IAAF Diamond League a Oslo: Dream Mile, Strawberry party e uno stadio da leggenda

Oslo celebra la cinquantesima edizione dei Bislett Games, in onda su Fox Sports 2 HD dalle 20

0 condivisioni 0 commenti

Share

  • Cast stellare nel Dream Mile con tutti i migliori milesi del momento

  • Genzebe Dibaba all’assalto del record del mondo dei 5000 della sorella Tirunesh

  • Sfida Birech - Kemboi nei 3000 siepi


Si preannuncia una serata davvero memorabile con la cinquantesima edizione degli Exxon Mobil Bislett Games nel mitico Bislett Stadium, storico teatro dell’atletica dove sono stati battuti 69 record mondiali con una tradizione straordinaria nelle gare di mezzofondo e di lancio del giavellotto. I Bislett Games, sesta tappa della IAAF Diamond League, andranno in onda su Fox Sports 2 Hd dalle 20.

Oslo ospitò il suo primo meeting di atletica nel 1924. Fino al 1937 la riunione norvegese era conosciuta con il nome di “American meeting”. Successivamente il meeting venne gestito da diversi organizzatori tra il 1947 e il 1965, anno in cui Arne Haukvik, politico e organizzatore che solito inossare un cappello di paglia, fondò i Bislett Games. Haukvik diede inizio alla tradizione della Straweberry Party, invitando atleti e dirigenti a casa sua alla vigilia del meeting. Anche dopo la morte di Haukvik nel 2002 la tradizione della Strawberry Party continua alla vigilia di ogni edizione quando atleti, allenatori e giornalisti vengono invitati nel Municipio della capitale norvegese per gustare fragole con gelato alla vaniglia.

La gara più legata alla storia dei Bislett Games è il Dream Mile, il tradizionale miglio da sogno che ogni anno conclude il meeting.

Sulla pista norvegese sono state pagine indimenticabili di storia dell’atletica grazie ai record del mondo del mezzofondo stabiliti dal trio britannico degli Anni 70 e 80 formato da Steve Ovett, Sebastian Coe e Steve Cram.

Nel 1979 Coe polverizzò il record del mondo degli 800 metri con 1’42”33. L’anno successivo Ovett entrò nella storia del Dream Mile stabilendo il record del mondo del miglio con 3’48”8. Nel 1981 Coe migliorò il record dei 1000 metri con 2’12”81. Nel 1985 Cram vinse un memorabile duello con Coe stabilendo il record del mondo del miglio con 3’46”32, tempo destinato a durare per otto in cima alle liste mondiali all-time

La cinquantesima edizione del Dream Mile sarà degna della gloriosa tradizione. Per gli appassionati di atletica sarà impossibile non emozionarsi nel seguire i migliori “milesi” del mondo sfidarsi in una gara che presenta un cast da favola che comprende due campioni olimpici e sette atleti in grado di scendere sotto il muro magico dei 3’50”.

La stella sarà il campione olimpico di Pechino 2008 e due volte iridato dei 1500 metri di Daegu 2011 e Mosca 2013 Asbel Kiprop. Il fuoriclasse keniano ha scritto la storia più recente del Dream Mile vincendo tre edizioni  Kiprop affronterà il connazionale Silas Kiplagat, quarto uomo più veloce della storia sui 1500 metri con il 3’27”64 stabilito a Montecarlo nel 2014 e autore di un eccellente 3’47”88 sul miglio, il campione mondiale indoor dei 1500 e bronzo dei Mondiali di Mosca sugli 800 Ayanleh Souleiman, che inseguirà il tris dopo le vittorie nelle ultime due edizioni del Dream Mile. Il gibutiano vanta un personale di 3’47”28 e l’etiope Aman Wote, argento ai Mondiali Indoor di Sopot 2014.

In chiave giovanile sarà da seguire con attenzione Ronald Kwemoi, primatista mondiale juniores sui 1500 metri lo scorso anno a Montecarlo con 3’28”81.

Il pubblico norvegese seguirà con trepidazione l’idolo locale Henrik Ingebritsen, il campione europeo dei 1500 metri di Helsinki 2012 che lo scorso anno stabilì il record nazionale con 3’50”72 piazzandosi quarto. In ambito europeo punterà al grande risultato anche il giovane tedesco di origini etiopi Homyu Tesfaye, quinto ai Mondiali di Mosca sui 1500 terzo lo scorso anno a Oslo in 3’49”88

5000 metri femminili: Genzebe Dibaba insegue il record del mondo

Nel cinquantesimo anniversario dei Bislett Games diventati famosi per il record del mondo dei 10000 metri dell’australiano Ron Clarke, non poteva mancare il tentativo di record del mondo. Proverà ad entrare nella storia del meeting la giovane etiope Genzebe Dibaba, che inseguirà il primato dei 5000 metri stabilito dalla sorella maggiore Tirunesh Dibaba proprio a Oslo nel 2008 con 14’11”15. Ad inizio stagione la campionessa mondiale indoor dei 1500 di Istanbul 2012 e dei 3000 metri di Sopot 2014 ha realizzato un eccellente 14’19”76 a Eugene. Le sue avversarie più accreditate saranno la campionessa mondiale di corsa campestre Agnes Tirop,,l’ex campionessa mondiale indoor dei 1500 metri Gelete Burka e la keniana Viola Kibiwott.

“Ho parlato con mia sorella che mi ha parlato dell’atmosfera unica che si respira in questo stadio. Ho realizzato il quarto miglior tempo della storia a Eugene e non sono lontana dall’impresa. Le pacemaker mi aiuteranno fino al 2 km. Sono previste condizioni climatiche perfette. Le mie condizioni sono buono.Sto preparando questa gara da tempo. Se riusciro nell’impresa, crescerà la mia fiducia in vista dei Mondiali di Pechino dove proverò a vincere il titolo sui 5000 metri. Voglio rendere orgoglioso il mio paese”, ha detto la Dibaba

Circa 1500 fans etiopi saranno presenti al Bislett per sostenere la loro connazionale nel tentativo di stabilire il settantesimo record della storia dei Bislett Games.

3000 siepi maschili: Birech cerca la rivincita con Kemboi  

Jairus Birech, dominatore della Diamond League nel 2014 inseguirà il secondo successo consecutivo al Bislett dopo il successo della passata edizione quando fermò il cronometro in 8’02”37. Birech ritroverà in gara il tre volte campione mondiale e due volte oro olimpico Ezekiel Kemboi che lo ha battuto per dodici centesimi di secondo poche settimane fa a Eugene stabilendo il miglior tempo mondiale dell’anno con 8’01”71.

1500 metri femminili:  

Eccellente anche il cast dei 1500 femminili dove si preannuncia un assalto alla barriera dei 4 minuti. Saranno tante le protagoniste in gara come la campionessa mondiale juniores Dawit Seyaum,che a 18 anni ha vinto la prima tappa della Diamond League a Doha e ha corso sotto i 4 minuti a Roma con 3’59”76, la campionessa mondiale Abeba Aregawi, apparsa in ripresa a Birmingham dove si è piazzata seconda in 4’01”97, la campionessa mondiale juniores di Barcellona 2012 Faith Kipyegon, che a Eugene ha ha fatto registrare un eccellente 14’31”96 sui 5000 metri, e la giovane britannica Laura Muir, che ha migliorato il suo record con 4’00”61 piazzandosi quarta al Golden Gala di Roma.


di Diego Sampaolo 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.