Il fulmine Bolt accende Ostrava

In onda su Fox Sports 2 HD il secondo appuntamento del World Challenge IAAF dalle ore 17.30 di Martedì 26 Maggio

0 condivisioni 0 commenti

Share

Atteso debutto stagionale europeo di Usain Bolt sui 200 metri

Salto in alto con Bogdan Bondarenko e il primatista italiano Marco Fassinotti

Asafa Powell torna sulla pista di Ostrava

 

Il sei volte campione olimpico dello sprint Usain Bolt debutterà sul palcoscenico europeo in questa stagione Martedì 26 Maggio al Golden Spike di Ostrava, città della Repubblica Ceca che ospita ogni anno uno dei meeting di maggiore fascino del circuito IAAF World Challenge. Il Golden Spike in programma nel rinnovato Metsky Stadium sarà trasmesso in diretta su Fox Sports 2 dalle ore 17.30

La “freccia di Trelawny”, come viene soprannominata la super star giamaicana, tornerà a calcare la pista del rinnovato stadio di Ostrava dopo due anni di assenza

Bolt disputerà i 200 metri la per terza volta su sette partecipazioni a questo meeting. Vinse due volte nel 2006 e nel 2008. In occasione del suo secondo successo realizzò il primato del meeting con 19”83  Nelle altre sue gare a Ostrava ha vinto i 100 metri tre volte tra il 2009 e il 2012 e i 300 metri nel 2010 in 30”97, secondo miglior tempo mai realizzato su questa distanza non olimpica.

“Ho debuttato a Ostrava nel 2006 e ho sempre amato correre davanti ad un pubblico competente ed entusiasta. Ho saputo che lo stadio è stato rinnovato per l’edizione di quest’anno. Non vedo l’ora di correre nel nuovo stadio. Mi sento molto meglio rispetto alle prime gare stagionali. Mi concentrerò soprattutto sui 200 metri perché mi aiuteranno a migliorare le mie prestazioni sui 100 metri. Voglio porre l’asticella molto in alto e superare il mio record ai Mondiali di Pechino.”, ha detto Bolt.

Salto in alto maschile:

Nel salto in alto maschile il campione mondiale ucraino Bohdan Bondarenko cercherà il secondo successo consecutivo a Ostrava dopo aver saltato 2.37 a Kawasaki.

La gara vedrà al via anche il primatista italiano Marco Fassinotti, che torna in Repubblica Ceca pochi mesi dopo aver eguagliato il suo record italiano con 2.34 in un meeting dedicato solo a questa specialità a Hustopece.

Fassinotti é salito sulla ribalta nel Febbraio 2014 quando migliorò il record italiano indoor con 2.34 ai Campionati Italiani Indoor di Ancona strappandolo a Marcello Benvenuti che lo deteneva dal 1989. Lo scorso anno l’azzurro si è piazzato sesto ai Mondiali Indoor di Sopot e settimo agli Europei di Zurigo e ha superato il suo record outdoor con 2.30 a Montecarlo

Il ventiseienne piemontese ha iniziato a praticare atletica all’età di 11 anni dopo aver letto un volantino promozionale del Cus Torino, la squadra della sua città. Agli inizi si dedicò al salto in lungo ma successivamente è passato al salto in alto sotto la guida della sua prima allenatrice Valeria Musso.

Dal Gennaio 2013 Marco vive e si allena a Birmingham sotto la guida del tecnico britannico Fuzz Ahmed, ex saltatore di origini pachistane con un personale di 2.21m che, dopo aver interrotto la carriera sportiva per un infortunio, si dedicò all’attività di attore per la popolare soap opera inglese “Coronation Street” trasmessa sulla BBC.

Ahmed ha allenato l’argento olimpico di Pechino 2008 Germaine Mason e allena tuttora il bronzo olimpico di Londra 2012 Robbie Grabarz, compagno di allenamenti di Fassinotti lavorando dal 2009 come responsabile del salto in alto per la Federazione britannica. Ahmed ha adottato nei suoi metodi di allenamento i principi che ha imparato durante la sua carriera di attore.

