenie supera 6.03 nell'asta

Il francese Lavillenie e l’olandese Schippers protagonisti della seconda giornata dei Sainsbury Anniversary Games a Londra

0 condivisioni 0 commenti

Share

Renaud Lavillenie batte il record dello stadio con 6.03m nell’asta

Dafne Schippers batte il record olandese nei 100 metri con 10”92

Record del meeting sui 200 di Elaine Thompson con 22”10

 

Renaud Lavillenie e Dafne Schippers  hanno illuminato la seconda giornata dei Sainsbury Anniversary Games di Londra, undicesima tappa della IAAF Diamond League

L’astista francese ha stabilito il record dello stadio valicando l’asticella alla quota di 6.03m migliorando  di un centimetro il 6.02 con il quale vinse due anni fa nell’edizione 2013 degli Anniversary Games che celebravano il primo anniversario dei Giochi Olimpici londinesi. Lo stadio di East London intitolato a Queen Elisabeth ha portato fortuna all’astista residente a Clermond Ferrand che tre anni fa conquistò l’oro olimpico con 5.97. La gara dell’asta è stata posticipata a Sabato a causa della pioggia caduta su Londra nella serata di Venerdì. Gli astisti hanno potuto beneficiare di condizioni decisamente migliori nel pomeriggio di Sabato. Lavillenie ha aperto alla misura di 5.73 prima di superare 5.87, 5.93 e 6.03 al primo tentativo. A 6.03 ha valicato l’asticella con ampio margine. E’ andato vicino ai 6.10m al secondo tentativo

E’ un grande risultato superare ancora i 6 metri a Londra. E’ positivo averlo fatto al primo tentativo in prospettiva Campionati del mondo di Pechino”, ha detto Lavillenie

All’aperto ha fatto meglio solo una volta quest’anno a Eugene con 6.05m. Eccellente anche il ventunenne campione NCAA canadese Shawn Barber che ha migliorato il record personale di due centimetri con 5.93.

Record olandese di Dafne Schippers nei 100 femminili: 10”92

Ha destato grande impressione la doppia campionessa europea dei 100 e dei 200 metri Dafne Schippers, che è scesa due volte sotto gli 11 secondi in batteria e in finale fermando il cronometro rispettivamente in 10”99 e in 10”92 (dodicesimo tempo di sempre in Europa) migliorando d due centesimi il record olandese stabilito ad inizio stagione a Hengelo. L’olandese ha preceduto Blessing Okagbare, capace di scendere sotto gli 11 secondi con 10”98, l’ivoriana Murielle Ahouré (11”01) e la britannica Dina Asher Smith (11”06). Asher Smith ha battuto il record britannico in batteria con 10”99..

Ho preso la decisione difficile di lasciare le prove multiple per concentrarmi sullo sprint. Sono più rilassata perché posso concentrarmi solo su una specialità. Posso concentrarmi sulla partenza. E’ bello vedere che le velociste europee possono battere le americane e le giamaicane. Penso di poter correre ancora più velocemente di oggi”, ha dichiarato la Schippers

Elaine Thompson batte il record del meeting sui 200 metri con 22”10

Oltre al 6.03 di Lavillenie la seconda giornata degli Anniversary Games ha fatto registrare il record del meeting e il primato personale sui 200 metri della giovane giamaicana Elaine Thompson che ha fermato il cronometro in 22”10 precedendo la vincitrice del meeting di New York Tori Bowie (22”32) e la prima del meeting Herculis di Montecarlo Candyce McGrone (22”70)

Van Niekerk vince nettamente i 400 metri

Il sudafricano Wayde Van Niekerk ha vinto nettamente i 400 metri in 44”63 avvicinandosi al primo posto nella classifica della Diamond Race occupato da Kirani James. Van Niekerk, che in questa stagione ha stabilito i primati nazionali dei 200 e dei 400 con 19”94 a Lucerna e 43”96 a Parigi (battendo James), ha dominato la gara davanti al campione statunitense David Verburg (45”01), al campione olimpico della 4x400 Chris Brown (45”22) e al primatista africano Isaac Makala (45”29)

Amos batte Rudisha sugli 800 metri:

Nijel Amos si è aggiudicato l’atteso duello sugli 800 metri con David Rudisha nella riedizione della grande sfida olimpica di Londra 2012 per un decimo di secondo in 1’44”57 contro l’1’44”67 del keniano. Ancora di ottimo livello il polacco Adam Kczszot, terzo classificato in 1’44”85.

