Iniziata la Diamond League: i protagonisti di Doha

La stagione della IAAF Diamond League è iniziata con il botto con una formidabile gara di triplo maschile a Doha dove Pedro Pablo Pichardo e Christian Taylor volano oltre i 18 metri

0 condivisioni 0 commenti

Share

Inizio da favola con 11 migliori prestazioni mondiali dell’anno

Conferma a grandi livelli della statunitense Stowers nei 100 ostacoli

Super velocità con Felix e Gatlin

Triplo da sogno: Pichardo e Taylor oltre i 18 metri

Nella magica serata di Doha due giovani campioni, il cubano Pedro Pablo Pichardo e Christan Taylor hanno dato vita alla più grande gara di salto triplo della storia. Mai prima infatti due triplisti erano riusciti a superare la mitica barriera dei 18 metri nella stessa gara. E’ successo al Qatar Sports Club dove Pichardo ha migliorato il suo freschissimo record cubano di 12 centimetri planando alla misura incredibile di 18.06m al terzo tentativo, terza misura di sempre dietro al record mondiale del grande Jonathan Edwards (18.29m ottenuto ai Mondiali di Goteborg 1995) e dello statunitense Kenny Harrison (18.09 alle Olimpiadi di Atlanta 1996). All’ultimo tentativo il campione olimpico in carica Taylor ha risposto con un altrettanto formidabile 18.04m.. Prima di Doha la migliore misura per un secondo classificato della storia.era stata realizzata da Edwards in occasione della medaglia d’argento olimpica ad Atlanta con 17.88m. Se il 2014 è stato l’anno del salto in alto, il 2015 promette di diventare l’anno del triplo.

Pichardo emerse sulla ribalta mondiale nel 2012 in occasione del titolo mondiale juniores a Barcellona. L’anno dopo vinse l’argento ai Mondiali di Mosca al termine di un bellissimo duello con il francese Teddy Tamgho (terzo classificato a Doha con 17.24 ma infortunatosi gravemente durante un tentativo). Viene da una famiglia di sportivi. Suo padre Jorge è stato un saltatore in alto da 2.10 prima di dedicarsi all’attività di insegnante di educazione fisica. La madre è ballerina. Anche la sorella maggiore ha praticato salto triplo ma ha smesso per un infortunio alla caviglia. E’ allenato da Daniel Osorio, che partecipò ai Mondiali di Stoccarda 1993 nel triplo e arrivò a saltare la misura di 16.78m

“Penso di poter saltare 18.30. Penso di aver preso diversi elementi dei tre atleti che hanno superato i 18 metri prima di me. Ho la velocità di Edwards e la tecnica di Harrison e Tamgho” ha detto dopo la gara Pichardo.

Taylor emerse giovanissimo in occasione della medaglia d’oro ai Mondiali under 18 a Ostrava nel 2007 dove vinse anche il bronzo nel salto in lungo. Vinse due titoli universitari statunitensi consecutivi NCAA sia a livello indoor che outdoor nel 2010 e nel 2011 rappresentando la University of Florida. Taylor, nato a Fayetteville da genitori originari di Barbados, si è distinto fin dai tempi della high school anche come eccellente quattrocentista vincendo la 4x400 alla Southeastern Conference (dove si aggiudicò anche il triplo e il lungo). Dotato di notevole velocità vanta un personale sul giro di pista di 45”17 alle Drake Relays di Des Moines del 2014. Nel 2012 Taylor si trasferì dal caldo della Florida al freddo dell’Inghilterra per seguire il suo coach Rena Reider, assunto dalla Federazione britannica. “E’ stato difficile adattarsi al cambiamento climatico essendo abituato al sole di Gainesville ma mi piace allenarmi presso l’High Performance Centre di Loughborogh nelle Midlands”

“E’ un giorno speciale per me superare i 18 metri per la prima volta in carriera. Penso che ai Mondiali di Pechino potremo assistere ad una gara ancora migliore”, ha commentato Taylor.

