NHL: lo spettacolo delle Stanley Cup Finals

Chicago Blackhawks contro Tampa Bay Lightning, ovvero esperienza e storia contro freschezza e velocità. Una sfida che può diventare un classico

Getty

0 condivisioni 0 commenti

Share

Una finale, stupenda, sulla carta. Sul ghiaccio, non si sa, perché nascerà dopo alcuni giorni di studio tattico da parte dei due allenatori. Chicago Blackhawks contro Tampa Bay Lightning, ovvero una delle Original Six - i sei club stabilmente nella NHL dagli anni 40 agli anni 60 - contro una delle relativamente nuove, e casualmente anche una finale tra una squadra esperta e marmorea, vincitrice di due Stanley Cup nei cinque anni precedenti, e un’avversaria che fa della bassa età media e della relativa esperienza un punto di forza, tradotto spesso in una energia e in una leggerezza d’animo che ha sorpreso, come nelle vittorie esterne in gara7 dei turni precedenti a Montreal e New York, nella casa dei Rangers.

Chicago ha vinto il titolo nel 2010 e nel 2013, e ha sul ghiaccio giocatori come Marian Hossa, Jonathan Toews, Patrick Sharp e Duncan Keith. Ha alle spalle una cultura di hockey che dura da decenni ma che si è rivalutata con la gestione del proprietario Randy Wiltz, succeduto nel 2007 al padre Bill i cui metodi erano diventati sgraditi a moltissimi tifosi e all’opinione pubblica locale, molto intensa. Al contrario di tante altre città, in cui si possono individuare distintamente uno o due sport che prevalgono sugli altri (a Dallas, ad esempio, è il football), Chicago è città di basket, di football, di baseball e di hockey a seconda delle stagioni, che nello sport americano del resto si sovrappongono formando un continuum esaltante per chi ha modo, tempo e denaro per seguirle. Fossero arrivati i Bulls alla Finale NBA, ad esempio, invece di essere eliminati nelle semifinali di conference, in questi giorni avremmo non solo un’alternanza di partite di un’adorata squadra locale, ma addirittura un mescolarsi di parquet e ghiaccio nella stessa arena, lo United Center. Non è così e va bene, ma resta il fermento locale per i Blackhawks, di cui è possibile scorgere la t-shirt o la casacca o il giubbotto o il cappellino addosso a tantissimo residenti locali, girando in città in qualsiasi momento.

Tampa è un altro mondo, una località - come tutte quelle a sud, di espansione relativamente recente sul piano della NHL - vista a volte con sospetto da chi ritiene che non c'entri nulla l'hockey con posti dove, appena esci dall'arena (dentro, come noto, fa freddo), puoi infilarti gli infradito anche in pieno inverno. Ma Tampa (fondata nel 1992) un titolo lo ha già vinto, 11 anni fa, e la sua ascesa nella stagione attuale è quella di una squadra che programma e non vive su allori temporanei, grazie a gente come Steven Stamkos (canadese, capitano, 25 anni), Nikita Kucherov (russo, 21 anni), Tyler Johnson (24 anni).


Motivo per cui gli addetti ai lavori, analizzando le sfide, propendono per Chicago ma con un margine minimo, e uno di loro ha addirittura previsto (tanto, cosa cambia?) che vinceranno i Blackhawks in gara7 dopo tre (!) supplementari.

Le finali di Stanley Cup vanno in onda da questa notte alle 2 su Fox Sports 2 HD. Il calendario:
gara1 Tampa Bay-Chicago 4 giugno ore 2 (replica alle 12 e alle 22)
gara 2 Tampa Bay-Chicago 7 giugno ore 1.15 (replica alle 11 e alle 22)
gara3 Chicago-Tampa Bay 9 giugno ore 2 (replica alle 12 e alle 23)
gara4 Chicago-Tampa Bay 11 giugno ore 2 (replica alle 12 e alle 23)
gara 5 (se necessaria) Tampa Bay-Chicago 14 giugno ore 2 (replica alle 13 e alle 23)
gara6 (se necessaria) Chicago-Tampa Bay 16 giugno ore 2 (replica alle 12 e alle 22)
gara7 (se necessaria) Tampa Bay-Chicago 18 giugno ore 2

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.