Kiprop vince l’Emsley Carr Mile

Nuovo successo del fuoriclasse keniano Asbel Kiprop, che dopo la terza migliore prestazione di sempre sui 1500 realizzata a Montecarlo con 3’26”69 con un grande sprint sul rettilineo finale ha conquistato l’Emsley Carr Mile in 3’54”87 precedendo lo statunitense Matthew Centrowitz (3’55”01)

Sum vince il duello degli 800 con Hassan

La campionessa olimpica dei 1500 Sifan Hassan ha provato a sfidare l’iridata degli 800 Eunice Sum andando in testa sul rettilineo opposto durante l’ultimo giro ma la keniana ha piazzato l’allungo decisivo nei 100 metri finali ed è andata a vincere la quarta gara stagionale in Diamond League in 1’58”44. Hassan ha realizzato il terzo tempo europeo dell’anno con 1’59”46 precedendo la britannica Linsley Sharp (1’59”57) e la statunitense Molly Ludlow (1’59”58)

Nei 5000 metri femminili la statunitense Molly Huddle ha preso un vantaggio netto di 50 metri sulle keniane Mercy Cherono e Janet Kisa. Nell’ultimo giro però Cherono l’ha raggiunta e superata andando a vincere in 14’54”81 precedendo di quasi ter secondi la statunitense (14’57”42)

Nei 3000 siepi maschili Conseslus Kipruto ha superato nei metri finali il connazionale Jairus Birech in 8’09”47. Malgrado il secondo posto in 8’09”81 Birech mantiene saldamente il comando della Diamond Race .

Proctor batte il record britannico del salto in lungo femminile:

Dopo il record britannico di Dina Asher Smith sui 100 metri crolla un altro primato nazionale. La saltatrice in lungo britannica originaria di Anguilla Shara Proctor ha migliorato di tre centimetri il suo record nazionale con 6.98m salendo al terzo posto nelle liste mondiali dell’anno.

Non mi aspettavo di saltare così tanto. Sono senza parole. Posso fare ancora meglio”, ha detto la Proctor

Dendy avvicina il record personale nel lungo maschile

Nel salto in lungo maschile il vincitore dei Campionati statunitensi Marquis Dendy ha avvicinato di un centimetro il suo recente record personale con 8.38m che gli ha permesso di battere il sudafricano Zarek Visser e il campione olimpico britannico Greg Rutherford che al suo ritorno nello stadio del suo trionfo olimpico ha piazzato il miglior salto di 8.18m dopo tre salti nulli.

Kiryakopoulou 4.79 nell’asta

L’asta femminile ha fatto registrare una nuova affermazione della greca Nikoleta Kiryakopoulou che ha superato l’asticella alla misura di 4.79 al primo tentativo. La russa Anzhelika Sidorova ha superato la stessa misura ma alla seconda prova. Grazie al successo di Londra la greca ha incrementato il vantaggio nella Diamond Race.

Carter batte Adams nel peso

La campionessa statunitense Michelle Carter, figlia d’arte del vice campione olimpico di Los Angeles 1984 Michael Carter, ha vinto nettamente il duello con Valerie Adams con un miglior lancio da 19.74m ma ciascuno dei sei tentativi è stato superiore al miglior lancio della fuoriclasse neozelandese (18.59m), ancora non al meglio della condizione a causa del doppio intervento chirurgico alla spalla e al gomito durante l’inverno.

Successo di Tinsley nei 400 ostacoli

Michael Tinsley si è imposto nei 400 ostacoli maschili in 49”02 precedendo il sudafricano Louis Van Zyl (49”27)

Gran Bretagna prima per due centesimi sulla Francia nella 4x100

Il meeting ha regalato un’altra gioia al pubblico di casa che ha festeggiato la bella vittoria per due centesimi di secondo della 4x100 della Gran Bretagna (Richard Kilty, Harry Aikinees Aryeteey, James Ellington e Chijndu Ujah) che ha preceduto di due centesimi il quartetto francese formato da Vincent, Biron, John e Vicaut.

Palameika batte di un cm Sptakova nel giavellotto

La lettone Madara Palameika ha battuto di un centimetro la campionessa olimpica e primatista mondiale Barbora Spotakova grazie ad un miglior lancio di 65.01m. Nonostante la sconfitta Spotakova mantiene la testa della classifica della Diamond Race


di Diego Sampaolo 

 

 

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.