Jasmine Stowers nuova stella dei 100 ostacoli:

La copertina a livello femminile spetta a Jasmine Stowers, che ha realizzato la settima migliore prestazione all-time sui 100 ostacoli con un formidabile 12”35 La ventitreenne statunitense, studentessa della Louisiana State University, aveva come miglior risultato un quarto posto ai Mondiali under 18 di Ostrava 2007. Prima della stagione 2015 vantava un personale di 12”71 migliorato in due occasioni in questa stagione con 12”40 a Des Moines e 12”39 a Kingston.

Velocità super con Gatlin e Felix:

Nei 100 metri maschili Justin Gatlin ha polverizzato il suo record personale con 9”74 diventando il quarto di sempre e il migliore al mondo degli ultimi tre anni. Ci sarà da divertirsi quest’anno con la sfida ai mondiali con Usain Bolt che ora dovrà stare attento allo statunitense che nel 2014 è stato il più veloce al mondo sia sui 100 che sui 200.

La notte di Doha è stata illuminata anche dalla corsa elegante di Allyson Felix che è scesa sotto i 22 secondi con 21”98 firmando la sua undicesima vittoria sulla sua pista preferita di Doha e il suo miglior tempo dalla finale olimpica di Londra dove vinse in 21”88.Eccellente anche l’ivoriana Murielle Ahouré che ha realizzato il suo secondo miglior tempo di sempre con 22”29

Grande mezzofondo con Gebrehiwet, Seyaum e Souleyman

L’etiope Hagos Gebrehwet ha battuto il campione olimpico, mondiale e europeo dei 5000 e dei 10000 metri Mo Farah per 14 centesimi di secondo in 7’38”08 al termine di una fantastica volata. confermandosi come uno dei più grandi talenti del mezzofondo prolungato.

Sempre dall’Etiopia proviene la diciottenne Dawit Seyaum che ha conquistato il suo primo successo in Diamond League sui 1500 metri in 4’00”96 battendo l’olandese di origini etiopi Sifan Hassan. Seyaum si mise in luce l’anno scorso vincendo il titolo mondiale juniores a Eugene e promette di essere uno dei nomi da seguire in questa stagione.

Negli 800 metri il ventiduenne di Gibuti Ayanleh Souleiman ha firmato la migliore prestazione mondiale dell’anno con 1’43”78 battendo grazie ad un allungo decisivo negli ultimi 200 metri Ferguson Rotich e il campione del mondo juniores Alfred Kipketer, il primatista francese Pierre Ambroise Bosse e e il due volte campione mondiale dei 1500 Asbel Kiprop

Giavellotto super di Pitkamaki

Il finlandese Tero Pitkamaki.ha acceso la gara del giavellotto maschile all’ultimo tentativo con un lancio da 88.62 che gli ha permesso di passare in un solo colpo dal quinto al primo posto e di strappare la vittoria al vice campione mondiale Viteszalv Vesely che conduceva con 83.67

Impressionante dimostrazione di regolarità del tedesco David Storl che nel getto del peso ha scagliato l’attrezzo alla misura di 21.51 vincendo il duello con lo statunitense Reese Hoffa (21.10)

La discobola croata Sandra Perkovic, campionessa europea, mondiale e olimpica e dominatrice delle ultime tre stagioni della Diamond League, ha superato la barriera d’eccellenza dei 68metri con 68.10.

Bartoletta sfiora i 7 metri nel lungo:

La velocista-lunghista statunitense Tianna Bartoletta ha sfiorato il muro dei 7 metri nel lungo femminile con un eccellente 6.99m all’ultimo tentativo che le ha permesso di battere la britannica Shara Proctor che ha eguagliato il record britannico con 6.95. Bartoletta, grande talento emerso nel 2005 a 19 anni in occasione dei Mondiali di Helsinki, si divide con succeso tra lungo e velocità. Nel 2012 contribuì al titolo olimpico della 4x100 statunitense con il record del mondo. Nel 2012 Bartoletta ha gareggiato nella Coppa del Mondo di bob. E’ sposata con l’italo-statunitense John Bartoletta,

Di Diego Sampaolo 

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.