Terremoto FIFA: sei arrestati in Svizzera, indagato Sepp Blatter

Tra gli arrestati c'è anche il vice-presidente Jeffrey Webb

0 condivisioni 0 commenti

Share

Stamattina sei dirigenti di spicco della FIFA, sono stati arrestati a Zurigo su richiesta delle autorità statunitensi. Sono accusati di corruzione, frode, riciclaggio di denaro e associazione per delinquere: un giro di tangenti di oltre 100 milioni di euro. Anche Sepp Blatter risulta indagato dall’FBI, ma non per il reato di corruzione.

L’inchiesta vuole far luce sull’attività della FIFA degli ultimi vent’anni, e in particolare sulle modalità di assegnazione di due Mondiali, sugli accordi di marketing e sullo sfruttamento dei diritti televisivi.

Tra i nomi degli arrestati ci sono il vicepresidente Jeffrey Webb, Eugenio Figueredo, Jack Warner, Eduardo Li, Julio Rocha, Costas Takkas, Rafael Esquivel, José Maria Marin and Nicolás Leoz. Secondo quanto riportato dal New York Times, i nomi sono 14, ma non tutti erano presenti in albergo.

La polizia svizzera avrebbe compiuto l’operazione all’alba di questa mattina, raggiungendo l’hotel Baur au Lac, sede del meeting annuale della FIFA e teatro della sfida tra il presidente uscente Blatter, a caccia di rielezione (per lui sarebbe il quinto mandato consecutivo) e il principe giordano Ali bin Al Hussein. Gli agenti hanno eseguito gli arresti salendo direttamente nelle camere, dopo essersi fatti consegnare le chiavi dal personale dell’hotel.

Secondo quanto riportato dal sito ufficiale della FIFA, è in programma una conferenza stampa per le 11.00 di questa mattina.

Seguiranno aggiornamenti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.