IAAF Diamond League: a Losanna Taylor show vola 18.06 nel triplo

Grandi emozioni nella pirotecnica notte di Losanna trasmessa in diretta su Fox Sports. Il resoconto da Losanna di Diego Sampaolo

0 condivisioni 0 commenti

Share


  • Taylor batte Pichardo nel triplo e vola a 18.06
  • Gatlin batte Powell e Gay nei 100 stellari in 9”75
  • Formidabili Storl 22.20m nel peso, Walcott nel giavellotto 90.16 e Chicherova 2.03 nell’alto

Christian Taylor ha vinto il grande duello con il giovane rivale cubano Pedro Pablo Pichardo nel salto triplo con 18.06 prendendosi la rivincita nei confronti del caraibico che lo aveva battuto a Doha quando entrambi superarono per la prima volta in carriera la barriera dei 18 metri.

Pichardo ha acceso la gara quando al primo salto ha realizzato la misura di 17.85m prima di sfiorare i 18 metri con 17.99 che ha demolito il primato del meeting detenuto dal 2011 dal francese Teddy Tamgho. Taylor, secondo fino al terzo tentativo con 17.76m, ha risposto piazzando il secondo salto oltre i 18 metri della sua carriera volando fino a 18.02m al quinto tentativo prima di incrementare il suo record personale a 18.06m, due centimetri meglio rispetto al 18.04 di Doha. Il triplista cresciuto nel team di atletica dei Florida Gators ha consolidato il quarto posto nelle liste all-time. Prossimo capitolo del duello tra Taylor e Pichardo sarà la tappa della Diamond League di Montecarlo del 17 Luglio. Terzo posto per il fresco vincitore dei Campionati statunitensi Omar Craddock con 17.30. Il bronzo olimpico di Londra 2012 Fabrizio Donato si è piazzato al sesto posto con 16.60.

E’ stato un grande meeting per me. Ho battuto il record del meeting e il record personale. Ho superato due volte la barriera dei 18 metri e questo significa che sto diventando sempre più regolare. L’obiettivo è continuare a migliorami. Il salto triplo è una specialità davvero eccitante quest’anno. Non vedo l’ora dei Mondiali di Pechino. Voglio battere il record del mondo con 18.10m”, ha detto Taylor

Gatlin eguaglia il suo secondo miglior tempo

Justin Gatlin si è confermato ancora una volta il numero uno al mondo in questa stagione vincendo il primo grande duello stagionale sui 100 metri con Asafa Powell e Tyson Gay in 9”75 che eguaglia la sua seconda migliore prestazione mondiale dell’anno a un solo centesimo di secondo dal personale realizzato a Doha lo scorso 15 Maggio. Il campione statunitense non ha ancora perso in questa stagione e non si vede al momento chi possa impensierirlo in vista dei Mondiali di Mosca. Asafa Powell, annunciato in grandi condizioni dopo il 9”81 di Parigi, si è dovuto “accontentare” del secondo posto con 9”92, stesso tempo per il terzo classificato Gay. Sale così a 33 il numero dei tempi al di sotto dei 10 secondi in questa stagione. Ventiquattro sprinter sono stati in grado di scendere sotto la magica barriera. Mai prima si erano registrate così tante performance al di sotto dei 10 secondi.

“Voglio continuare a migliorarmi. Il mio obiettivo è il record statunitense. Sono contento anche per la prestazione di Tyson”, ha detto Gatlin.  

Storl per la prima volta oltre i 22 metri nel getto del peso

Il campione mondiale e europeo del getto del peso David Storl ha demolito il record del meeting detenuto dallo statunitense Ryan Whiting (21.88m ottenuto nel 2013) con 22.20m, prima volta oltre la barriera magica dei 22 metri nella sua giovane ma già straordinaria carriera. Il ventiquattrenne poliziotto di Chemnitz ha ottenuto la misura vincente al quarto lancio che gli ha permesso di superare il leader mondiale stagionale Joe Kovacs, che si era portato in testa con 21.71m al secondo tentativo. Con il successo di Losanna Storl guida la Diamond Race con 14 punti, quattro lunghezze in più rispetto a Kovacs.

“Sono contento di aver superato i 22 metri per la prima volta in carriera qui a Losanna”, ha detto Storll

Walcott supera i 90 metri nel giavellotto

Un’altra formidabile prestazione tecnica è arrivata dal lancio del giavellotto dove il campione olimpico Keshorn Walcott ha superato per la prima volta in carriera la barriera dei 90 metri con 90.16m in una gara di contenuti eccellenti che ha visto altri due uomini superare gli 87 metri:  Viteszlav Vezely, secondo con 87.97m e Tero Pitkamaki, terzo con 87.44m.

Chicherova supera 2.03m nell’alto

Losanna ha festeggiato il grande ritorno della campionessa olimpica olimpica russa del salto in alto Anna Chicherova, che ha superato l’asticella alla misura di 2.03m. al terzo tentativo che le ha permesso di salire al primo posto delle liste mondiali dell’anno.

“Sono strafelice oggi. Mi sentivo pronta anche se ero preoccupata per il vento. Raramente salto in queste condizioni. E’ la mia migliore prestazione dal 2013”, ha detto Chicherova

Amos batte Rudisha negli 800

Il vice campione olimpico degli 800 metri Nijel Amos si è aggiudicato il duello stellare degli 800 metri con David Rudisha facendo segnare il secondo miglior tempo mondiale dell’anno con 1’43”27. Solo Ayanleh Souleiman ha fatto meglio correndo Mercoledìa Barcellona in 1’43”08. Rudisha é sceso sotto l’1’44” con 1’43”75. Terzo posto per Ferguson Rotich con 1’44”44.

