19 giugno 1938: l'Italia si conferma campione del mondo

Si svolge in Francia la terza edizione dei campionati, con la seconda guerra mondiale alle porte

0 condivisioni 0 commenti

Share

Il 19 giugno 1938, allo stadio Olympique Yves du Manoir davanti a oltre 45.000 spettatori, l’Italia batte l’Ungheria 4-2 e si conferma campione del mondo.

La terza edizione dei campionati fu pesantemente condizionata dagli avvenimenti politici internazionali, che da lì a pochi mesi avrebbero portato al secondo conflitto mondiale. L’Austria, seppur qualificata alle fasi finali, dovette rinunciare in seguito all'annessione alla Germania nel marzo del 1938, e fu costretta a inserire i suoi giocatori migliori nella formazione nazista.

Gli stessi azzurri, all’esordio di Marsiglia contro la Norvegia, furono oggetto di fischi da parte del pubblico e critiche feroci sui giornali dell’epoca: il braccio teso alzato al momento dell’inno, fu visto come un chiaro gesto provocatorio. Roland Mesmeur, all’epoca capo cronista de Le Figaro, scrisse: “L'elegante Vitto­rio Pozzo, grande giornalista "ri­ciclato" nel ruolo di allenatore della nazionale azzurra, non trovò nulla di meglio, per rinfor­zare l'unità morale dei propri uo­mini, di un doppio saluto romano davanti al pubblico di Marsiglia prima del match iniziale con la Norvegia. Questa forma di... do­ping psicologico, però, non diede i frutti sperati, tanto è vero che la vittoria arrivò solo ai supple­mentari e grazie soprattutto ad una grande prova del portiere Olivieri

Il cammino dell’Italia proseguì comunque: battuta 3-1 la Francia ai quarti (doppietta di Piola) e il Brasile 2-1, gli azzurri conquistarono la finale di Colombes. Passò alla storia il telegramma che Benito Mussolini fece recapitare ai giocatori prima della partita contro l’Ungheria: “Vincere o morire”; così come rimase negli annali, quello che disse il portiere ungherese Antal Szabò al termine della partita: “È vero, abbiamo subito quattro reti, ma almeno abbiamo salvato la vita ai calciatori italiani”.

L’edizione dei campionati del mondo di calcio del 1938 sarà l’ultima prima dello scoppio del secondo conflitto mondiale. Si riprenderà nel 1950 in Brasile, con la vittoria dell’Uruguay di Schiaffino, proprio sui padroni di casa (2-1 il risultato finale). 

L’equilibri mondiali, calcistici e non, erano cambiati.


di Redazione Fox Sports

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.