“Ho scelto di trasferirmi a Birmingham in cerca di nuovi stimoli. A Torino era difficile allenarsi durante l’inverno a causa del freddo e della carenza di impianti. Nel Gennaio 2013 sono partito per Birmingham. Agli inizi non è sto facile. Ho avuto qualche momento di nostalgia ma ora mi sono integrato bene.  Sono diventato parte integrante della famiglia del mio allenatore. Faccio da “baby sitter” ai suoi figli piccoli. Con il mio allenatore ho costruito un bellissimo rapporto. Mi alleno all’High Performance Centre di Birmingham dove ho trovato impianti all’avanguardia nei quali è possibile allenarsi bene anche durante l’inverno”, ha detto Fassinotti

“Ora mi scambiano per un cittadino del posto che parla con l’accento delle West Midlands. Frequento i miei compagni di allenamento anche al di fuori del campo di allenamento. Andiamo insieme a bere una birra o al cinema”

100 metri maschili:

Nello sprint torna un’altra “vecchia conoscenza” del meeting Asafa Powell che è tornato a grandi livelli in questa stagione vincendo in 9”84 al Jamaican Invitational di Kingston. Il trentaduenne giamaicano detiene il record del meeting dal 2010 con 9”83.

Salto triplo maschile:

Nel salto triplo torna in pedana il campione olimpico del salto triplo Christian Taylor dopo il formidabile 18.04m al meeting di Doha che gli ha regalato la quarta migliore prestazione mondiale di sempre.

600 metri maschili:  

Nel mezzofondo veloce sarà assicurato lo spettacolo con il campione olimpico e primatista degli 800 metri David Rudisha che torna sulla pista ceca sulla distanza non olimpica dei 600 metri a cinque anni dalla sua ultima apparizione in questo meeting. Obiettivo è la migliore prestazione mondiale all-time detenuta dallo statunitense Johnny Gray con 1’12”81.

“Sono entusiasta di poter esordire a Ostrava. Spero di poter correre più velocemente del mio record personale di 1’13”71 realizzato lo scorso anno al mio debutto su questa distanza”, ha detto Rudisha.

Il due volte campione del mondo dei 1500 metri Asbel Kiprop correrà il primo 1000 metri della sua carriera con l’obiettivo di battere il record del meeting detenuto da Ilham Tanui Ozbilen con 2’15”08.

Lancio del giavellotto:

In Repubblica Ceca non potrebbe mancare il lancio del giavellotto, terra di grandi interpreti di questa specialità come Jan Zelezny, primatista del mondo e tre volte campione olimpico che ora guida l’organizzazione del meeting di Ostrava insieme al giornalista e manager slovacco Alfons Juck.

Nel giavellotto femminile scenderà in pedana la primatista del mondo e due volte campionessa olimpica Barbora Spotakova che ha chiamato suo figlio Jan in onore proprio di Zelezny. La fuoriclasse ceca affronterà le altre stelle della specialità Christina Obergfoll e Mariya Abakumova, diventate a loro volta mamme negli ultimi anni.

Nell’analoga gara al maschile il pubblico di Ostrava potrà applaudire il beniamino locale Viteszlav Vezely (vice campione mondiale a Mosca) che dovrà vedersela con il primatista mondiale stagionale Tero Pitkamaki e la nuova generazione dei giavellottisti africani Julius Yego del Kenya e Ihab Abdelrahman dell’Egitto, due talenti sbocciati sotto la guida del tecnico finlandese Pettari Piironen presso il Centro della IAAF di Kuortane in Finlandia.

Il meeting avrà un prologo Lunedì con le gare valide per il Challenge IAAF del Lancio del Martello che vedranno in gara la primatista mondiale Anita Wlodarczzyk, prima nelle liste mondiali dell’anno con il lancio da 77.73 metri realizzato a Pechino, in campo femminile, e il duello tra il campione olimpico Krisztian Pars e il campione del mondo Pawel Fajdek.

di Diego Sampaolo

 


 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.