Verso la Premier League, il bilancio del Barclays Asia Trophy

Dopo il torneo di Singapore, Arsenal già in forma Community Shield

0 condivisioni 0 commenti

Share

È vero. È calcio di luglio, ma è stato anche il primo vero assaggio di Premier League. Sfide tra squadre vere e manager che già pensano ai moduli della nuova stagione al via per tutti il prossimo 8 agosto e per l’Arsenal una settimana prima con il Community Shield. Tutto in esclusiva su Fox Sports.
Proprio i Gunners di Wenger hanno vinto il Barclays Asia Trophy, quadrangolare cui hanno partecipato – oltre alla selezione Singapore XI – anche Everton e Stoke City.
Per i bilanci, forse, è presto ma dal National Stadium di Singapore si può comunque trarre qualche importante indicazione.

ARSENAL – I ragazzi di Wenger sono già avanti nella preparazione, anche perché mancano solo due settimane al primo impegno ufficiale della stagione: il Community Shield da giocarsi il 2 agosto contro il Chelsea. Tra semifinale e finale, nell’Arsenal sono cambiati 10/11 titolari. Contro l’Everton, rispetto a Singapore XI, era in campo quella che Wenger considera la formazione titolare.
Differenza di gamba e di lucidità rispetto alle altre due inglesi, per una squadra che non ha mai corso seri pericoli in difesa. I più in forma? Bellerin, Cazorla, Ozil e Walcott. Davanti si sono viste le cose migliori: scambi ravvicinati, gioco di prima, tentativi di verticalizzazioni improvvise (come nel caso del gol di Walcott). Primi segnali di vero Arsenal e coppa in mano.

EVERTON – Aspettando qualche cessione, purtroppo per Martinez inevitabile, l’Everton ha risposto presente soprattutto in semifinale contro lo Stoke City; diverso il paragone con l’Arsenal, più avanti nella preparazione.
La nota positiva per Martinez arriva dall’attacco, dove il manager può contare su due quartetti diversi. Il primo, schierato contro lo Stoke, si compone con Mirallas, Barkley e Pienaar alle spalle di Lukaku. La seconda combinazione intravista nel secondo tempo della semifinale e in finale vede Deulofeu, Osman e Aruna Kone insieme a Cleverley provato sulla linea dei trequartisti. Bene anche Stones in difesa anche se sul piede di partenza.

STOKE CITY – Il club del Britannia è stato il meno positivo dei tre inglesi impegnati nel torneo asiatico e non solo per il risultato. Urge il recupero degli infortunati Shawcross e Bojan, ma soprattutto urgono rinforzi a centrocampo. Il giovane Shenton (classe 1997) è talentuoso ma acerbo e Sidwell non può reggere il reparto da solo. Per l’attacco Joselu, arrivato dall’Hannover, è una buona risorsa, ma Arnautovic e Odemwingie sono oggettivamente troppo poco. Speranze per il giovane Moha, ex canterano del Barcellona arrivato pochi giorni fa a parametro zero. Nota positiva, la fase difensiva. Cameron su tutti, ma anche Muniesa e il nuovo portiere Haugaard hanno fatto vedere buone cose. In fondo, la squadra è arrivata terza senza aver nemmeno subito gol.

di Redazione FOXSports

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.