Miller sotto i 50 secondi

La bahamense Shaunae Miller, grande talento giovanile capace di vincere il titolo mondiale dei 400 metri sia da allieva che da junior, è scesa per la prima volta in carriera sotto i 50 metri con 49”93, secondo miglior tempo mondiale dell’anno. La giovane caraibica, accreditata in stagione di un eccellente 22”14 sui 200 metri al Meeting di Kingston, ha preceduto di oltre un secondo la campionessa olimpica Sanya Richards Ross (51”12) e la vincitrice della Diamond Race del 2014 Novlene Williams Mills ((51”15).

Felix supera Schippers sui 200 metri

Allyson Felix, quindici volte medagliata tra Olimpiadi e Mondiali nella sua formidabile carriera, ha vinto gli attesissimi 200 metri femminili in 22”09 battendo la campionessa europea Dafne Schippers (22”29 primato stagionale). La fuoriclasse californiana guida la classifica della Diamond Race con 22”10.

“E’ stata una buona gara. Ho corso alcuni 400 metri e questo mi ha dato la forza per tenere a lungo la forma. A Losanna l’atmosfera è straordinaria. La mia prossima gara è Monaco, Non vedo l’ora dei Mondiali di Pechino”, ha detto la Felix.

Harper Nelson ancora la migliore nei 100 ostacoli

La campionessa olimpica dei 100 ostacoli Dawn Harper Nelson ha vinto per la seconda volta in carriera a Losanna in 12”55 per tre centesimi sulla rivelazione stagionale Jasmin Stowers proseguendo il suo ottimo momento dopo il primo posto ai Campionati statunitensi di Eugene. Per la Stowers la gara di Losanna ha rappresentato un parziale riscatto dopo il quinto posto alle Selezioni statunitensi. Harper Nelson e Stowers guidano a pari merito la Diamond Race con 10 punti.

Farah supera Kejelcha nei 5000

Il campione olimpico, mondiale e europeo dei 5000 e dei 10000 metri Mo Farah ha vinto il duello con il diciottenne etiope Yomif Kejelcha con una straordinaria volata nell’ultimo giro  in 13’11”77. Kejelcha, campione del mondo under 18 e under 20 e vincitore di due meeting della Diamond League a Eugene e Roma, si è confermato come un probabile pretendente per il podio mondiale a Pechino con il secondo posto in 13’12”59.

La campionessa europea dei 1500 metri Sifan Hassan ha incrementato il suo vantaggio nella Diamond Race grazie al successo di Losanna in 4’02”36 davanti alla campionessa mondiale juniores Faith Kipyegon (4’03”38) e all’iridata Jenny Simpson (4’03”54).

Perkovic battuta

Grande sorpresa nel lancio del disco femminile dove la cubana Yaimi Perez ha battuto la campionessa olimpica, mondiale, europea e leader della Diamond Race Sandra Perkovic per tre centimetri grazie ad un lancio da 67.13m al quinto tentativo. Terzo posto per l’altra cubana Denia Caballero con 66.04m

Lavillenie ancora sconfitto

Nell’asta maschile disturbata dal vento successo del campione del mondo di Daegu 2011 Pawel Wojechowski con 5.84. Ancora sconfitto Renaud Lavillenie,terzo con 5.75 per un numero maggiore di errori rispetto al tedesco Raphael Holzdeppe, iridato a Mosca 2013.

Tianna Bartoletta, campionessa mondiale a Helsinki 2005 del salto in lungo a 19 anni, ha consolidato il vantaggio nella Diamond Race vincendo con la misura di 6.86 nonostante il vento contrario di -1.1 m/s.

Virginia Nyambura ha conquistato il secondo successo in Diamond League dopo Doha con il tempo di 9’16”99 precedendo l’etiope Hiwot Ayalew (9’17”22).

Zharnel Hughes, giovane velocista nativo di Anguilla che rappresenta ora la Gran Bretagna, ha realizzato il primato personale sui 200 metri con 20”13. Hughes si era già messo in luce in questa stagione di Diamond League quando lo scorso 13 Giugno mise in seria difficoltà il compagno di allenamento Usain Bolt sulla pista di New York.

Il campione mondiale di Helsinki 2005 Bershawn Jackson si è imposto sui 400 ostacoli in 48”71 sul sudafricano Louis Van Zyl (48”92)

Nei 100 metri femminili non validi per la Diamond League la vice campionessa statunitense English Gardner ha fermato il cronometro in 10”76 con un vento molto generoso di +5.4 m/s.

La svizzera Selina Buchel, campionessa europea indoor a Praga 2015 e fresca primatista nazionale degli 800 metri con l’eccellente 1’57”65 a Parigi,, ha battuto Melly Ludlow in 2’01”68.

Il meeting si è concluso con una bella soddisfazione per il pubblico elvetico che ha festeggiato il successo della staffetta 4x100 rossocrociata formata dalla finalista europea dei 100 e dei 200 metri Mujinga Kambundki, Lea Spruger, Marisa Lavanchy, Fanette Humair con 43”73.   


di Diego Sampaolo

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.