IAAF World Challenge a Hengelo: Schippers vola in 10''94

Il resoconto di Diego Sampaolo

0 condivisioni 0 commenti

Share

Stepitosa Schippers sotto gli 11 secondi: 10”94 nei 100 metri

Ujah vince i 100 metri sulla pista portafortuna

Hassan batte il record olandese dei 1000 metri della campionessa olimpica di Barcellona Ellen Van Langen


Grande atletica nel pomeriggio dei Fanny Blankers Koen Games di Hengelo trasmessi su Fox Sports 2  dove Dafne Schippers ha migliorato il nuovo record nazionale con un formidabile 10”94 con vento regolare di +1.8 m/s. 

La giovane olandese ha stabilito il miglior tempo europeo dell’anno e terza prestazione mondiale dell’anno. Schippers aveva un primato personale di 11”03 stabilito lo scorso anno a Glasgow. Quest’anno ha corso in 10”90 con vento a favore oltre la norma al meeting di Clermont in Florida.

La tripla campionessa europea dei 60 metri indoor e dei 100 e dei 200 metri outdoor ha avuto la meglio sulla campionessa mondiale juniores dei 100 metri Dina Asher Smith che ha stabilito il record britannico con 11”02. L’altra britannica Asha Phillips, ex campionessa mondiale a livello allieve, ha stabilito la terza migliore prestazione britannica all-time con 11”10.

La giovane fuoriclasse di Utrecht si trova ora di fronte ad una decisione difficile, se gareggiare nella velocità o puntare sull’eptathlon ai Mondiali di Pechino. Nelle prove multiple vanta la medaglia di bronzo ai Mondiali di Mosca. Dipenderà tutto dall’esito della gara di eptathlon di Gotzis in Austria dove tornerà a cimentarsi settimana prossima dopo un anno.

Prenderò la decisione dopo aver disputato Gotzis e alcune gare di velocità nelle settimane successive”, ha detto la Schippers.

Nei 100 metri maschili ha brillato il giovane talento britannico Chijundu Ujah che si è imposto in 10”09 sulla pista che gli portò già fortuna lo scorso anno quando scese sotto i 10 secondi con 9”96. Ujah emerse in Italia due anni fa quando vinse il titolo europeo juniores a Rieti. Ujah ha avuto la meglio per tre centesimi sul sudafricano Akani Simbine (10”09) e per un decimo di secondo sul campione europeo dei 200 metri Adam Gemili, terzo in 10”19

Il meeting dedicato alla memoria della quattro volte campionessa olimpica di Londra 1948 Fanny Blankers Koen si è concluso in bellezza con i 1000 metri femminili dove la giovane olandese di origini etiopi Sifan Hassan ha migliorato il record nazionale detenuto dalla campionessa olimpica di Barcellona 1992 Ellen Van Langen correndo in un ottimo 2’34”68. Proprio la Van Langen, che lavora nell’organizzazione come manager del meeting, ha abbracciato la Hassan dopo la linea del traguardo.

Sempre dal mezzofondo è arrivato uno dei migliori risultati tecnici del meeting grazie all’eccellente 3000 metri vinto da Irene Jelagat in 8’36”90,. Secondo posto per la giovane scozzese Laura Muir che ha fermato il cronometro in 8’38”47. L’unica italiana Giulia Viola si è piazzata al tredicesimo posto in 9’17”34.

Il campione mondiale under 18 Robert Biwott Kiptoo ha stabilito la migliore prestazione mondiale dell’anno sui 1500 metri con 3’33”64 a 19 anni

Molto incerti gli 800 metri maschili dove il campione europeo di Barcellona 2010 Marcin Lewandowski della Polonia ha preceduto per appena due centesimi di secondo il tedesco Robert Schhembera in 1’45”46.

La saltatrice con l’asta greca Nikoleta Kiryakopoulou ha confermato il suo straordinario momento vincendo anche la gara di Hengelo con 4.60 una settimana dopo il successo in Diamond League a Shanghai con il record nazionale portato alla misura di 4.73m

Nel salto in lungo è tornato sulla ribalta il tedesco Markus Rehm, atleta amputato che salta con la protesi e che si è imposto con 8.07m. Ashton Eaton ha superato la barriera degli 8 metri classificandosi terzo con 8.03 in un ottimo test in vista del decathlon nel grande meeting di prove multiple di settimana prossima a Gotzis in Austria.

La Germania ha fatto doppietta vincendo anche il lungo femminile con Sostene Moguenara (atleta tedesca originaria del Chad) che si è imposta con 6.77.

Nei 100 ostacoli femminili la campionessa europea indoor di Praga 2015 Alina Talay ha fermato il cronometro in un ottimo 12”70 superando la medaglia di bronzo degli Europei di Zurigo Cindy Roleder (12”92). La canadese Brianne Theisen Eaton, mogle di Ashton Eaton e grande eptathleta, si è comportata bene stabilendo il  record personale con 13”05

di Diego Sampaolo

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.